Modifica di Demofoonte (2)

Attenzione: non hai effettuato l'accesso. Se effettuerai delle modifiche il tuo indirizzo IP sarà visibile pubblicamente. Se accedi o crei un'utenza, le tue modifiche saranno attribuite al tuo nome utente, insieme ad altri benefici.

Questa modifica può essere annullata. Controlla le differenze mostrate sotto fra le due versioni per essere certo che il contenuto corrisponda a quanto desiderato, e quindi salvare le modifiche per completare la procedura di annullamento.
Versione attuale Il tuo testo
Riga 1: Riga 1:
{{Voce
+
Figlio di [[Teseo]] e di [[Fedra]]. Combattè a [[Troia]]. Al ritorno si fidanzò con [[Fillide]], figlia del re tracio [[Sidone]]. Demofoonte difese gli [[Eraclidi]] contro [[Euristeo]], che uccise.
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 
|nome originale=-
 
|altri nomi=-
 
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|200px]]
 
|etimo=-
 
|sesso=Maschio
 
|sezione=Mitologia Classica
 
|continente=Europa
 
|area=Mediterraneo
 
|paese=Grecia
 
|origine=Greci
 
|tipologia=Umani
 
|sottotipologia=Nobili
 
|specificità=Sovrani
 
|sub=-
 
|indole=Benevola
 
|aspetto=Antropomorfo
 
|animali=-
 
|piante=-
 
|attributi=-
 
|elemento=-
 
|habitat=-
 
|ambiti=-
 
}}
 
  
Figlio dell'eroe [[Teseo]] e [[Fedra]], oppure di Teseo e di [[Arianna]]. Fratello di [[Acamante (3)|Acamante]], con cui è confuso molto spesso, fu il dodicesimo re di [[Atene]].
 
<br>Partì alla volta di Troia, con il fratello Acamante per liberare la nonna [[Etra]], che, fatta prigioniera dai [[Dioscuri]], era diventata schiava di [[Elena]]. Demofoonte per liberarla si rivolse direttamente ad [[Agamennone]], che, ottenuto il consenso di Elena, gliela consegnò.
 
<br>A Troia, secondo Plutarco, Demofonte avrebbe amato [[Laodice]], figlia di [[Priamo]], dalla quale avrebbe avuto un figlio, [[Munito]]. Figlio che però fu attribuito ad Acamante.
 
<br>Apollodoro narra che Demofoonte s’innamorò di [[Fillide (2)|Fillide]], figlia di [[Licurgo]], la quale divenne sua moglie e gli portò in dote in regno. Demofoonte però, desideroso di rivedere Atene, partì con la promessa di tornare. Fillide gli diede uno scrigno nel quale mise degli oggetti sacri alla Grande Madre [[Rea (1)|Rea]], e gli disse di aprirlo soltanto se non fosse potuto tornare. Dimentico della promessa, Demofoonte si stabilì a Cipro. Passato il tempo stabilito per il ritorno Fillide maledisse Demofoonte e si uccise. Tempo dopo Demofoonte aprì lo scrigno, e terrorizzato da ciò che vi vide fuggì a cavallo, ma inciampando, cadde sulla sua spada e morì trafitto.
 
 
[[Categoria:Mitologia Classica]]
 
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
[[Categoria:Europa]]
 
[[Categoria:Mediterraneo]]
 
[[Categoria:Grecia]]
 
[[Categoria:Umani]]
 
[[Categoria:Nobili]]
 
[[Categoria:Sovrani]]
 
[[Categoria:Eroi]]
 
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 
[[Categoria:Indole: Benevola]]
 
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
 

Per favore tieni presente che tutti i contributi a Il Crepuscolo degli Dèi possono essere modificati, stravolti o cancellati da altri contributori. Se non vuoi che i tuoi testi possano essere alterati, allora non inserirli.
Inviando il testo dichiari inoltre, sotto tua responsabilità, che è stato scritto da te personalmente oppure è stato copiato da una fonte di pubblico dominio o similarmente libera (vedi Il Crepuscolo degli Dèi:Copyright per maggiori dettagli). Non inviare materiale protetto da copyright senza autorizzazione!

Annulla Guida (si apre in una nuova finestra)

Template utilizzato in questa pagina: