Eracle

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Riga 4: Riga 4:
1. la lotta col [[Leone di Nemea]] che era invulnerabile e che Eracle strozzò con le sue mani.  
1. la lotta col [[Leone di Nemea]] che era invulnerabile e che Eracle strozzò con le sue mani.  
<br>2. l'uccisione dell'[[Idra di Lerna]], mostro con 9 teste, di cui una immortale. Eracle tagliò le teste, ma ad ognuna che ne tagliava, ne ricrescevano due, per cui egli prese un tizzone ardente e con quello bruciò i colli mozzati, e sulla testa immortale gettò un enorme sasso, col sangue velenoso dell'idra tinse le punte delle sue freccie, che pertanto causavano ferite inguaribili.  
<br>2. l'uccisione dell'[[Idra di Lerna]], mostro con 9 teste, di cui una immortale. Eracle tagliò le teste, ma ad ognuna che ne tagliava, ne ricrescevano due, per cui egli prese un tizzone ardente e con quello bruciò i colli mozzati, e sulla testa immortale gettò un enorme sasso, col sangue velenoso dell'idra tinse le punte delle sue freccie, che pertanto causavano ferite inguaribili.  
-
3. la cattura del [[cinghiale di Erimanto]], che devastava l'[[Arcadia]], mentre era a questa impresa, fu assalito dai [[Centauri]], che egli sconfisse, ferendo tra gli altri [[Chirone]], a cui fece una piaga insanabile.  
+
<br>3. la cattura del [[cinghiale di Erimanto]], che devastava l'[[Arcadia]], mentre era a questa impresa, fu assalito dai [[Centauri]], che egli sconfisse, ferendo tra gli altri [[Chirone]], a cui fece una piaga insanabile.  
-
4. la cattura della [[cerva di Cerinea]], sacra ad [[Artemide]].  
+
<br>4. la cattura della [[cerva di Cerinea]], sacra ad [[Artemide]].  
-
5. la cacciata degli uccelli [[Stinfalidi]].  
+
<br>5. la cacciata degli uccelli [[Stinfalidi]].  
-
6. la presa del cinto di [[Ippolita]], regina delle [[Amazzoni]], che Eracle conquistò dopo una lotta furiosa. Al ritorno uccise presso [[Troia]] un mostro a cui era stata esposta [[Esione]], la figlia del re [[Laomedonte]], ma poichè costui non mantenne la promessa di regalargli in compenso i cavalli avuti da [[Zeus]], Eracle partì minacciandogli guerra.  
+
<br>6. la presa del cinto di [[Ippolita]], regina delle [[Amazzoni]], che Eracle conquistò dopo una lotta furiosa. Al ritorno uccise presso [[Troia]] un mostro a cui era stata esposta [[Esione]], la figlia del re [[Laomedonte]], ma poichè costui non mantenne la promessa di regalargli in compenso i cavalli avuti da [[Zeus]], Eracle partì minacciandogli guerra.  
-
7. la pulizia delle stalle di [[Augia]], che effettuò in un solo giorno, deviando il corso di un fiume che fece passare per le stalle. [[Augia]] non mantenne la promessa di dargli in dono la decima parte dei suoi armenti, per cui Eracle tornò con un esercito, e devastato il territorio di [[Augia]], uccise il re stesso con i figli, dopo di chè istituì i giochi olimpici.  
+
<br>7. la pulizia delle stalle di [[Augia]], che effettuò in un solo giorno, deviando il corso di un fiume che fece passare per le stalle. [[Augia]] non mantenne la promessa di dargli in dono la decima parte dei suoi armenti, per cui Eracle tornò con un esercito, e devastato il territorio di [[Augia]], uccise il re stesso con i figli, dopo di chè istituì i giochi olimpici.  
-
8. la cattura del toro di [[Creta]], che [[Poseidone]] aveva reso furioso per punire [[Minosse]] di un sacrificio mancato.  
+
<br>8. la cattura del toro di [[Creta]], che [[Poseidone]] aveva reso furioso per punire [[Minosse]] di un sacrificio mancato.  
-
9. la cattura delle cavalle di [[Diomede]].  
+
<br>9. la cattura delle cavalle di [[Diomede]].  
-
10. la cattura dei buoi di [[Gerione]]. Passando per l'Italia al ritorno, si fermò da [[Pallante]], dove il celebre ladrone [[Caco]] gli rubò l'armento. Eracle trovò il ladro e l'uccise. Combattè poi col gigante [[Anteo]] e l'uccise.  
+
<br>10. la cattura dei buoi di [[Gerione]]. Passando per l'Italia al ritorno, si fermò da [[Pallante]], dove il celebre ladrone [[Caco]] gli rubò l'armento. Eracle trovò il ladro e l'uccise. Combattè poi col gigante [[Anteo]] e l'uccise.  
-
11. la raccolta dei pomi d'oro delle [[Esperidi]], che le Speridi stesse e il drago [[Ladone]] custodivano nel remoto occidente, in un giardino. Eracle mandò [[Atlante]] a prenderli, mentre egli sostenne al suo posto il peso del cielo.  
+
<br>11. la raccolta dei pomi d'oro delle [[Esperidi]], che le Speridi stesse e il drago [[Ladone]] custodivano nel remoto occidente, in un giardino. Eracle mandò [[Atlante]] a prenderli, mentre egli sostenne al suo posto il peso del cielo.  
-
12. la cattura di [[Cerbero]], guardiano dell'[[Erebo]], che Eracle incatenò e portò ad [[Euristeo]] e poi ricondusse nell'[[Erebo]].  
+
<br>12. la cattura di [[Cerbero]], guardiano dell'[[Erebo]], che Eracle incatenò e portò ad [[Euristeo]] e poi ricondusse nell'[[Erebo]].  
Compiute le 12 fatiche Eracle fu liberato dalla servitù e si recò in [[Tessaglia]] per domandare al re [[Eurito]] in sposa la figlia [[Iole]]. Ma poichè [[Eurito]] gli negò la figlia, avendo egli in un accesso di furore uccise [[Ifito]], figlio di [[Eurito]], l'oracolo di [[Delfi]] impose all'eroe di servire per tre anni [[Onfale]], figlia di [[Iardano]], regina della [[Lidia]], che lo mise a filare tra le sue ancelle. Ma anche vestito da donna compì molte imprese valorose, tra cui la cattura dei [[Cecropi]], folletti giocosi e furbissimi. Liberato dalla servitù di [[Onfale]], si recò a [[Troia]] per vendicarsi di [[Laomedonte]], che uccise con tutti i figli, eccetto [[Podarce]] che fu da allora in poi chiamato [[Priamo]]. Eracle tornò poi in Grecia, dove distrusse la schiatta di [[Neleo]], eccettuato [[Nestore]]. Sposò poi [[Deianira]], figlia di [[Oineo]]. Nel viaggio di ritorno uccise il centauro [[Nesso]] che voleva far violenza a [[Deianira]]. [[Nesso]], morendo, diede a [[Deianira]] la camicia intrisa col suo sangue, dando a credere alla donna che essa costituisse un potente filtro d'amore. Eracle fece poi una spedizione punitiva contro [[Eurito]] e l'uccise, portando con sè [[Iole]]. [[Deianira]], temendo che Eracle si innamorasse di [[Iole]], per assicurarsi del suo amore gli fece indossare la camicia di [[Nesso]]. Appena Eracle se l'ebbe messa, si sentì il corpo infiammato e corroso dal veleno, preso perciò dal furore, scagliò Lica, che gli aveva portato la camicia, nel mare dove il poveretto fu mutato in scoglio. Eracle si fece portare a [[Trachine]], e dopo aver fatto sposare [[Iole]] a suo figlio [[Illo]], si recò sull'[[Oeta]], e innalzata una pira, vi diede fuoco e vi salì sopra. [[Zeus]] allora tra un fragore di fulmini portò Eracle in una nube tra l'[[Olimpo]]. Eracle divenne così immortale, e riconciliatosi poi con [[Era]], visse in cielo eternamente giovane e sposò [[Ebe]], da cui ebbe due figli: [[Alessiare]] e [[Aniceto]]. Eracle era raffigurato come un uomo robusto, coperto di una pelle di leone ed armato di clava. Ebbe un culto quasi divino a [[Sicione]], a [[Tebe]] e a [[Coo]]. Si celebravano in suo onore feste dette [[Eraclee]] o [[Diomeie]].
