Differenze tra le versioni di "Enea"

(Vittime di Enea nella guerra di Troia)
m (Sostituzione testo - "== Riferimenti letterari ==" con "==LETTERATURA==")
 
(23 versioni intermedie di 9 utenti non mostrate)
Riga 1: Riga 1:
[[Immagine:Enea.jpg|250px|thumb|right|Enea]]
+
{{Voce
Eroe troiano, figlio di [[Anchise]] e di [[Afrodite]] e discendente di [[Dardano]]. Fu partorito sul monte [[Ida]] e sposò [[Creusa]] dalla quale ebbe [[Ascanio]]. Combatté valorosamente sotto le mura di [[Troia]] durante l'assedio da parte degli [[Achei]]. Caduta la città, secondo la più antica versione della leggenda troiana, si ritirò con la moglie, il figlio e il padre [[Anchise]] sull'[[Ida]], dove regnò sui superstiti del popolo troiano.  
+
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
<BR>Secondo una versione più recente (sec. VI a.C.), avrebbe preso il mare e fondato varie città: Enea in Macedonia e un'altra nel territorio degli Enotri. A questa versione si riallacciano le posteriori leggende romane che identificano con Enea il progenitore dei Re di [[Alba Longa]] e quindi del fondatore di Roma. Queste leggende trovarono la loro compiutezza nella rielaborazione che ne diede Virgilio nell'[[Eneide]].
+
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Enea.jpg]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Semidèi
 +
|sottotipologia=Nobili
 +
|specificità=Sovrani
 +
|sub=-
 +
|indole=Benevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=-
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=Pietas
 +
}}
 +
 
 +
 
 +
 
 +
Eroe troiano, figlio di [[Anchise]] e di [[Afrodite]] e discendente di [[Dardano]]. Fu partorito sul monte [[Ida]] e allevato dalla sorella [[Ippodamia]] e dal cognato [[Alcatoo]]; sposò [[Creusa]] dalla quale ebbe [[Ascanio]]. Combatté valorosamente sotto le mura di [[Troia]] durante l'assedio da parte degli [[Achei]]. Caduta la città, secondo la più antica versione della leggenda troiana, si ritirò con la moglie, il figlio e il padre [[Anchise]] sull'[[Ida]], dove regnò sui superstiti del popolo troiano.  
 +
<BR>Secondo una versione più recente (sec. VI a.C.), avrebbe preso il mare e fondato varie città: Enea in Macedonia e un'altra nel territorio degli Enotri. A questa versione si riallacciano le posteriori leggende romane che identificano con Enea il progenitore dei Re di [[Alba Longa]] e quindi del fondatore di Roma, col capo troiano che perde la moglie durante l'incendio della loro città e una volta giunto nel Lazio deve affrontare una guerra con le popolazioni locali comandate da [[Turno]], re dei [[Rutuli]], promesso sposo di [[Lavinia]], poi assegnata in sposa a Enea. Sconfitto e ucciso [[Turno]], Enea può finalmente unirsi a [[Lavinia]], morendo però prima di poter assistere alla nascita del figlio generato con lei, Silvio. Queste leggende trovarono la loro compiutezza nella rielaborazione che ne diede Virgilio nell'[[Eneide]].
  
 
== Luogotenenti di Enea nella guerra di Troia ==
 
== Luogotenenti di Enea nella guerra di Troia ==
Riga 11: Riga 38:
 
*[[Afareo (2)|Afareo]]
 
*[[Afareo (2)|Afareo]]
 
*[[Alcimedonte]]  
 
*[[Alcimedonte]]  
*[[Anfione]]  
+
*[[Anfione (2)|Anfione]]  
*[[Andromaco]]  
+
*[[Andromaco]]
 
*[[Antimaco (4)|Antimaco]]
 
*[[Antimaco (4)|Antimaco]]
 
*[[Aristoloco]]  
 
*[[Aristoloco]]  
Riga 55: Riga 82:
 
*[[Cupenco]]
 
*[[Cupenco]]
 
*[[Emonide]]
 
*[[Emonide]]
*[[Faro]]
+
*[[Faro (3)|Faro]]
 
*[[Gia (3)|Gia]]
 
*[[Gia (3)|Gia]]
 
*[[Lauso]]  
 
*[[Lauso]]  
Riga 78: Riga 105:
 
*i quattro figli di [[Ufente]] (idem)
 
*i quattro figli di [[Ufente]] (idem)
  
== Bibliografia ==
+
{{Bibliografia}}
=== Fonti Antiche ===
 
*Omero, ''[[Iliade]]''
 
*[[Pseudo-Euripide]], ''Reso''
 
*Virgilio, ''[[Eneide]]''
 
*Ovidio, ''[[Heroides]]''
 
*Ovidio, ''[[Metamorfosi]]
 
  
== Riferimenti letterari ==
+
==LETTERATURA==
  
 
=== La figura di Enea nella letteratura postclassica ===
 
=== La figura di Enea nella letteratura postclassica ===
Riga 92: Riga 113:
 
*Pietro Metastasio, ''Didone abbandonata'', melodramma su musiche di Giuseppe Sarti incentrato sull'amore impossibile della regina per Enea.
 
