Ch'i yu (1)

Versione del 22 mar 2020 alle 12:20 di Ilcrepuscolo (discussione | contributi) (Sostituzione testo - '|specificità=Divinità degli Artigiani ' con '|specificità=Divinità degli Artigiani |sub=-')
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Orientale
Continente: Asia
Area: Estremo Oriente
Paese: Cina
Popolo/Regione: Cinesi
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Sottotipologia: Divinità delle Attività
Specificità: Divinità degli Artigiani
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: Fuoco
Habitat: Cielo
Tematiche: Artigianato

Divinità dal corpo umano e la testa di toro. Le sue ossa erano di metallo, la testa di rame, la fronte di ferro e si nutriva di minerali. Gli è attribuita l'invenzione delle armi e della forgia. Fu vinto dal mitico imperatore Huang Ti in una specie di torneo. È patrono dei fabbri e protettore dell'alchimia; inoltre, è anche lo spirito del pianeta Marte (Yin-Hwo) che, come presso i greci, era il pianeta che soprintendeva alle cose della guerra. Secondo alcune fonti, il suo aspetto mostruoso era accentuato dal fatto di avere solo otto dita alle mani ed ai piedi; i suoi denti inoltre, lunghi più di cinque centimetri, erano infrangibili. Per di più possedeva quattro'occhi e sei mani.