Biblioteca:Igino, Favole

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
m (Sostituzione testo - 'Vendetta' con 'Nemesi')
===Prologo===
===Prologo===
-
Da Caligine nacque [[Caos]]. Da [[Caos]] e Caligine nacquero [[Nyx]], [[Emera]], [[Erebo]], [[Etere]]. Da [[Nyx]] ed [[Erebo]]: Fato, Vecchiaia, Morte, Annientamento, Continenza, Sonno, Sogni, Amore -vale a dire Lisimele, Epifrone, Edimele -, Porfirione, [[Epafo]], Discordia, Miseria, Impudenza, Nemesi, Eufrosine, Amicizia, Misericordia, Stige, le tre [[Moire]], cioè [[Cloto]], [[Lachesi]], [[Atropo]], e le [[Esperidi]]: Egle, Esperia ed Erica. Da [[Etere]] e Giorno nacquero Tello, Cielo e Mare. Da [[Etere]] e Tello nacquero Dolore, Inganno, Ira, Lutto, Menzogna, Giuramento, Nemesi, Intemperanza, Disputa, Dimenticanza, Paura, Superbia, Incesto, Battaglia, [[Oceano]], Temi, [[Tartaro]] e [[Ponto]]; e i [[Titani]], e cioè [[Briareo]], Gige, Sterope, Atlante, [[Iperione]] e Polo, [[Crono]], Opi, Moneta, Dione; e le tre [[Erinni]], vale a dire Netto, [[Megera]] e Tisifone. Da Tello e [[Tartaro]] nacquero i Giganti: Encelado, Ceo ……, Astreo, Peloro, Pallante, Enfito, Reco, ……, Agrio, talemone, Efialte, Eurito, ……, Teomise, Teodamante, Oto, [[Tifone]], Polibote, Menefiario, Abseo, Colofomo, [[[[Giapeto]]]]. Da [[Ponto]] e Acqua Marina nacquero le specie dei pesci. Da [[Oceano]] e Teti, le [[Oceanine]], e cioè Estiea, Melite, Iante, Admeta, Stilbo, Pasifae, Polisso, Eurinome, Evagoreide, Rodope, tliride, Clizia, ……, Clitenneste, Meti, Menippe, Argia. Della stessa stirpe sono i Fiumi, cioè [[Strimone]], Nilo, Eufrate, Tanai, Indo, Cefiso, Ismeno, Asseno, [[Acheloo]], Simoenta, Inaco, Alfeo, Termodonte, [[Scamandro]], Tigri, Meandro e Oronte. Da [[Ponto]] e Tello nacquero Taumante, Ceto, [[Nereo]] e Forcide. Da [[Nereo]] e Doride le cinquanta [[Nereidi]]: Glauce, Talia, Cimodoce, Nesea, [[Speio]], Toe, [[Cimotoe]], Attea, Limnoreia, Melite, Iera, Anfitoe, Agave, [[Doto]], Proto, [[Ferusa]], Dinamene, Dessamene, Anfinome, Callianassa, Doride, Panope, Galatea, Nemerte, Apseude, Climene, Ianira, Panopea, Ianassa, Mera, Orizia, Amazia, Drimo, Xanto, Ligea, Fillodoce, Cidippe, Licoriade, Cleio, Beroe, Efire, Opi, Asia, Deiopea, Aretusa, Climene, Creneide, Euridice, Leucotoe. Da Forcide e Ceto: le Graie, cioè Pemfredo, Enio e Perside (quest’ultima da altri è chiamata Dino). Da Ceto nacquero le [[Gorgoni]]: Steno, Euriale e Medusa. Da Polo e Febe: [[Leto]], Asteria, …… Afirape, Perse e Pallante. Da [[[[Giapeto]]]] e Climene: Atlante, [[Epimeteo]] e [[Prometeo]]. Da [[Iperione]] ed Etra: Sole, Luna e Aurora. Da Satumo e Opi: [[Estia]], Cerere, Era, [[Ade]], [[Poseidone]] e [[Zeus]]. Da [[Crono]] e [[Filira]]: [[Chirone]] e Dolope. Da Astreo e Aurora: [[Zefiro]], [[Borea]], Noto e Favonio. Da Atlante e Pleione: Maia, Calipso, Alcione, Merope, Elettra e Celeno. Dal Gigante Pallante e da Stige: Scilla, Forza, Invidia, Potere, Nike, Sorgenti, Laghi. Da [[Poseidone]] e Salacia: Tritone. Da Dione e [[Zeus]]: [[Afrodite]]. Da [[Zeus]] e Era: [[Ares]]. Da Era senza padre: [[Efesto]]. Da [[Zeus]] ed Eurinome: le [[Cariti]]. Ancora