Differenze tra le versioni di "Erisittone"

m (Sostituzione testo - 'Categoria:Sovrani' con 'Categoria:Nobili Categoria:Sovrani')
m (Sostituzione testo - "== Bibliografia ==" con "==BIBLIOGRAFIA==")
 
(2 versioni intermedie di uno stesso utente non sono mostrate)
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|200px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Umani
 +
|sottotipologia=Nobili
 +
|specificità=Sovrani
 +
|sub=-
 +
|indole=Benevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=-
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=[[Elenchi:Cannibalismo|Cannibalismo]], [[Elenchi:Punizione Divina]]
 +
}}
 +
 
Re di [[Tessaglia]], figlio di [[Triopa]]. Un giorno decise di abbattere un bosco sacro a [[Demetra]] per ricavarne una sala da pranzo. La dea lo punì con una fame inesauribile, al punto che Erisittone finì per divorare un po'alla volta sé stesso.
 
Re di [[Tessaglia]], figlio di [[Triopa]]. Un giorno decise di abbattere un bosco sacro a [[Demetra]] per ricavarne una sala da pranzo. La dea lo punì con una fame inesauribile, al punto che Erisittone finì per divorare un po'alla volta sé stesso.
  
== Bibliografia ==
+
==BIBLIOGRAFIA==
 
=== Fonti Antiche ===
 
=== Fonti Antiche ===
 
*Ovidio, ''Metamorfosi'', IX.
 
*Ovidio, ''Metamorfosi'', IX.

Versione attuale delle 07:24, 3 lug 2020

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Nobili
Specificità: Sovrani
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: Cannibalismo, Elenchi:Punizione Divina

Re di Tessaglia, figlio di Triopa. Un giorno decise di abbattere un bosco sacro a Demetra per ricavarne una sala da pranzo. La dea lo punì con una fame inesauribile, al punto che Erisittone finì per divorare un po'alla volta sé stesso.

BIBLIOGRAFIA[modifica]

Fonti Antiche[modifica]

  • Ovidio, Metamorfosi, IX.