*Pietro Metastasio, ''Didone abbandonata'', melodramma su musiche di Giuseppe Sarti incentrato sull'amore impossibile della regina per Enea.
  
== Riferimenti artistici ==
+
==MUSEO==
*Raffaello, ''L'incendio di Borgo'', affresco.
+
<DPL>
*Dosso Dossi, ''Enea e Acate sulla costa libica'', dipinto.
+
linksto=Enea
*Gian Lorenzo Bernini, ''Enea, Anchise e Ascanio'', gruppo scultoreo in marmo.
+
namespace=Immagine
 +
ordermethod=titlewithoutnamespace
 +
order=ascending
 +
format=<gallery perrow=8>,%PAGE%|[[:Immagine:%TITLE%|%TITLE%]]\n,,</gallery>
 +
</DPL>
  
 +
[[Categoria:Mitologia Classica]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Europa]]
 
[[Categoria:Europa]]
Riga 102: Riga 128:
 
[[Categoria:Grecia]]
 
[[Categoria:Grecia]]
 
[[Categoria:Mitologia Romana]]
 
[[Categoria:Mitologia Romana]]
[[Categoria:Europa]]
 
[[Categoria:Mediterraneo]]
 
 
[[Categoria:Italia]]
 
[[Categoria:Italia]]
[[Categoria:Umani]]
 
 
[[Categoria:Guerrieri]]
 
[[Categoria:Guerrieri]]
[[Categoria: Eroi]]
+
[[Categoria:Eroi]]
 
[[Categoria:Semidei]]
 
[[Categoria:Semidei]]
 
[[Categoria:Nobili]]
 
[[Categoria:Nobili]]
 
[[Categoria:Sovrani]]
 
[[Categoria:Sovrani]]
 
[[Categoria:Amori]]
 
[[Categoria:Amori]]
[[Categoria:Pietas]]
+
[[Categoria:Pietà]]
 
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 
[[Categoria:Indole: Benevola]]
 
[[Categoria:Indole: Benevola]]
 
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
 
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]

Versione attuale delle 21:43, 25 lug 2020

SCHEDA
Enea.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Semidèi
Sottotipologia: Nobili
Specificità: Sovrani
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: Pietas


Eroe troiano, figlio di Anchise e di Afrodite e discendente di Dardano. Fu partorito sul monte Ida e allevato dalla sorella Ippodamia e dal cognato Alcatoo; sposò Creusa dalla quale ebbe Ascanio. Combatté valorosamente sotto le mura di Troia durante l'assedio da parte degli Achei. Caduta la città, secondo la più antica versione della leggenda troiana, si ritirò con la moglie, il figlio e il padre Anchise sull'Ida, dove regnò sui superstiti del popolo troiano.
Secondo una versione più recente (sec. VI a.C.), avrebbe preso il mare e fondato varie città: Enea in Macedonia e un'altra nel territorio degli Enotri. A questa versione si riallacciano le posteriori leggende romane che identificano con Enea il progenitore dei Re di Alba Longa e quindi del fondatore di Roma, col capo troiano che perde la moglie durante l'incendio della loro città e una volta giunto nel Lazio deve affrontare una guerra con le popolazioni locali comandate da Turno, re dei Rutuli, promesso sposo di Lavinia, poi assegnata in sposa a Enea. Sconfitto e ucciso Turno, Enea può finalmente unirsi a Lavinia, morendo però prima di poter assistere alla nascita del figlio generato con lei, Silvio. Queste leggende trovarono la loro compiutezza nella rielaborazione che ne diede Virgilio nell'Eneide.

Luogotenenti di Enea nella guerra di Troia[modifica]

Vittime di Enea nella guerra di Troia[modifica]

Luogotenenti di Enea nella guerra italica[modifica]

Condottieri alleati di Enea nella guerra italica[modifica]

Vittime di Enea nella guerra italica[modifica]

BIBLIOGRAFIA[modifica]

Fonti antiche[modifica]

Per visualizzare le fonti antiche su Enea vai a FontiAntiche:Enea

Fonti moderne[modifica]

Per visualizzare le fonti moderne su Enea vai a FontiModerne:Enea

LETTERATURA[modifica]

La figura di Enea nella letteratura postclassica[modifica]

  • Dante, Commedia. L'eroe troiano è tra gli spiriti magni del Limbo.
  • Pietro Metastasio, Didone abbandonata, melodramma su musiche di Giuseppe Sarti incentrato sull'amore impossibile della regina per Enea.

MUSEO[modifica]