Empusa

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Versione corrente (16:17, 31 mar 2020) (modifica) (annulla)
 
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=colei che s'introduce a forza
 +
|sesso=Femmina
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Creature Fantastiche
 +
|sottotipologia=Non Morti
 +
|specificità=Vampiri
 +
|sub=-
 +
|indole=Malevola
 +
|aspetto=Mutante
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=Terra
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=-
 +
}}
 +
Empusa letteralmente significa “colei che s’introduce a forza”: così erano chiamate le serve di [[Ecate]] o Cagne nere; Graves le descrive in questo modo: «i sozzi demoni chiamati Empuse, figlie di Ecate, hanno natiche d’asino e calzano pianelle di bronzo, a meno che, come taluni vogliono, esse abbiano una gamba d’asino e una gamba di bronzo. È loro costume terrorizzare i viandanti, ma si può scacciarle prorompendo in insulti, poiché all’udirli esse fuggono con alte strida. Le Empuse assumono l’aspetto di cagne, di vacche o di belle fanciulle e, in quest’ultima forma si giacciono con gli uomini la notte o durante la siesta pomeridiana e succhiano le loro forze vitali portandoli alla morte» (Robert Graves, I Miti Greci, Longanesi, p. 170).
Empusa letteralmente significa “colei che s’introduce a forza”: così erano chiamate le serve di [[Ecate]] o Cagne nere; Graves le descrive in questo modo: «i sozzi demoni chiamati Empuse, figlie di Ecate, hanno natiche d’asino e calzano pianelle di bronzo, a meno che, come taluni vogliono, esse abbiano una gamba d’asino e una gamba di bronzo. È loro costume terrorizzare i viandanti, ma si può scacciarle prorompendo in insulti, poiché all’udirli esse fuggono con alte strida. Le Empuse assumono l’aspetto di cagne, di vacche o di belle fanciulle e, in quest’ultima forma si giacciono con gli uomini la notte o durante la siesta pomeridiana e succhiano le loro forze vitali portandoli alla morte» (Robert Graves, I Miti Greci, Longanesi, p. 170).
-
br>L’accentuazione dei tratti equini è dovuta alla simbologia dell’asino, che era sia sinonimo di lussuria, ma anche l’animale dell’oscurità servo delle forze del male. L’Empusa è la creazione più terribile dell’immaginazione greca; ne [[Le Rane]] di [[Aristofane]] vediamo Dioniso per la prima volta sconvolto di fronte all’orrore e rischia la pazzia (un dono molto spesso elargito da queste divinità femminili, accanto alle visioni mistiche):
+
<br>L’accentuazione dei tratti equini è dovuta alla simbologia dell’asino, che era sia sinonimo di lussuria, ma anche l’animale dell’oscurità servo delle forze del male. L’Empusa è la creazione più terribile dell’immaginazione greca; ne [[Le Rane]] di [[Aristofane]] vediamo Dioniso per la prima volta sconvolto di fronte all’orrore e rischia la pazzia (un dono molto spesso elargito da queste divinità femminili, accanto alle visioni mistiche):
<br><br>
<br><br>
<poem>
<poem>
[[Categoria:Aspetto: Mutante]]
[[Categoria:Aspetto: Mutante]]
[[Categoria:Indole: Malevola]]
[[Categoria:Indole: Malevola]]
 +
[[Categoria:Elemento: Terra]]
 +
[[Categoria:Habitat: Non specificato]]

Versione corrente