Erbeso

Versione del 25 gen 2013 alle 11:48 di 79.11.52.226 (discussione) (Bibliografia)

Giovane guerriero rutulo dell'esercito di Turno nella guerra contro Enea, uno dei 1.400 scelti per l'assedio della cittadella nemica. Fu ucciso nel sonno da Eurialo.

Interpretazione

Da un'analisa accurata del nono libro dell'Eneide, sembrerebbe che Erbeso non muoia all'istante. Nel passo che descrive il ritrovamento dei Rutuli uccisi nel sonno da Eurialo e Niso, si dice che alcuni di essi sono ancora vivi, benché ormai agonizzanti: i soldati in questione sono con ogni probabilità tre delle vittime di Eurialo, ovvero Abari, Erbeso, Fado, che il giovane troiano aveva assalito in maniera piuttosto goffa (il verbo è un generico subit); non la quarta, Reto, la cui anima Virgilio aveva già detto uscita dal corpo, né tantomeno i guerrieri sorpresi da Niso, tutti sgozzati o decapitati.

Bibliografia

Fonti Antiche