Modifica di Elios

Attenzione: non hai effettuato l'accesso. Se effettuerai delle modifiche il tuo indirizzo IP sarà visibile pubblicamente. Se accedi o crei un'utenza, le tue modifiche saranno attribuite al tuo nome utente, insieme ad altri benefici.

Questa modifica può essere annullata. Controlla le differenze mostrate sotto fra le due versioni per essere certo che il contenuto corrisponda a quanto desiderato, e quindi salvare le modifiche per completare la procedura di annullamento.
Versione attuale Il tuo testo
Riga 1: Riga 1:
{{Voce
+
Figlio di [[Iperione]] e di [[Tia]], fratello di [[Eos]] e di [[Selene]]. Personificazione del Sole. Sorgeva ad est dall'Oceano e, dopo aver attraversato l'intera volta celeste, la sera rientrava nell'Oceano ad occidente, e veniva riportato al punto di partenza (oriente) da un carro dorato. Inizialmente Elios venne rappresentato come una ruota infuocata, ma ben presto si passò al più famoso carro tirato da cavalli, le cui narici mandano fuoco. I due cavalli più famosi che trainavano il carro nel cielo si chiamavano [[Astrapè]] e [[Brontè]]. Animali sacri a Elios erano, oltre ai cavalli, il gallo e, più in generale tutti gli animali di colore rosso o bianco. Elios è anche rappresentato in alcuni miti come un pastore che ha nell'isola di Trinacria (molto probabilmente la Sicilia) sette mandrie di buoi e sette gregge di pecore, condotti al pascolo dalle figlie [[Fetusa]] e [[Lampezia]]. Ma poichè il Sole riesce a penetrare in ogni luogo e dunque vede tutto, la figura di Elios è anche legata a quella di colui che rivela (e a volte punisce) le colpe degli uomini e degli dèi. E' infatti Elios a rivelare a [[Efesto]] del tradimento della sua sposa, [[Afrodite]], con [[Ares]], e ad informare [[Demetra]] di chi avesse rapito la figlia. Elios ebbe da [[Perseide]] diversi figli tra cui i due maghi [[Eete]] e [[Circe]], da [[Climene]] ebbe invece [[Fetonte]], Egle, Fetusa, Lampezia (la madre delle tre femmine secondo alcuni autori sarebbe stata [[Neera]]) e secondo una tradizione anche [[Augia]]. Il culto di Elios era diffuso soprattutto nell'isola di Rodi, in cui gli era stato dedicato addirittura il famoso [[Colosso di Rodi]].
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 
|nome originale=-
 
|altri nomi=-
 
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|200px]]
 
|etimo=-
 
|sesso=Maschio
 
|sezione=Mitologia Classica
 
|continente=Europa
 
|area=Mediterraneo
 
|paese=Grecia
 
|origine=Greci
 
|tipologia=Divinità
 
|sottotipologia=Divinità Superne
 
|specificità=Divinità del Sole
 
|sub=-|indole= Benevola
 
|aspetto=Antropomorfo
 
|animali=-
 
|piante=-
 
|attributi=-
 
|elemento=Fuoco
 
|habitat=Cielo
 
|ambiti=Sole
 
}}
 
 
 
