Differenze tra le versioni di "Dinabuc"

 
(5 versioni intermedie di uno stesso utente non sono mostrate)
Riga 1: Riga 1:
Secondo un romanzo cavalleresco del XII secolo, il [[Roman de Brut]] di [[Robert Wace]], Dinabuc era un orribile [[gigante]], originario della Spagna, che aveva eletto a sua dimora una grotta del Mont Saint Michel. Nonostante non fosse antropofago, come sono per lo più i suoi consimili, ma si nutrisse esclusivamene di carne di maiali che egli stesso allevava, non era un buon vicino per gli abitanti della zona. Infatti aveva stuprato, uccidendola poi col proprio peso, la bella Helaine, figlia del re di Bretagna, [[Hoel]]. Ma, nonostante le molte spedizioni fatte per ucciderlo, il gigante, grazie alla sua forza ed al gigantesco martello che maneggiava, riusciva sempre ad avere la meglio, uccidendo numerosi uomini. Fu infine il re [[Artù]], sbarcato nella zona, ad uccidere il mostro, grazie alla sua valentia ed alla magica spada [[Excalibur]].
+
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Medievale
 +
|continente=Europa
 +
|area=Nordeuropa
 +
|paese=Inghilterra
 +
|origine=Ciclo Arturiano
 +
|tipologia=Creature Fantastiche
 +
|sottotipologia=Umanoidi
 +
|specificità=Giganti
 +
|sub=-
 +
|indole=Malevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=Terra
 +
|habitat=Grotta
 +
|ambiti=-
 +
}}
 +
 
 +
Secondo un romanzo cavalleresco del XII secolo, il [[Roman de Brut]] di [[Robert Wace]], Dinabuc era un orribile [[gigante]], originario della Spagna, che aveva eletto a sua dimora una grotta del Mont Saint Michel. Nonostante non fosse antropofago, come sono per lo più i suoi consimili, ma si nutrisse esclusivamene di carne di maiali che egli stesso allevava, non era un buon vicino per gli abitanti della zona. Infatti aveva stuprato, uccidendola poi col proprio peso, la bella [[Helaine]], figlia del re di Bretagna, [[Hoel]]. Ma, nonostante le molte spedizioni fatte per ucciderlo, il gigante, grazie alla sua forza ed al gigantesco martello che maneggiava, riusciva sempre ad avere la meglio, uccidendo numerosi uomini. Fu infine il re [[Artù]], sbarcato nella zona, ad uccidere il mostro, grazie alla sua valentia ed alla magica spada [[Excalibur]].
  
 
==Fonti==
 
==Fonti==
 
*[[Robert Wace]], [[Roman de Brut]]
 
*[[Robert Wace]], [[Roman de Brut]]
  
 +
[[Categoria:Mitologia Medievale]]
 
[[Categoria:Mitologia Arturiana]]
 
[[Categoria:Mitologia Arturiana]]
 
[[Categoria:Europa]]
 
[[Categoria:Europa]]
Riga 9: Riga 36:
 
[[Categoria:Inghilterra]]
 
[[Categoria:Inghilterra]]
 
[[Categoria:Creature Fantastiche]]
 
[[Categoria:Creature Fantastiche]]
 +
[[Categoria:Umanoidi]]
 
[[Categoria:Giganti]]
 
[[Categoria:Giganti]]
 +
[[Categoria:Gigantismo]]
 +
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 +
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
 +
[[Categoria:Indole: Malevola]]
 +
[[Categoria:Elemento: Terra]]
 +
[[Categoria:Habitat: Grotta]]

Versione attuale delle 11:20, 5 lug 2020

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Medievale
Continente: Europa
Area: Nordeuropa
Paese: Inghilterra
Popolo/Regione: Ciclo Arturiano
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Creature Fantastiche
Sottotipologia: Umanoidi
Specificità: Giganti
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Malevola
Elemento: Terra
Habitat: Grotta
Tematiche: -

Secondo un romanzo cavalleresco del XII secolo, il Roman de Brut di Robert Wace, Dinabuc era un orribile gigante, originario della Spagna, che aveva eletto a sua dimora una grotta del Mont Saint Michel. Nonostante non fosse antropofago, come sono per lo più i suoi consimili, ma si nutrisse esclusivamene di carne di maiali che egli stesso allevava, non era un buon vicino per gli abitanti della zona. Infatti aveva stuprato, uccidendola poi col proprio peso, la bella Helaine, figlia del re di Bretagna, Hoel. Ma, nonostante le molte spedizioni fatte per ucciderlo, il gigante, grazie alla sua forza ed al gigantesco martello che maneggiava, riusciva sempre ad avere la meglio, uccidendo numerosi uomini. Fu infine il re Artù, sbarcato nella zona, ad uccidere il mostro, grazie alla sua valentia ed alla magica spada Excalibur.

Fonti[modifica]