Duryodhana

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Versione corrente (20:40, 10 nov 2019) (modifica) (annulla)
 
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Indo-Iranica
 +
|continente=Asia
 +
|area=Asia Meridionale
 +
|paese=India
 +
|origine=Hindu
 +
|tipologia=Umani
 +
|sottotipologia=Nobili
 +
|specificità=Principi
 +
|indole=Malevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=-
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=-
 +
}}
 +
Il maggiore dei figli del re [[Dhritarashtra]] e il comandante dei [[Kaurava]] nella guerra contro i [[Pandava]]. Quando [[Dhritarashtra]] invitò i [[Pandava]] a vivere presso la sua corte, Duryodhana cercò di avvelenare [[Bhima]], poi di bruciare la dimora dei cugini e, infine, organizzò la partita a dadi nella quale i [[Pandava]] persero le loro proprietà e la bellissima moglie [[Draupadi]]. In quell'occasione oltreggiò [[Draupadi]] facendola sedere sulla sua gamba: [[Bhima]] allora promise che un giorno gli avrebbe fracassato quella cosia. Duryodhana, dopo essere stato sconfitto nella battaglia di [[Kurukshetra]], dovette subire la puntuale vendetta di [[Bhima]]. Egli, allora, chiese ad [[Ashvatthaman]] di portargli le teste dei cinque fratelli [[Pandava]]. [[Ashvatthaman]] gli portò, in luogo di quelle, le teste dei figli dei [[Pandava]] e Duryodhana, dal rimorso del sangue innocente versato, ne morì.
Il maggiore dei figli del re [[Dhritarashtra]] e il comandante dei [[Kaurava]] nella guerra contro i [[Pandava]]. Quando [[Dhritarashtra]] invitò i [[Pandava]] a vivere presso la sua corte, Duryodhana cercò di avvelenare [[Bhima]], poi di bruciare la dimora dei cugini e, infine, organizzò la partita a dadi nella quale i [[Pandava]] persero le loro proprietà e la bellissima moglie [[Draupadi]]. In quell'occasione oltreggiò [[Draupadi]] facendola sedere sulla sua gamba: [[Bhima]] allora promise che un giorno gli avrebbe fracassato quella cosia. Duryodhana, dopo essere stato sconfitto nella battaglia di [[Kurukshetra]], dovette subire la puntuale vendetta di [[Bhima]]. Egli, allora, chiese ad [[Ashvatthaman]] di portargli le teste dei cinque fratelli [[Pandava]]. [[Ashvatthaman]] gli portò, in luogo di quelle, le teste dei figli dei [[Pandava]] e Duryodhana, dal rimorso del sangue innocente versato, ne morì.
Riga 12: Riga 37:
[[Categoria:Nobili]]
[[Categoria:Nobili]]
[[Categoria:Principi]]
[[Categoria:Principi]]
-
[[Categoria:Eroi]]
+
[[Categoria:Guerrieri]]
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
[[Categoria:Indole: Malevola]]
[[Categoria:Indole: Malevola]]

Versione corrente

SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Indo-Iranica
Continente: Asia
Area: Asia Meridionale
Paese: India
Popolo/Regione: Hindu
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Nobili
Specificità: Principi
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Malevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: -

Il maggiore dei figli del re Dhritarashtra e il comandante dei Kaurava nella guerra contro i Pandava. Quando Dhritarashtra invitò i Pandava a vivere presso la sua corte, Duryodhana cercò di avvelenare Bhima, poi di bruciare la dimora dei cugini e, infine, organizzò la partita a dadi nella quale i Pandava persero le loro proprietà e la bellissima moglie Draupadi. In quell'occasione oltreggiò Draupadi facendola sedere sulla sua gamba: Bhima allora promise che un giorno gli avrebbe fracassato quella cosia. Duryodhana, dopo essere stato sconfitto nella battaglia di Kurukshetra, dovette subire la puntuale vendetta di Bhima. Egli, allora, chiese ad Ashvatthaman di portargli le teste dei cinque fratelli Pandava. Ashvatthaman gli portò, in luogo di quelle, le teste dei figli dei Pandava e Duryodhana, dal rimorso del sangue innocente versato, ne morì.

[modifica] Fonti