Figlio di [[Iperione]] e di [[Tia]], fratello di [[Eos]] e di [[Selene]]: noto anche come Elio o Helios. Personificazione del Sole. Sorgeva ad est dall'Oceano e, dopo aver attraversato l'intera volta celeste, la sera rientrava nell'Oceano ad occidente, e veniva riportato al punto di partenza (oriente) da un carro dorato. Inizialmente Elios venne rappresentato come una ruota infuocata, ma ben presto si passò al più famoso carro tirato da cavalli, le cui narici mandano fuoco. I due cavalli più famosi che trainavano il carro nel cielo si chiamavano [[Astrapè]] e [[Brontè]]. Animali sacri a Elios erano, oltre ai cavalli, il gallo e, più in generale tutti gli animali di colore rosso o bianco. Elios è anche rappresentato in alcuni miti come un pastore che ha nell'isola di Trinacria (molto probabilmente la Sicilia) sette mandrie di buoi e sette gregge di pecore, condotti al pascolo dalle figlie [[Fetusa]] e [[Lampezia]]. Ma poichè il Sole riesce a penetrare in ogni luogo e dunque vede tutto, la figura di Elios è anche legata a quella di colui che rivela (e a volte punisce) le colpe degli uomini e degli dèi. E' infatti Elios a rivelare a [[Efesto]] del tradimento della sua sposa, [[Afrodite]], con [[Ares]], e ad informare [[Demetra]] di chi avesse rapito la figlia. Elios ebbe da [[Perseide]] diversi figli tra cui i due maghi [[Eete]] e [[Circe]], da [[Climene]] ebbe invece [[Fetonte]], Egle, Fetusa, Lampezia (la madre delle tre femmine secondo alcuni autori sarebbe stata [[Neera]]) e secondo una tradizione anche [[Augia]]. Il culto di Elios era diffuso soprattutto nell'isola di Rodi, in cui gli era stato dedicato addirittura il famoso [[Colosso di Rodi]].
 
 
<br>Per [[Diodoro Siculo]], invece, Elios e [[Selene]] sono due persone mortali, così come il loro padre [[Iperione]], re degli [[Atlanti]]. Il principe sarebbe stato ucciso insieme al padre dai [[Titani]].
 
<br>Per [[Diodoro Siculo]], invece, Elios e [[Selene]] sono due persone mortali, così come il loro padre [[Iperione]], re degli [[Atlanti]]. Il principe sarebbe stato ucciso insieme al padre dai [[Titani]].
 
{{Bibliografia}}
 
 
  
 
== Riferimenti artistici ==
 
== Riferimenti artistici ==
 
*Giambattista Tiepolo, ''La corsa del carro del sole'', affresco.
 
*Giambattista Tiepolo, ''La corsa del carro del sole'', affresco.
  
==MUSEO==
 
<DPL>
 
linksto=Elios
 
namespace=Immagine
 
ordermethod=titlewithoutnamespace
 
order=ascending
 
format=<gallery perrow=8>,%PAGE%|[[:Immagine:%TITLE%|%TITLE%]]\n,,</gallery>
 
</DPL>
 
  
 
== Personaggi simili in altre mitologie==
 
== Personaggi simili in altre mitologie==
Riga 46: Riga 10:
  
  
[[Categoria:Mitologia Classica]]
 
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
[[Categoria:Europa]]
+
[[Categoria:Divinità Maschili]]
[[Categoria:Mediterraneo]]
+
[[Categoria:Divinità del Sole]]
[[Categoria:Grecia]]
 
[[Categoria:Divinità]]
 
[[Categoria:Nobili]]
 
 
[[Categoria:Principi]]
 
[[Categoria:Principi]]
 +
[[Categoria:Classificazione: Divinità]]
 
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 
[[Categoria:Indole: Benevola]]
 
[[Categoria:Indole: Benevola]]
Riga 59: Riga 20:
 
[[Categoria:Elemento: Fuoco]]
 
[[Categoria:Elemento: Fuoco]]
 
[[Categoria:Habitat: Cielo]]
 
[[Categoria:Habitat: Cielo]]
[[Categoria:Sole]]
 

Per favore tieni presente che tutti i contributi a Il Crepuscolo degli Dèi possono essere modificati, stravolti o cancellati da altri contributori. Se non vuoi che i tuoi testi possano essere alterati, allora non inserirli.
Inviando il testo dichiari inoltre, sotto tua responsabilità, che è stato scritto da te personalmente oppure è stato copiato da una fonte di pubblico dominio o similarmente libera (vedi Il Crepuscolo degli Dèi:Copyright per maggiori dettagli). Non inviare materiale protetto da copyright senza autorizzazione!

Annulla Guida (si apre in una nuova finestra)