Chih Nu

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: Ce-Niu
Etimologia: -
Sesso: Femmina
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Orientale
Continente: Asia
Area: Estremo Oriente
Paese: Cina
Popolo/Regione: Cinesi
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Sottotipologia: Divinità delle Attività
Specificità: Divinità degli Artigiani
Subspecifica: [[:Elenchi:{{{sub}}}|{{{sub}}}]]
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: Terra
Habitat: Cielo
Tematiche: Artigianato, Pioggia, Stelle

Importantissima dea, figlia dell'Augusto di Giada. E' patrona dei tessitori e dimora in solitudine nella stella dell'Alfa della costellazione della Lira, tessendo bellissime tele per l'augusto genitore. Un giorno lasciò il cielo per fare il bagno. Mentre faceva il bagno, il Pastore Celeste della costellazione dell'Aquila le portò via i vestiti, essendogli stato detto di farlo dal suo ox (che è anche il suo spirito guardiano). Chih Nu non poteva tornare in cielo senza di essi, cosicché sposò il bovaro. Ebbero due figli, e sette anni dopo lei trovò i suoi vestiti e fece ritorno in cielo. Il bovaro chiese che cosa doveva fare e il suo ox gli disse come arrivare in cielo. Chih Nu ammise di essere la moglie del bovaro e questi fu reso immortale.
Ma, poiché Ce-Niu, presa dalle mansioni di moglie, trascurava i lavori al telaio, Augusto di Giada frappose fra lei e il suo sposo il Fiume Celeste la (Via Lattea) permettendo ai due coniugi di incontrarsi una sola volta l'anno e precisamente nel settimo giorno del settimo mese di ogni anno. Poiché quel mese, in Cina, cade nel periodo delle piogge, i Cinesi dicono che le gocce che cadono dal cielo sono le lacrime di felicità che la dea Ce-Niu versa per la gioia di incontrare l'amato sposo dopo un anno di separazione. La leggenda è narrata da un anonimo cinese del sec. I d.C.