Bukhis

Versione del 2 lug 2020 alle 19:36 di Ilcrepuscolo (discussione | contributi) (Sostituzione testo - "==Culto==" con "==CULTO==")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Toro sacro al dio Montu nella città di Hermonthis (Ermant). Aveva corpo bianco e testa nera, e un disco solare sormontato da due alte piuma tra le corna. Fu considerato figlio di Nun ed assimilato a Ptah-Tatenen.
Secondo Macrobio, aveva la caratteristica meravigliosa di mutare colore ad ogni ora del giorno e, per di più. aveva le setole "che nascono in senso opposto a quello di tutti gli altri animali, per cui lo si ritiene quasi un'immagine del sole che risplende sull'emisfero opposto".

EPITETI

Uno dei suoi titoli, che sottolineava le sue caratteristiche solari, fu "Anima di Ra".

CULTO

Ebbe un santuario a Medinet Habu ed il suo culto si diffuse nei dintorni di Tebe e a Karnak. La necropoli di questi tori venne chiamata Bukheum, analoga al Serapeum di Apis.