Differenze tra le versioni di "Chin long ssu t'a w"

(Nuova pagina: Letteralmente è il "Re-Drago dorato numero quattro". Era il nipote dell'imperatrice Hsieh (XIII sec.); quando le truppe mongole invasero Hangchow e rapirono l'Imperatrice, egli sf...)
 
 
(6 versioni intermedie di uno stesso utente non sono mostrate)
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=re drago dorato numero quattro
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Orientale
 +
|continente=Asia
 +
|area=Estremo Oriente
 +
|paese=Cina
 +
|origine=Cinesi
 +
|tipologia=Umani
 +
|sottotipologia=Nobili
 +
|specificità=Sovrani
 +
|sub=-
 +
|indole=Benevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=-
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=-
 +
}}
 +
 
Letteralmente è il "Re-Drago dorato numero quattro". Era il nipote dell'imperatrice [[Hsieh]] (XIII sec.); quando le truppe mongole invasero Hangchow e rapirono l'Imperatrice, egli sfuggì alla cattura nascondendosi, travestito da monaco buddista, nella Montagna del Drago Dorato. Successivamente, però, fu costretto ad uccidersi nelle acque del fiume T'iao, per non cadere nelle mani dei conquistatori. Prima di morire pronunciò la profezia che sarebbe ritornato sotto forma di un drago per vendicarsi degli invasori. E si dice che nel secolo seguente egli apparisse per aiutare durante una battaglia [[Hung Wu]], fondatore della dinastia Ming, che riuscì a respingere le truppe mongole con l'aiuto magico di una stormo di api. Il suo strano nome (numero quattro), si spiega molto semplicemente col fatto che egli era l'ultimo di quattro figli.
 
Letteralmente è il "Re-Drago dorato numero quattro". Era il nipote dell'imperatrice [[Hsieh]] (XIII sec.); quando le truppe mongole invasero Hangchow e rapirono l'Imperatrice, egli sfuggì alla cattura nascondendosi, travestito da monaco buddista, nella Montagna del Drago Dorato. Successivamente, però, fu costretto ad uccidersi nelle acque del fiume T'iao, per non cadere nelle mani dei conquistatori. Prima di morire pronunciò la profezia che sarebbe ritornato sotto forma di un drago per vendicarsi degli invasori. E si dice che nel secolo seguente egli apparisse per aiutare durante una battaglia [[Hung Wu]], fondatore della dinastia Ming, che riuscì a respingere le truppe mongole con l'aiuto magico di una stormo di api. Il suo strano nome (numero quattro), si spiega molto semplicemente col fatto che egli era l'ultimo di quattro figli.
 +
 +
[[Categoria:Mitologia Orientale]]
 
[[Categoria:Mitologia Cinese]]
 
[[Categoria:Mitologia Cinese]]
 +
[[Categoria:Asia]]
 +
[[Categoria:Estremo Oriente]]
 +
[[Categoria:Cina]]
 +
[[Categoria:Umani]]
 +
[[Categoria:Nobili]]
 +
[[Categoria:Sovrani]]
 +
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 +
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
 +
[[Categoria:Indole: Benevola]]
 +
[[Categoria:Draghi]]

Versione attuale delle 15:30, 8 apr 2020

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: re drago dorato numero quattro
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Orientale
Continente: Asia
Area: Estremo Oriente
Paese: Cina
Popolo/Regione: Cinesi
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Nobili
Specificità: Sovrani
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: -

Letteralmente è il "Re-Drago dorato numero quattro". Era il nipote dell'imperatrice Hsieh (XIII sec.); quando le truppe mongole invasero Hangchow e rapirono l'Imperatrice, egli sfuggì alla cattura nascondendosi, travestito da monaco buddista, nella Montagna del Drago Dorato. Successivamente, però, fu costretto ad uccidersi nelle acque del fiume T'iao, per non cadere nelle mani dei conquistatori. Prima di morire pronunciò la profezia che sarebbe ritornato sotto forma di un drago per vendicarsi degli invasori. E si dice che nel secolo seguente egli apparisse per aiutare durante una battaglia Hung Wu, fondatore della dinastia Ming, che riuscì a respingere le truppe mongole con l'aiuto magico di una stormo di api. Il suo strano nome (numero quattro), si spiega molto semplicemente col fatto che egli era l'ultimo di quattro figli.