da [[Zeus]] e da Era: Gioventù e Libertà. Da [[Zeus]] e Temi: le Stagioni. Da [[Zeus]] e Cerere: [[Persefone]]. Da [[Zeus]] e Moneta: le [[Muse]]. Da [[Zeus]] e Luna: Pandia. Da [[Afrodite]] e [[Ares]]: Armonia e Terrore. Da [[Acheloo]] e [[Melpomene]]: le [[Sirene (1)|Sirene]], cioè Telsiepia, Molpe e Pisinoe. Da [[Zeus]] e Climene: [[Mnemosine]]. Da [[Zeus]] e Maia: [[Ermes]]. Da [[Zeus]] e [[Leto]]: [[Apollo]] e [[Artemide]]. Da Tello: Pitone, il serpente divino. Da Taumante ed Elettra: [[Iride]] e le [[Arpie]], cioè Celeno, Ocipete e Podarce. Da Sole e Persa: [[Circe]], Pasifae, [[Eete]], Perse. Da [[Eete]] e Clizia: [[Medea]]. Da Sole e Climene: [[Fetonte]] e le Fetontidi, cioè Merape, Elie, Eteria e Diossippe. Da [[Tifone]] ed Echidna: Gorgone, Cerbero, il mostro che custodiva il vello d’oro nella Colchide, Scilla, che aveva corpo di donna nella parte superiore e di cane in quella inferiore e che fu uccisa da [[Eracle]], Chimera, la [[Sfinge]] che abitava in Beozia, il serpente Idra, che aveva nove teste e che pure fu ucciso da [[Eracle]], e il dragone delle [[Esperidi]]. Da [[Poseidone]] e Medusa: il cavallo Pegaso. Da Crisaore e Calliroe: [[Gerione]] tricorpore.
+
Da Caligine nacque [[Caos]]. Da [[Caos]] e Caligine nacquero [[Nyx]], [[Emera]], [[Erebo]], [[Etere]]. Da [[Nyx]] ed [[Erebo]]: Fato, Vecchiaia, Morte, Annientamento, Continenza, Sonno, Sogni, Amore -vale a dire Lisimele, Epifrone, Edimele -, Porfirione, [[Epafo]], Discordia, Miseria, Impudenza, [[Nemesi]], Eufrosine, Amicizia, Misericordia, Stige, le tre [[Moire]], cioè [[Cloto]], [[Lachesi]], [[Atropo]], e le [[Esperidi]]: Egle, Esperia ed Erica. Da [[Etere]] e Giorno nacquero Tello, Cielo e Mare. Da [[Etere]] e Tello nacquero Dolore, Inganno, Ira, Lutto, Menzogna, Giuramento, [[Nemesi]], Intemperanza, Disputa, Dimenticanza, Paura, Superbia, Incesto, Battaglia, [[Oceano]], Temi, [[Tartaro]] e [[Ponto]]; e i [[Titani]], e cioè [[Briareo]], Gige, Sterope, Atlante, [[Iperione]] e Polo, [[Crono]], Opi, Moneta, Dione; e le tre [[Erinni]], vale a dire Netto, [[Megera]] e Tisifone. Da Tello e [[Tartaro]] nacquero i Giganti: Encelado, Ceo ……, Astreo, Peloro, Pallante, Enfito, Reco, ……, Agrio, talemone, Efialte, Eurito, ……, Teomise, Teodamante, Oto, [[Tifone]], Polibote, Menefiario, Abseo, Colofomo, [[Giapeto]]. Da [[Ponto]] e Acqua Marina nacquero le specie dei pesci. Da [[Oceano]] e Teti, le [[Oceanine]], e cioè Estiea, Melite, Iante, Admeta, Stilbo, Pasifae, Polisso, Eurinome, Evagoreide, Rodope, tliride, Clizia, ……, Clitenneste, Meti, Menippe, Argia. Della stessa stirpe sono i Fiumi, cioè [[Strimone]], Nilo, Eufrate, Tanai, Indo, Cefiso, Ismeno, Asseno, [[Acheloo]], Simoenta, Inaco, Alfeo, Termodonte, [[Scamandro]], Tigri, Meandro e Oronte. Da [[Ponto]] e Tello nacquero Taumante, Ceto, [[Nereo]] e Forcide. Da [[Nereo]] e Doride le cinquanta [[Nereidi]]: Glauce, Talia, Cimodoce, Nesea, [[Speio]], Toe, [[Cimotoe]], Attea, Limnoreia, Melite, Iera, Anfitoe, Agave, [[Doto]], Proto, [[Ferusa]], Dinamene, Dessamene, Anfinome, Callianassa, Doride, Panope, Galatea, Nemerte, Apseude, Climene, Ianira, Panopea, Ianassa, Mera, Orizia, Amazia, Drimo, Xanto, Ligea, Fillodoce, Cidippe, Licoriade, Cleio, Beroe, Efire, Opi, Asia, Deiopea, Aretusa, Climene, Creneide, Euridice, Leucotoe. Da