Modifica di Fetonte



				

				

Attenzione: Accesso non effettuato. Nella cronologia della pagina verrà registrato l'indirizzo IP.

Questa modifica può essere annullata. Verificare il confronto presentato di seguito per accertarsi che il contenuto corrisponda a quanto desiderato e quindi salvare le modifiche per completare la procedura di annullamento.

Versione corrente Il tuo testo
Riga 1: Riga 1:
-
Figlio di [[Elios]] e di [[Climene]], fratello di [[Egle]], [[Lampezia]] e [[Fetusa]] (alcuni autori aggiungono [[Eteria]], [[Elie]], [[Merope (7)|Merope]], [[Dioxippe]], [[Febe (4)|Febe]]): il suo padre adottivo era il re d'Etiopia [[Merope (4)|Merope]]. Divenuto grande, Fetonte (vedi Ovidio, [[Metamorfosi]] 11, 1 ss) apprese dalla madre di essere figlio di [[Elios]], sicché si mise in testa di guidare il carro solare attorno alla Terra. Decisiva però fu una provocazione di [[Epafo]], che aveva espresso il proprio scetticismo sull'ascendenza divina di Fetonte. [[Elios]], inizialmente non volle accontentare il figlio ma visto che anche la madre insisteva, dopo averlo istruito, gli consegnò il carro. Il giovane iniziò così a sorvolare la terra, ma i cavalli, accortisi che il  guidatore era inesperto, gli presero la mano e lo portarono fuori dalla via normale, creando lo scompiglio generale. A [[Zeus]] non restò altro che fulminare il giovane per evitare la distruzione della Terra. Fetonte precipitò nell'[[Eridano]]; la madre e le sorelle partirono per recuperare il corpo del giovane e lo deposero su una delle rive del fiume, e qui lo piansero sconsolatamente insieme a [[Cicno (3)|Cicno]], il giovane re dei Liguri amico di Fetonte, finché gli dèi impietositi mutarono le [[Eliadi]] in pioppi, mentre [[Cicno (3)|Cicno]] fu trasformato in cigno e alla sua morte venne trasportato nelle costellazioni. [[Elios]], addolorato, non voleva più guidare il carro solare e [[Zeus]] dovette tribolare parecchio con le buone maniere e con gravi minacce per farlo mettere nuovamente al lavoro.
+
Il suo nome significa "che splende", figlio di [[Elios]] e di [[Climene]], fratello di [[Egle]], [[Lampezia]] e [[Fetusa]] (alcuni autori aggiungono [[Eteria]], [[Elie]], [[Merope (7)|Merope]], [[Dioxippe]], [[Febe]]): il suo padre adottivo era il re d'Etiopia [[Merope (4)|Merope]]. Divenuto grande, Fetonte (vedi Ovidio, [[Metamorfosi]] 11, 1 ss) apprese dalla madre di essere figlio di [[Elios]], sicché si mise in testa di guidare il carro solare attorno alla Terra. Decisiva però fu una provocazione di [[Epafo]], che aveva espresso il proprio scetticismo sull'ascendenza divina di Fetonte. [[Elios]], inizialmente non volle accontentare il figlio ma visto che anche la madre insisteva, dopo averlo istruito, gli consegnò il carro. Il giovane iniziò così a sorvolare la terra, ma i cavalli, accortisi che il  guidatore era inesperto, gli presero la mano e lo portarono fuori dalla via normale, creando lo scompiglio generale. A [[Zeus]] non restò altro che fulminare il giovane per evitare la distruzione della Terra. Fetonte precipitò nell'[[Eridano]]; la madre e le sorelle partirono per recuperare il corpo del giovane e lo deposero su una delle rive del fiume, e qui lo piansero sconsolatamente insieme a [[Cicno (3)|Cicno]], il giovane re dei Liguri amico di Fetonte, finché gli dèi impietositi mutarono le [[Eliadi]] in pioppi, mentre [[Cicno (3)|Cicno]] fu trasformato in cigno e alla sua morte venne trasportato nelle costellazioni. [[Elios]], addolorato, non voleva più guidare il carro solare e [[Zeus]] dovette tribolare parecchio con le buone maniere e con gravi minacce per farlo mettere nuovamente al lavoro.
<br>Secondo [[Esiodo]], invece, Fetonte era figlio di [[Cefalo]] ed [[Eos]].
<br>Secondo [[Esiodo]], invece, Fetonte era figlio di [[Cefalo]] ed [[Eos]].
-
==Epiteti==
+
== Bibliografia ==
-
*[[Adimno]] (a [[Creta]])
+
=== Fonti Antiche ===
-
 
+
*[[Ovidio]], ''[[Metamorfosi]]''
-
== Etimologia ==
+
-
Il suo nome significa " ''che splende'' ".
+
-
 
+
-
{{Bibliografia}}
+
-
 
+
== Riferimenti artistici ==
== Riferimenti artistici ==
*Giambattista Tiepolo, ''La caduta di Fetonte e le Eliadi trasformate in pioppi'', affresco.
*Giambattista Tiepolo, ''La caduta di Fetonte e le Eliadi trasformate in pioppi'', affresco.
-
[[Categoria:Mitologia Classica]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
[[Categoria:Mitologia Greca]]
[[Categoria:Europa]]
[[Categoria:Europa]]
Image Plus

Nota: tutti i contributi inviati a Il Crepuscolo degli Dèi possono essere modificati, stravolti o cancellati da parte degli altri partecipanti. Se non desideri che i tuoi testi possano essere modificati senza alcun riguardo, non inviarli a questo sito.
Con l'invio del testo dichiari inoltre, sotto la tua responsabilità, che il testo è stato scritto da te personalmente oppure che è stato copiato da una fonte di pubblico dominio o analogamente libera. (vedi Il_Crepuscolo_degli_Dèi:Copyright per maggiori dettagli) NON INVIARE MATERIALE COPERTO DA DIRITTO DI AUTORE SENZA AUTORIZZAZIONE!


Annulla | Guida (si apre in una nuova finestra)

Template utilizzati in questa pagina: