Epeo (2)

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Umani
 +
|sottotipologia=Artisti
 +
|specificità=Scultori
 +
|indole=Malevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=-
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=[[Elenchi:Codardia|Codardia]]
 +
}}
 +
Figlio di [[Panopeo]], che era stato compagno di battaglia di [[Anfitrione]]. Epeo era giunto dalle [[Cicladi]] con un contingente di trenta navi per prendere parte alla spedizione contro [[Troia]]. Non sembra che fosse un valente guerriero, ma piuttosto un atleta. Nei giochi funebri in onore di [[Patroclo]], riuscì, nonostante la sua codardia, a vincere il combattimento di pugilato, mandando a terra il suo avversario [[Eurialo]], mentre nel lancio del disco apparì cosi maldestro da suscitare le risa degli spettatori.
Figlio di [[Panopeo]], che era stato compagno di battaglia di [[Anfitrione]]. Epeo era giunto dalle [[Cicladi]] con un contingente di trenta navi per prendere parte alla spedizione contro [[Troia]]. Non sembra che fosse un valente guerriero, ma piuttosto un atleta. Nei giochi funebri in onore di [[Patroclo]], riuscì, nonostante la sua codardia, a vincere il combattimento di pugilato, mandando a terra il suo avversario [[Eurialo]], mentre nel lancio del disco apparì cosi maldestro da suscitare le risa degli spettatori.
<br>Secondo una leggenda ricordata in un frammento di [[Stesicoro]] e in un passo dei [[Deipnosofisti]] di [[Ateneo]], Epeo sarebbe stato il portatore d'acqua degli [[Atridi]]. Benché fosse geniale artigiano ([[Pausania]] il Periegeta ricorda come attribuita a lui una statua di legno di Ermete in [[Argo]]), era nato codardo: così vollero gli dèi per punire l'empietà di suo padre (Panopeo infatti aveva giurato su Atena di non aver sottratto parte del bottino conquistato da Anfitrione ai Tafi, il che era falso). La vigliaccheria di Epeo divenne ben presto proverbiale.
<br>Secondo una leggenda ricordata in un frammento di [[Stesicoro]] e in un passo dei [[Deipnosofisti]] di [[Ateneo]], Epeo sarebbe stato il portatore d'acqua degli [[Atridi]]. Benché fosse geniale artigiano ([[Pausania]] il Periegeta ricorda come attribuita a lui una statua di legno di Ermete in [[Argo]]), era nato codardo: così vollero gli dèi per punire l'empietà di suo padre (Panopeo infatti aveva giurato su Atena di non aver sottratto parte del bottino conquistato da Anfitrione ai Tafi, il che era falso). La vigliaccheria di Epeo divenne ben presto proverbiale.
Riga 18: Riga 43:
[[Categoria:Grecia]]
[[Categoria:Grecia]]
[[Categoria:Umani]]
[[Categoria:Umani]]
 +
[[Categoria:Artisti]]
[[Categoria:Scultori]]
[[Categoria:Scultori]]
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
Riga 23: Riga 49:
[[Categoria:Indole: Malevola]]
[[Categoria:Indole: Malevola]]
[[Categoria:Codardia]]
[[Categoria:Codardia]]
-
[[Categoria:Punizione Divina]]
 

Versione del 17:59, 14 nov 2019

SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Artisti
Specificità: Scultori
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Malevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: Codardia

Figlio di Panopeo, che era stato compagno di battaglia di Anfitrione. Epeo era giunto dalle Cicladi con un contingente di trenta navi per prendere parte alla spedizione contro Troia. Non sembra che fosse un valente guerriero, ma piuttosto un atleta. Nei giochi funebri in onore di Patroclo, riuscì, nonostante la sua codardia, a vincere il combattimento di pugilato, mandando a terra il suo avversario Eurialo, mentre nel lancio del disco apparì cosi maldestro da suscitare le risa degli spettatori.
Secondo una leggenda ricordata in un frammento di Stesicoro e in un passo dei Deipnosofisti di Ateneo, Epeo sarebbe stato il portatore d'acqua degli Atridi. Benché fosse geniale artigiano (Pausania il Periegeta ricorda come attribuita a lui una statua di legno di Ermete in Argo), era nato codardo: così vollero gli dèi per punire l'empietà di suo padre (Panopeo infatti aveva giurato su Atena di non aver sottratto parte del bottino conquistato da Anfitrione ai Tafi, il che era falso). La vigliaccheria di Epeo divenne ben presto proverbiale.

Epeo e il cavallo di Troia

La sua fama è principalmente legata al fatto che egli fu costruttore del cavallo di legno di cui i Greci si servirono per espugnare Troia.
Dopo la caduta di Troia, durante il suo ritorno, egli approdò sulle coste meridionali d'Italia, dove fondò la città di Metaponto o di Lagaria, nella quale consacrò ad Atena gli attrezzi di cui si era servito per la costruzione del Cavallo di Troia. Secondo un'altra tradizione, Epeo viene associato alla fondazione di Pisa, in Italia centrale, così chiamata dall'omonima città dell'Elide.

Bibliografia

Fonti Antiche