Differenze tra le versioni di "Cao Guojiu"

(Nuova pagina: Cao è il patrono degli attori e di tutti coloro che esercitano la professione teatrale. Ha in mano delle nacchere e in testa il cappello tipico della popolazione mandarina. Prima di r...)
 
Riga 1: Riga 1:
Cao è il patrono degli attori e di tutti coloro che esercitano la professione teatrale. Ha in mano delle nacchere e in testa il cappello tipico della popolazione mandarina. Prima di ritirarsi tra i monti, sembra che sia stato ministro della dinastia Song (XI secolo) talvolta è anche rappresentato con in mano la sua tavoletta di ammissione alla Corte. Era così fuggito e diventato eremita per evitare la vergogna di avere un fratello assassino e usava coprirsi i piedi di piante selvatiche. Fu scelto e reso immortale dagli altri sette che occupavano sette delle otto grotte della Sfere Superiori, ed erano alla ricerca di un ottavo compagno meritevole. I primi due Immortali che incontrò gli proposero ben presto di accoglierlo nella loro cerchía e gli comunicarono la ricetta dell'immortalità.
+
Uno dei [[Ba Xian]]. Cao è il patrono degli attori e di tutti coloro che esercitano la professione teatrale. Ha in mano delle nacchere e in testa il cappello tipico della popolazione mandarina. Prima di ritirarsi tra i monti, sembra che sia stato ministro della dinastia Song (XI secolo) talvolta è anche rappresentato con in mano la sua tavoletta di ammissione alla Corte. Era così fuggito e diventato eremita per evitare la vergogna di avere un fratello assassino e usava coprirsi i piedi di piante selvatiche. Fu scelto e reso immortale dagli altri sette che occupavano sette delle otto grotte della Sfere Superiori, ed erano alla ricerca di un ottavo compagno meritevole. I primi due Immortali che incontrò gli proposero ben presto di accoglierlo nella loro cerchía e gli comunicarono la ricetta dell'immortalità.

Versione delle 15:25, 8 gen 2012

Uno dei Ba Xian. Cao è il patrono degli attori e di tutti coloro che esercitano la professione teatrale. Ha in mano delle nacchere e in testa il cappello tipico della popolazione mandarina. Prima di ritirarsi tra i monti, sembra che sia stato ministro della dinastia Song (XI secolo) talvolta è anche rappresentato con in mano la sua tavoletta di ammissione alla Corte. Era così fuggito e diventato eremita per evitare la vergogna di avere un fratello assassino e usava coprirsi i piedi di piante selvatiche. Fu scelto e reso immortale dagli altri sette che occupavano sette delle otto grotte della Sfere Superiori, ed erano alla ricerca di un ottavo compagno meritevole. I primi due Immortali che incontrò gli proposero ben presto di accoglierlo nella loro cerchía e gli comunicarono la ricetta dell'immortalità.