Differenze tra le versioni di "Doudou"

Riga 1: Riga 1:
 
È il nomignolo di un feroce [[Drago]], rapitore di donzelle che si dice vivesse tra le città di Mons e Wasmes, terrorizzando la popolazione. Si dice che infine lo uccidesse il cavaliere Gilles de Chin, che ne portò le spoglie a Mons, dove tuttora è visibile la sua testa, che però non è altro che la testa di un grande coccodrillo, riportata forse da qualche crociato. A Mons nel martedì della Pentecoste si è celebrata, almeno fino a pochi anni fa, una rappresentazione mimata della vittoria dell'eroe sul drago, chiamata Lumecon; in questa cerimonia, la cui origine sembra recente (sarebbe da situarsi tra il 1830 ed il 1854), Doudou è impersonato da un manichino in legno, mosso dall'interno da uomini (v. [[Mostri Processionali]]).
 
È il nomignolo di un feroce [[Drago]], rapitore di donzelle che si dice vivesse tra le città di Mons e Wasmes, terrorizzando la popolazione. Si dice che infine lo uccidesse il cavaliere Gilles de Chin, che ne portò le spoglie a Mons, dove tuttora è visibile la sua testa, che però non è altro che la testa di un grande coccodrillo, riportata forse da qualche crociato. A Mons nel martedì della Pentecoste si è celebrata, almeno fino a pochi anni fa, una rappresentazione mimata della vittoria dell'eroe sul drago, chiamata Lumecon; in questa cerimonia, la cui origine sembra recente (sarebbe da situarsi tra il 1830 ed il 1854), Doudou è impersonato da un manichino in legno, mosso dall'interno da uomini (v. [[Mostri Processionali]]).
  
[[Categoria:Creature Fantastiche del Belgio]]
+
[[Categoria:Creature Fantastiche]] [[Categoria:Europa]]
 +
[[Categoria:Europa Centrale]]
 +
[[Categoria:Belgio]]
 
[[Categoria:Creature Fantastiche]]
 
[[Categoria:Creature Fantastiche]]
 
[[Categoria:Draghi]]
 
[[Categoria:Draghi]]

Versione delle 17:29, 14 nov 2011

È il nomignolo di un feroce Drago, rapitore di donzelle che si dice vivesse tra le città di Mons e Wasmes, terrorizzando la popolazione. Si dice che infine lo uccidesse il cavaliere Gilles de Chin, che ne portò le spoglie a Mons, dove tuttora è visibile la sua testa, che però non è altro che la testa di un grande coccodrillo, riportata forse da qualche crociato. A Mons nel martedì della Pentecoste si è celebrata, almeno fino a pochi anni fa, una rappresentazione mimata della vittoria dell'eroe sul drago, chiamata Lumecon; in questa cerimonia, la cui origine sembra recente (sarebbe da situarsi tra il 1830 ed il 1854), Doudou è impersonato da un manichino in legno, mosso dall'interno da uomini (v. Mostri Processionali).