Faro (1)

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|200px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Femmina
 +
|sezione=Mitologia Africana Tribale
 +
|continente=Africa
 +
|area=Africa Occidentale
 +
|paese=Mali
 +
|origine=Bambara
 +
|tipologia=Creature Fantastiche
 +
|sottotipologia=Esseri Intermediari
 +
|specificità=Elementali
 +
|indole=Malevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=Acqua
 +
|habitat=Fiume
 +
|ambiti=-
 +
}}
 +
Sono i geni (v. [[Guinnè]]) dell'acqua. Generalmente malefici, rovesciano le barche e divorano i cadaveri (ma limitatamente all'ombelico ed alla punta del naso), e provocano le inondazioni. Sono a volte raffigurati come donne di dimensione gigantesca e di pelle chiara, con lunghi capelli neri e lisci. Altre volte il loro sesso resta incerto o, meglio, si deve pensare siano androgini. Abitano in villaggi costruiti nel fondo delle acque. Per proteggersi dal loro cattivo influsso è necessario fare offerte di dolciumi o di pomodori. Il Faro per antonomasia è quello del fiume Niger, che ha acquistato una sua personalità indipendente. Si racconta che all'inizio dei tempi un Faro fu ingravidato dalle oscillazioni dell'universo e dette vita a due gemelli, che sono i progenitori degli uomini. Fu questo Faro originario ad insegnare agli uomini il linguaggio, la pesca e l'agricoltura.
Sono i geni (v. [[Guinnè]]) dell'acqua. Generalmente malefici, rovesciano le barche e divorano i cadaveri (ma limitatamente all'ombelico ed alla punta del naso), e provocano le inondazioni. Sono a volte raffigurati come donne di dimensione gigantesca e di pelle chiara, con lunghi capelli neri e lisci. Altre volte il loro sesso resta incerto o, meglio, si deve pensare siano androgini. Abitano in villaggi costruiti nel fondo delle acque. Per proteggersi dal loro cattivo influsso è necessario fare offerte di dolciumi o di pomodori. Il Faro per antonomasia è quello del fiume Niger, che ha acquistato una sua personalità indipendente. Si racconta che all'inizio dei tempi un Faro fu ingravidato dalle oscillazioni dell'universo e dette vita a due gemelli, che sono i progenitori degli uomini. Fu questo Faro originario ad insegnare agli uomini il linguaggio, la pesca e l'agricoltura.

Versione del 16:05, 8 ago 2019

SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Femmina
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Africana Tribale
Continente: Africa
Area: Africa Occidentale
Paese: Mali
Popolo/Regione: Bambara
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Creature Fantastiche
Sottotipologia: Esseri Intermediari
Specificità: Elementali
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Malevola
Elemento: Acqua
Habitat: Fiume
Tematiche: -

Sono i geni (v. Guinnè) dell'acqua. Generalmente malefici, rovesciano le barche e divorano i cadaveri (ma limitatamente all'ombelico ed alla punta del naso), e provocano le inondazioni. Sono a volte raffigurati come donne di dimensione gigantesca e di pelle chiara, con lunghi capelli neri e lisci. Altre volte il loro sesso resta incerto o, meglio, si deve pensare siano androgini. Abitano in villaggi costruiti nel fondo delle acque. Per proteggersi dal loro cattivo influsso è necessario fare offerte di dolciumi o di pomodori. Il Faro per antonomasia è quello del fiume Niger, che ha acquistato una sua personalità indipendente. Si racconta che all'inizio dei tempi un Faro fu ingravidato dalle oscillazioni dell'universo e dette vita a due gemelli, che sono i progenitori degli uomini. Fu questo Faro originario ad insegnare agli uomini il linguaggio, la pesca e l'agricoltura.