Compiute le 12 fatiche Eracle fu liberato dalla servitù e si recò in [[Tessaglia]] per domandare al re [[Eurito]] in sposa la figlia [[Iole]]. Ma poichè [[Eurito]] gli negò la figlia, avendo egli in un accesso di furore uccise [[Ifito]], figlio di [[Eurito]], l'oracolo di [[Delfi]] impose all'eroe di servire per tre anni [[Onfale]], figlia di [[Iardano]], regina della [[Lidia]], che lo mise a filare tra le sue ancelle. Ma anche vestito da donna compì molte imprese valorose, tra cui la cattura dei [[Cecropi]], folletti giocosi e furbissimi. Liberato dalla servitù di [[Onfale]], si recò a [[Troia]] per vendicarsi di [[Laomedonte]], che uccise con tutti i figli, eccetto [[Podarce]] che fu da allora in poi chiamato [[Priamo]]. Eracle tornò poi in Grecia, dove distrusse la schiatta di [[Neleo]], eccettuato [[Nestore]]. Sposò poi [[Deianira]], figlia di [[Oineo]]. Nel viaggio di ritorno uccise il centauro [[Nesso]] che voleva far violenza a [[Deianira]]. [[Nesso]], morendo, diede a [[Deianira]] la camicia intrisa col suo sangue, dando a credere alla donna che essa costituisse un potente filtro d'amore. Eracle fece poi una spedizione punitiva contro [[Eurito]] e l'uccise, portando con sè [[Iole]]. [[Deianira]], temendo che Eracle si innamorasse di [[Iole]], per assicurarsi del suo amore gli fece indossare la camicia di [[Nesso]]. Appena Eracle se l'ebbe messa, si sentì il corpo infiammato e corroso dal veleno, preso perciò dal furore, scagliò Lica, che gli aveva portato la camicia, nel mare dove il poveretto fu mutato in scoglio. Eracle si fece portare a [[Trachine]], e dopo aver fatto sposare [[Iole]] a suo figlio [[Illo]], si recò sull'[[Oeta]], e innalzata una pira, vi diede fuoco e vi salì sopra. [[Zeus]] allora tra un fragore di fulmini portò Eracle in una nube tra l'[[Olimpo]]. Eracle divenne così immortale, e riconciliatosi poi con [[Era]], visse in cielo eternamente giovane e sposò [[Ebe]], da cui ebbe due figli: [[Alessiare]] e [[Aniceto]]. Eracle era raffigurato come un uomo robusto, coperto di una pelle di leone ed armato di clava. Ebbe un culto quasi divino a [[Sicione]], a [[Tebe]] e a [[Coo]]. Si celebravano in suo onore feste dette [[Eraclee]] o [[Diomeie]].

Versione del 20:08, 4 gen 2009

Il più grande eroe dei Greci. Figlio di Zeus e di Alcmena, nato a Tebe. Zeus si lasciò sfuggire che quel giorno sarebbe nato un uomo che avrebbe dominato sopra tutta la sua stirpe. Era, irritata di ciò, fece in modo che in quel giorno, invece di Eracle, nascesse Euristeo. In seguito nacquero a un parto Eracle, figlio di Zeus, e Ificle, figlio di Anfitrione. Era, per odio di Eracle, mandò due serpenti per uccidere i due bambini nella culla, ma Eracle, bambino com'era, li strozzò. Anfitrione gli insegnò a guidare il cocchio, Castore lo esercitò nelle armi, Autolico nella lotta, Eurito nel tiro con l'arco, Eumolpo nella musica, Chirone nelle scienze. Durante le lezioni, con la lira uccise Eumolpo, per cui Anfitrione, spaventato dalla sua forza lo mandò a pascolare il gregge sul Citerone, dove uccise un leone. Con la pelle del leone si fece il suo vstito. Un giorno che l'eroe sedeva in un luogo solitario, incerto sulla via da prendere, gli si presentarono due donne di aspetto venerando: una di esse, la Mollezza, gli dipinse una vita piena di piaceri; l'altra, la Virtù, una vita piena di fatiche che conduceva alla gloria. Ercole scelse quest'ultima. All'età di 18 anni tornò a Tebe, ma per la strada incontrò i messi di Ergino che andavano a riscuotere il tributo annuo di 100 buoi, Eracle tagliò loro il naso e le orecchie e li mise in fuga liberando così Tebe da un ignominioso tributo. Creonte, re di Tebe, per riconoscenza gli diede in moglie la figlia Megara. Subito dopo Euristeo, re di Tirinto e di Micene, lo chiamò a suo servizio. L'oracolo gli impose di obbedire. Sotto gli ordini di Euristeo, Eracle compi le 12 famose fatiche:

Le 12 fatiche

1. la lotta col Leone di Nemea che era invulnerabile e che Eracle strozzò con le sue mani.
