Evandro

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Riga 1: Riga 1:
-
Figlio di [[Ermes]] e di [[Timandra (2)|Timandra]], o della ninfa amadriade [[Temi (3)]]) o di [[Carmenta]], donna mortale poi divenuta dea; venne dall'[[Arcadia]] nel Lazio, e vi fondò una città sul Palatino chiamata [[Pallanteo]] (o Pallantea, o ancora Palazio). Insegnò agli abitanti del luogo la scrittura e la musica e introdusse il culto di [[Cerere]], di [[Eracle]] e di [[Pan]], che lì fu chiamato [[Fauno]]. Quando [[Enea]] venne in Italia gli offrì la sua protezione contro [[Turno]]: non potendo però combattere per l'età avanzata delegò tale compito al proprio figlio [[Pallante]]. Secondo alcune fonti fu padre anche di una femmina [[Dina]], che venne rapita da [[Caco]] e liberata da [[Ercole]]. A Roma fu venerato tra gli eroi indigeti.
+
Figlio di [[Ermes]] e di [[Timandra (2)|Timandra]], o della ninfa amadriade [[Temi (3)]] o di [[Carmenta]], donna mortale poi divenuta dea; venne dall'[[Arcadia]] nel Lazio, e vi fondò una città sul Palatino chiamata [[Pallanteo]] (o Pallantea, o ancora Palazio). Insegnò agli abitanti del luogo la scrittura e la musica e introdusse il culto di [[Cerere]], di [[Eracle]] e di [[Pan]], che lì fu chiamato [[Fauno]]. Quando [[Enea]] venne in Italia gli offrì la sua protezione contro [[Turno]]: non potendo però combattere per l'età avanzata delegò tale compito al proprio figlio [[Pallante]]. Secondo alcune fonti fu padre anche di una femmina [[Dina]], che venne rapita da [[Caco]] e liberata da [[Ercole]]. A Roma fu venerato tra gli eroi indigeti.
[[Categoria:Mitologia Greca]]
[[Categoria:Mitologia Greca]]

Versione del 11:24, 8 feb 2012

Figlio di Ermes e di Timandra, o della ninfa amadriade Temi (3) o di Carmenta, donna mortale poi divenuta dea; venne dall'Arcadia nel Lazio, e vi fondò una città sul Palatino chiamata Pallanteo (o Pallantea, o ancora Palazio). Insegnò agli abitanti del luogo la scrittura e la musica e introdusse il culto di Cerere, di Eracle e di Pan, che lì fu chiamato Fauno. Quando Enea venne in Italia gli offrì la sua protezione contro Turno: non potendo però combattere per l'età avanzata delegò tale compito al proprio figlio Pallante. Secondo alcune fonti fu padre anche di una femmina Dina, che venne rapita da Caco e liberata da Ercole. A Roma fu venerato tra gli eroi indigeti.