Clitennestra

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
-
Secondo la leggenda nacque assieme a [[Castore]], [[Polluce]] ed [[Elena]], dall'uovo che [[Leda]] aveva concepito dopo il rapporto con [[Zeus]] che si era unito a lei sotto forma di cigno. Siccome [[Leda]] la stessa notte si accoppiò col marito [[Tindaro]], Clitennestra nacque dal seme di [[Tindaro]]. Clitennestra sposò in prime nozze [[Tantalo (2)|Tantalo]] re di Pisa (città del Peloponneso). [[Agamennone]], gli fece guerra, lo uccise, assieme al figlio e ne sposò la vedova Clitennestra. [[Castore]] e [[Polluce]], suoi fratelli, indignati mossero contro [[Micene]] (città di [[Agamennone]]). Ma [[Agamennone]], scaltro com'era si recò subito da [[Tindaro]] che benedì il suo matrimonio e così si salvò dalla vendetta dei due [[Dioscuri]]. Dall'unione dei due nacquero: [[Elettra]], [[Ifigenia]], [[Crisotemi (2)|Crisotemi]] e [[Oreste]]. Quando [[Agamennone]] ebbe il comando delle truppe per la spedizione contro [[Troia]], alla partenza mancava il vento. Allora interrogato l'oracolo [[Calcante]], disse che ciò era dovuto ad uno sgarbo che [[Agamennone]] aveva fatto alla dea [[Artemide]] e per calmare la dea egli doveva sacrificare la propria figlia [[Ifigenia]]. [[Agamennone]] tergiversava, ma quando i Greci minacciarono di togliergli il comando, acconsentì al sacrificio anche se poi non fu consumato. Per questo fatto Clitennestra gli serbò rancore eterno. [[Egisto]], che aveva dei rancori nei confronti di [[Agamennone]], non partecipò alla guerra e rimanendo a corte insinuò il dubbio nel cuore Clitennestra che già aveva molto sofferto. Al ritorno dalla spedizione [[Agamennone]], venne dai due trucidato assieme ai suoi uomini e a [[Cassandra]], la principessa troiana divenuta sua schiava. In seguito [[Oreste]] lo vendicò uccidendo la madre.
+
Secondo la leggenda nacque assieme a [[Castore]], [[Polluce]] ed [[Elena]], dall'uovo che [[Leda]] aveva concepito dopo il rapporto con [[Zeus]] che si era unito a lei sotto forma di cigno. Siccome [[Leda]] la stessa notte si accoppiò col marito [[Tindaro]], Clitennestra nacque dal seme di [[Tindaro]]. Clitennestra sposò in prime nozze [[Tantalo (2)|Tantalo]] re di Pisa (città del Peloponneso). [[Agamennone]], gli fece guerra, lo uccise, assieme al figlio e ne sposò la vedova Clitennestra. [[Castore]] e [[Polluce]], suoi fratelli, indignati mossero contro [[Micene]] (città di [[Agamennone]]). Ma [[Agamennone]], scaltro com'era si recò subito da [[Tindaro]] che benedì il suo matrimonio e così si salvò dalla vendetta dei due [[Dioscuri]]. Dall'unione dei due nacquero: [[Elettra]], [[Ifigenia]], [[Crisotemi (2)|Crisotemi]] e [[Oreste]]. Quando [[Agamennone]] ebbe il comando delle truppe per la spedizione contro [[Troia]], alla partenza mancava il vento. Allora interrogato l'oracolo [[Calcante]], disse che ciò era dovuto ad uno sgarbo che [[Agamennone]] aveva fatto alla dea [[Artemide]] e per calmare la dea egli doveva sacrificare la propria figlia [[Ifigenia]]. [[Agamennone]] tergiversava, ma quando i Greci minacciarono di togliergli il comando, acconsentì al sacrificio anche se poi non fu consumato. Per questo fatto Clitennestra gli serbò rancore eterno. [[Egisto]], che aveva dei rancori nei confronti di [[Agamennone]], non partecipò alla guerra e rimanendo a corte insinuò il dubbio nel cuore Clitennestra che già aveva molto sofferto. Al ritorno dalla spedizione [[Agamennone]], venne dai due trucidato assieme ai suoi uomini e a [[Cassandra]], la principessa troiana divenuta sua schiava. In seguito [[Oreste]] lo vendicò uccidendo la madre. Secondo una versione, [[Egisto]] e [[Clitennestra]], ebbero alcuni figli, tra cui [[Alete (2)|Alete]] ed [[Erigone]].
== Riferimenti musicali ==
== Riferimenti musicali ==

Versione del 21:37, 21 feb 2012