Cariclo (3)

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Versione corrente (15:23, 26 mar 2020) (modifica) (annulla)
 
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Femmina
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Creature Fantastiche
 +
|sottotipologia=Esseri Intermediari
 +
|specificità=Elementali
 +
|sub=Ninfe
 +
|indole=Benevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=-
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=-
 +
}}
 +
[[Ninfa]] che fu madre dell'indovino [[Tiresia]]. Cariclo era una delle compagne favorite da [[Atena]], che spesso le permetteva di salire sul suo carro. Un giorno, le due divinità si stavano facendo il bagno nella fontana [[Ippocrene]], sull'[[Elicona]]. Tiresia, dal canto suo, stava cacciando nelle vicinanze, e finì così per capitare alla stessa sorgente. Il ragazzo vide, quindi, la dea Atena nuda, e lei immediatamente lo accecò. Cariclo protestò per la crudeltà di una simile punizione, ma Atena le spiegò che quella era la sorte destinata a qualunque mortale avesse visto un immortale contro la sua volontà. Ma, per consolarla, accordò a Tiresia doni meravigliosi: un bastone di corniolo, con cui poteva prendere le direzioni come se vedesse, la capacità di comprendere ciò che dicevano gli uccelli (permettendogli così la profezia), e la possibilità di mantenere tutte le sue capacità intellettuali (compresa la profezia) anche nell'[[Ade]], una volta morto.
[[Ninfa]] che fu madre dell'indovino [[Tiresia]]. Cariclo era una delle compagne favorite da [[Atena]], che spesso le permetteva di salire sul suo carro. Un giorno, le due divinità si stavano facendo il bagno nella fontana [[Ippocrene]], sull'[[Elicona]]. Tiresia, dal canto suo, stava cacciando nelle vicinanze, e finì così per capitare alla stessa sorgente. Il ragazzo vide, quindi, la dea Atena nuda, e lei immediatamente lo accecò. Cariclo protestò per la crudeltà di una simile punizione, ma Atena le spiegò che quella era la sorte destinata a qualunque mortale avesse visto un immortale contro la sua volontà. Ma, per consolarla, accordò a Tiresia doni meravigliosi: un bastone di corniolo, con cui poteva prendere le direzioni come se vedesse, la capacità di comprendere ciò che dicevano gli uccelli (permettendogli così la profezia), e la possibilità di mantenere tutte le sue capacità intellettuali (compresa la profezia) anche nell'[[Ade]], una volta morto.
[[Categoria:Esseri Intermediari]]
[[Categoria:Esseri Intermediari]]
[[Categoria:Elementali]]
[[Categoria:Elementali]]
 +
[[Categoria:Ninfe]]
[[Categoria:Sesso: Femmina]]
[[Categoria:Sesso: Femmina]]
[[Categoria:Indole: Benevola]]
[[Categoria:Indole: Benevola]]

Versione corrente