Yurlungur

(Reindirizzamento da Djulungul)



				

				

Serpente mitico, che gioca un ruolo importante nei rituali iniziatici. Il suo sesso è maldefinito: generalmente ritenuto maschile, nel mito più celebre di cui è protagonista, quello delle sorelle Wauwalak, ha invece sesso femminile. A volte si pensa si tratti di due serpenti, un maschio e una femmina, ma è probabile che si tratti invece di un essere androgino. È manifestamente legato all'elemento acquatico poiché abita nel pozzo sacro di Muruwul, ed a volte appare come tipico Serpente Arcobaleno portatore di pioggia. Nei riti di iniziazione, che contemplano anche la circoncisione, ha un suo ruolo anche una tromba sacra che prende lo stesso nome del mostro.
Il mito delle sorelle Wauwalak ( o Wawalag, Wawilak, Wagilag), che costituisce uno dei temi preferiti dell'arte australiana, narra la storia di due sorelle, una delle quali si è resa colpevole di incesto ed è rimasta incinta. Le due donne fuggono dalla tribù, e la colpevole, lungo il cammino, da alla luce il figlio. Esse si riparano presso il sacro pozzo di Muruwul, ma il loro stato di impurità impedisce loro di nutrirsi. Attratto dal sangue puerperale, sorge il serpente Yurlungur, che le inghiotte. Il mostro poi rivomita tanto le sorelle che il bimbo, che ritornano in vita grazie al morso di certe formiche. Questo mito è alla base di molti riti, sia di pubertà che di fecondità, a carattere iniziatico; in essi tutti i vari gesti compiuti dalle sorelle vengono rivissuti attraverso danze, canti, cerimonie e pantomime.