Modifica di Biblioteca:Omero, Odissea, Libro XV

Attenzione: non hai effettuato l'accesso. Se effettuerai delle modifiche il tuo indirizzo IP sarà visibile pubblicamente. Se accedi o crei un'utenza, le tue modifiche saranno attribuite al tuo nome utente, insieme ad altri benefici.

Questa modifica può essere annullata. Controlla le differenze mostrate sotto fra le due versioni per essere certo che il contenuto corrisponda a quanto desiderato, e quindi salvare le modifiche per completare la procedura di annullamento.
Versione attuale Il tuo testo
Riga 2: Riga 2:
  
 
Nell'ampia Lacedèmone [[Atena]]<br>
 
Nell'ampia Lacedèmone [[Atena]]<br>
Entrava intanto ad ammonir d'[[Ulisse]]<br>
+
Entrava intanto ad ammonir d'Ulisse<br>
 
L'inclita prole, che di far ritorno<br>
 
L'inclita prole, che di far ritorno<br>
 
Alle patrie contrade era già tempo.<br>
 
Alle patrie contrade era già tempo.<br>
Riga 80: Riga 80:
 
Sorto e d'allato della bella [[Elena]],<br>
 
Sorto e d'allato della bella [[Elena]],<br>
 
Venne alla volta lor; né prima il caro <span style="font-size:10px;float:right" id="75">      75</span><br>
 
Venne alla volta lor; né prima il caro <span style="font-size:10px;float:right" id="75">      75</span><br>
Figliuol d'[[Ulisse]] l'avvisò, che in fretta<br>
+
Figliuol d'Ulisse l'avvisò, che in fretta<br>
 
Della lucente tunica le membra<br>
 
Della lucente tunica le membra<br>
 
Cinse e gittò il gran manto a sé d'intorno,<br>
 
Cinse e gittò il gran manto a sé d'intorno,<br>
Riga 202: Riga 202:
 
"Tutto, non dubitar, di [[Zeus]] alunno,<br>
 
"Tutto, non dubitar, di [[Zeus]] alunno,<br>
 
Saprà il buon vecchio. Oh potess'io non manco,<br>
 
Saprà il buon vecchio. Oh potess'io non manco,<br>
Tosto ch'io sarò in Itaca, ad [[Ulisse]]<br>
+
Tosto ch'io sarò in Itaca, ad Ulisse<br>
 
Mostrare i tanti e così ricchi doni<br>
 
Mostrare i tanti e così ricchi doni<br>
 
Ch'io da te ricevetti, e raccontargli <span style="font-size:10px;float:right" id="195">      195</span><br>
 
Ch'io da te ricevetti, e raccontargli <span style="font-size:10px;float:right" id="195">      195</span><br>
Riga 226: Riga 226:
 
Dal natìo monte, che i suoi parti guarda,<br>
 
Dal natìo monte, che i suoi parti guarda,<br>
 
Si rapì l'oca nel cortil nodrita,<br>
 
Si rapì l'oca nel cortil nodrita,<br>
Non altrimenti [[Ulisse]], alle paterne <span style="font-size:10px;float:right" id="215">      215</span><br>
+
Non altrimenti Ulisse, alle paterne <span style="font-size:10px;float:right" id="215">      215</span><br>
 
Case venuto da lontani lidi,<br>
 
Case venuto da lontani lidi,<br>
 
Su i proci piomberà; se pur non venne,<br>
 
Su i proci piomberà; se pur non venne,<br>
Riga 346: Riga 346:
 
"Stranier", così Telemaco rispose, <span style="font-size:10px;float:right" id="325">      325</span><br>
 
"Stranier", così Telemaco rispose, <span style="font-size:10px;float:right" id="325">      325</span><br>
 
"Su i labbri miei non sonerà che il vero.<br>
 
"Su i labbri miei non sonerà che il vero.<br>
Itaca è la mia patria, il padre è [[Ulisse]],<br>
+
Itaca è la mia patria, il padre è Ulisse,<br>
 
Se un padre ho ancor: quel, di cui forte io temo.<br>
 
Se un padre ho ancor: quel, di cui forte io temo.<br>
 
Però con negra nave e gente fida<br>
 
Però con negra nave e gente fida<br>
Riga 391: Riga 391:
 
Cui governava un dio, sopra Fea sorse,<br>
 
Cui governava un dio, sopra Fea sorse,<br>
 
E di là costeggiò l'Elide, dove<br>
 
E di là costeggiò l'Elide, dove<br>
Regnan gli Epei. Quinci il figliuol d'[[Ulisse]]<br>
+
Regnan gli Epei. Quinci il figliuol d'Ulisse<br>
 
Tra le scoscese Echinadi si mise, <span style="font-size:10px;float:right" id="370">      370</span><br>
 
Tra le scoscese Echinadi si mise, <span style="font-size:10px;float:right" id="370">      370</span><br>
 
Pur rivolgendo nel suo cor, se i lacci<br>
 
Pur rivolgendo nel suo cor, se i lacci<br>
 
Schiverebbe de' proci, o vi cadrebbe.<br>
 
Schiverebbe de' proci, o vi cadrebbe.<br>
 
<br>
 
<br>
Ma in altra parte [[Ulisse]] e il buon custode,<br>
+
Ma in altra parte Ulisse e il buon custode,<br>
 
Sedean sott'esso il padiglione a cena,<br>
 
Sedean sott'esso il padiglione a cena,<br>
 
E non lunge sedean gli altri pastori. <span style="font-size:10px;float:right" id="375">      375</span><br>
 
E non lunge sedean gli altri pastori. <span style="font-size:10px;float:right" id="375">      375</span><br>
 
Pago de' cibi il natural talento,<br>
 
Pago de' cibi il natural talento,<br>
[[Ulisse]] favellò, tentando Eumèo,<br>
+
Ulisse favellò, tentando Eumèo,<br>
 
S'ei, non cessando dalle cure amiche,<br>
 
S'ei, non cessando dalle cure amiche,<br>
 
Ritenerlo appo sé nella sua cara<br>
 
Ritenerlo appo sé nella sua cara<br>
Riga 412: Riga 412:
 
Di porta in porta, e ricercando, come<br>
 
Di porta in porta, e ricercando, come<br>
 
Sfòrzami rea necessità, chi un pane<br>
 
Sfòrzami rea necessità, chi un pane<br>
Mi porga ed una ciotola. D'[[Ulisse]]<br>
+
Mi porga ed una ciotola. D'Ulisse<br>
 
Mi farò ai tetti, e alla sua donna saggia <span style="font-size:10px;float:right" id="390">      390</span><br>
 
Mi farò ai tetti, e alla sua donna saggia <span style="font-size:10px;float:right" id="390">      390</span><br>
 
Novelle recheronne, e avvolgerommi<br>
 
Novelle recheronne, e avvolgerommi<br>
Riga 441: Riga 441:
 
Rimani: che né a me, né de' compagni <span style="font-size:10px;float:right" id="415">      415</span><br>
 
Rimani: che né a me, né de' compagni <span style="font-size:10px;float:right" id="415">      415</span><br>
 
Grave ad alcun la tua presenza torna.<br>
 
Grave ad alcun la tua presenza torna.<br>
Ma come giunto sia d'[[Ulisse]] il figlio,<br>
+
Ma come giunto sia d'Ulisse il figlio,<br>
 
Da lui tunica e manto, e da lui scorta<br>
 
Da lui tunica e manto, e da lui scorta<br>
 
Riceverai, dove che andar t'aggradi".<br>
 
Riceverai, dove che andar t'aggradi".<br>
 
<br>
 
<br>
"Eumèo", rispose il pazïente [[Ulisse]], <span style="font-size:10px;float:right" id="420">      420</span><br>
+
"Eumèo", rispose il pazïente Ulisse, <span style="font-size:10px;float:right" id="420">      420</span><br>
 
"possa [[Zeus]] amar te, siccome io t'amo,<br>
 
"possa [[Zeus]] amar te, siccome io t'amo,<br>
 
Te, che al vagar mio lungo ed all'inopia<br>
 
Te, che al vagar mio lungo ed all'inopia<br>
Riga 455: Riga 455:
 
Or, quando vuoi ch'io teco resti e aspetti<br>
 
Or, quando vuoi ch'io teco resti e aspetti<br>
 
Telemaco, su via, della canuta<br>
 
Telemaco, su via, della canuta<br>
Madre d'[[Ulisse]] parlami e del padre, <span style="font-size:10px;float:right" id="430">      430</span><br>
+
Madre d'Ulisse parlami e del padre, <span style="font-size:10px;float:right" id="430">      430</span><br>
 
Che al tempo che il figliuol sciolse per [[Troia]],<br>
 
Che al tempo che il figliuol sciolse per [[Troia]],<br>
 
Della vecchiezza il limitar toccava.<br>
 
Della vecchiezza il limitar toccava.<br>
Riga 501: Riga 501:
 
Sempre rallegra, riportare ai campi".<br>
 
Sempre rallegra, riportare ai campi".<br>
 
<br>
 
<br>
"Eumèo", rispose l'avveduto [[Ulisse]],<br>
+
"Eumèo", rispose l'avveduto Ulisse,<br>
 
"Te dalla patria lungi e da' parenti <span style="font-size:10px;float:right" id="475">      475</span><br>
 
"Te dalla patria lungi e da' parenti <span style="font-size:10px;float:right" id="475">      475</span><br>
 
Pargoletto sbalzò dunque il tuo fato?<br>
 
Pargoletto sbalzò dunque il tuo fato?<br>
Riga 635: Riga 635:
 
E così questa terra, ospite, io vidi".<br>
 
E così questa terra, ospite, io vidi".<br>
 
<br>
 
<br>
"Eumèo", rispose il pazïente [[Ulisse]],<br>
+
"Eumèo", rispose il pazïente Ulisse,<br>
 
"Molto a me l'alma commovesti in petto,<br>
 
"Molto a me l'alma commovesti in petto,<br>
 
Narrando i casi tuoi. Ma [[Zeus]] almeno <span style="font-size:10px;float:right" id="605">      605</span><br>
 
Narrando i casi tuoi. Ma [[Zeus]] almeno <span style="font-size:10px;float:right" id="605">      605</span><br>
Riga 657: Riga 657:
 
Sul lido usciàno ed allestìan la cena.<br>
 
Sul lido usciàno ed allestìan la cena.<br>
 
Rintuzzata la fame, e spenta in loro<br>
 
Rintuzzata la fame, e spenta in loro<br>
La sete: "Voi", così d'[[Ulisse]] il figlio,<br>
+
La sete: "Voi", così d'Ulisse il figlio,<br>
 
"Alla città guidatemi la nave,<br>
 
"Alla città guidatemi la nave,<br>
 
Mentre a' miei campi ed ai pastori io movo. <span style="font-size:10px;float:right" id="625">      625</span><br>
 
Mentre a' miei campi ed ai pastori io movo. <span style="font-size:10px;float:right" id="625">      625</span><br>
Riga 683: Riga 683:
 
Onoran gl'Itacesi. Egli è il più prode, <span style="font-size:10px;float:right" id="645">      645</span><br>
 
Onoran gl'Itacesi. Egli è il più prode, <span style="font-size:10px;float:right" id="645">      645</span><br>
 
E il regno, più che agli altri, e la consorte<br>
 
E il regno, più che agli altri, e la consorte<br>
D'[[Ulisse]] affêtta. Ma se, pria che questo<br>
+
D'Ulisse affêtta. Ma se, pria che questo<br>
 
Maritaggio si compia, i proci tutti<br>
 
Maritaggio si compia, i proci tutti<br>
 
Non scenderanno ad abitar con Pluto,<br>
 
Non scenderanno ad abitar con Pluto,<br>

Per favore tieni presente che tutti i contributi a Il Crepuscolo degli Dèi possono essere modificati, stravolti o cancellati da altri contributori. Se non vuoi che i tuoi testi possano essere alterati, allora non inserirli.
Inviando il testo dichiari inoltre, sotto tua responsabilità, che è stato scritto da te personalmente oppure è stato copiato da una fonte di pubblico dominio o similarmente libera (vedi Il Crepuscolo degli Dèi:Copyright per maggiori dettagli). Non inviare materiale protetto da copyright senza autorizzazione!

Annulla Guida (si apre in una nuova finestra)