2. l'uccisione dell'Idra di Lerna, mostro con 9 teste, di cui una immortale. Eracle tagliò le teste, ma ad ognuna che ne tagliava, ne ricrescevano due, per cui egli prese un tizzone ardente e con quello bruciò i colli mozzati, e sulla testa immortale gettò un enorme sasso, col sangue velenoso dell'idra tinse le punte delle sue freccie, che pertanto causavano ferite inguaribili.
3. la cattura del cinghiale di Erimanto, che devastava l'Arcadia, mentre era a questa impresa, fu assalito dai Centauri, che egli sconfisse, ferendo tra gli altri Chirone, a cui fece una piaga insanabile.
4. la cattura della cerva di Cerinea, sacra ad Artemide.
5. la cacciata degli uccelli Stinfalidi.
6. la presa del cinto di Ippolita, regina delle Amazzoni, che Eracle conquistò dopo una lotta furiosa. Al ritorno uccise presso Troia un mostro a cui era stata esposta Esione, la figlia del re Laomedonte, ma poichè costui non mantenne la promessa di regalargli in compenso i cavalli avuti da Zeus, Eracle partì minacciandogli guerra.
7. la pulizia delle stalle di Augia, che effettuò in un solo giorno, deviando il corso di un fiume che fece passare per le stalle. Augia non mantenne la promessa di dargli in dono la decima parte dei suoi armenti, per cui Eracle tornò con un esercito, e devastato il territorio di Augia, uccise il re stesso con i figli, dopo di chè istituì i giochi olimpici.
8. la cattura del toro di Creta, che Poseidone aveva reso furioso per punire Minosse di un sacrificio mancato.
9. la cattura delle cavalle di Diomede.
10. la cattura dei buoi di Gerione. Passando per l'Italia al ritorno, si fermò da Pallante, dove il celebre ladrone Caco gli rubò l'armento. Eracle trovò il ladro e l'uccise. Combattè poi col gigante Anteo e l'uccise.
11. la raccolta dei pomi d'oro delle Esperidi, che le Speridi stesse e il drago Ladone custodivano nel remoto occidente, in un giardino. Eracle mandò Atlante a prenderli, mentre egli sostenne al suo posto il peso del cielo.
12. la cattura di Cerbero, guardiano dell'Erebo, che Eracle incatenò e portò ad Euristeo e poi ricondusse nell'Erebo.

Compiute le 12 fatiche Eracle fu liberato dalla servitù e si recò in Tessaglia per domandare al re Eurito in sposa la figlia Iole. Ma poichè Eurito gli negò la figlia, avendo egli in un accesso di furore uccise Ifito, figlio di Eurito, l'oracolo di Delfi impose all'eroe di servire per tre anni Onfale, figlia di Iardano, regina della Lidia, che lo mise a filare tra le sue ancelle. Ma anche vestito da donna compì molte imprese valorose, tra cui la cattura dei Cecropi, folletti giocosi e furbissimi. Liberato dalla servitù di Onfale, si recò a Troia per vendicarsi di Laomedonte, che uccise con tutti i figli, eccetto Podarce che fu da allora in poi chiamato Priamo. Eracle tornò poi in Grecia, dove distrusse la schiatta di Neleo, eccettuato Nestore. Sposò poi Deianira, figlia di Oineo. Nel viaggio di ritorno uccise il centauro Nesso che voleva far violenza a Deianira. Nesso, morendo, diede a Deianira la camicia intrisa col suo sangue, dando a credere alla donna che essa costituisse un potente filtro d'amore. Eracle fece poi una spedizione punitiva contro Eurito e l'uccise, portando con sè Iole. Deianira, temendo che Eracle si innamorasse di Iole, per assicurarsi del suo amore gli fece indossare la camicia di Nesso. Appena Eracle se l'ebbe messa, si sentì il corpo infiammato e corroso dal veleno, preso perciò dal furore, scagliò Lica, che gli aveva portato la camicia, nel mare dove il poveretto fu mutato in scoglio. Eracle si fece portare a Trachine, e dopo aver fatto sposare Iole a suo figlio Illo, si recò sull'Oeta, e innalzata una pira, vi diede fuoco e vi salì sopra. Zeus allora tra un fragore di fulmini portò Eracle in una nube tra l'Olimpo. Eracle divenne così immortale, e riconciliatosi poi con Era, visse in cielo eternamente giovane e sposò Ebe, da cui ebbe due figli: Alessiare e Aniceto. Eracle era raffigurato come un uomo robusto, coperto di una pelle di leone ed armato di clava. Ebbe un culto quasi divino a Sicione, a Tebe e a Coo. Si celebravano in suo onore feste dette Eraclee o Diomeie.