Forcide e Ceto: le Graie, cioè Pemfredo, Enio e Perside (quest’ultima da altri è chiamata Dino). Da Ceto nacquero le [[Gorgoni]]: Steno, Euriale e Medusa. Da Polo e Febe: [[Leto]], Asteria, …… Afirape, Perse e Pallante. Da [[[[Giapeto]]]] e Climene: Atlante, [[Epimeteo]] e [[Prometeo]]. Da [[Iperione]] ed Etra: Sole, Luna e Aurora. Da Satumo e Opi: [[Estia]], Cerere, Era, [[Ade]], [[Poseidone]] e [[Zeus]]. Da [[Crono]] e [[Filira]]: [[Chirone]] e Dolope. Da Astreo e Aurora: [[Zefiro]], [[Borea]], Noto e Favonio. Da Atlante e Pleione: Maia, Calipso, Alcione, Merope, Elettra e Celeno. Dal Gigante Pallante e da Stige: Scilla, Forza, Invidia, Potere, Nike, Sorgenti, Laghi. Da [[Poseidone]] e Salacia: Tritone. Da Dione e [[Zeus]]: [[Afrodite]]. Da [[Zeus]] e Era: [[Ares]]. Da Era senza padre: [[Efesto]]. Da [[Zeus]] ed Eurinome: le [[Cariti]]. Ancora da [[Zeus]] e da Era: Gioventù e Libertà. Da [[Zeus]] e Temi: le Stagioni. Da [[Zeus]] e Cerere: [[Persefone]]. Da [[Zeus]] e Moneta: le [[Muse]]. Da [[Zeus]] e Luna: Pandia. Da [[Afrodite]] e [[Ares]]: Armonia e Terrore. Da [[Acheloo]] e [[Melpomene]]: le [[Sirene (1)|Sirene]], cioè Telsiepia, Molpe e Pisinoe. Da [[Zeus]] e Climene: [[Mnemosine]]. Da [[Zeus]] e Maia: [[Ermes]]. Da [[Zeus]] e [[Leto]]: [[Apollo]] e [[Artemide]]. Da Tello: Pitone, il serpente divino. Da Taumante ed Elettra: [[Iride]] e le [[Arpie]], cioè Celeno, Ocipete e Podarce. Da Sole e Persa: [[Circe]], Pasifae, [[Eete]], Perse. Da [[Eete]] e Clizia: [[Medea]]. Da Sole e Climene: [[Fetonte]] e le Fetontidi, cioè Merape, Elie, Eteria e Diossippe. Da [[Tifone]] ed Echidna: Gorgone, Cerbero, il mostro che custodiva il vello d’oro nella Colchide, Scilla, che aveva corpo di donna nella parte superiore e di cane in quella inferiore e che fu uccisa da [[Eracle]], Chimera, la [[Sfinge]] che abitava in Beozia, il serpente Idra, che aveva nove teste e che pure fu ucciso da [[Eracle]], e il dragone delle [[Esperidi]]. Da [[Poseidone]] e Medusa: il cavallo Pegaso. Da Crisaore e Calliroe: [[Gerione]] tricorpore.
===Temisto===  
===Temisto===  
 
 
=== Leda===   
=== Leda===   
-
[[Zeus]], che aveva assunto le sembianze di un cigno, si unì a Leda, figlia di Testio, presso il fiume Eurota; da esso ella generò Polluce ed Elena, mentre da [[Tindaro]] ebbe Castore e [[Clitennestra]].  
+
[[Zeus]], che aveva assunto le sembianze di un cigno, si unì a Leda, figlia di Testio, presso il fiume Eurota; da esso ella generò Polluce ed [[Elena]], mentre da [[Tindaro]] ebbe Castore e [[Clitennestra]].  
=== [[Tindaro]]===   
=== [[Tindaro]]===   
-
[[Tindaro]], figlio di Ebalo, ebbe Elena e [[Clitennestra]] da Leda, figlia di Testio; diede poi [[Clitennestra]] in moglie ad [[Agamennone]], figlio di [[Atreo]]. Molti pretendenti che provenivano da diverse città chiesero la mano di Elena, per la sua straordinaria bellezza; e [[Tindaro]], che temeva che [[Agamennone]] ripudiasse [[Clitennestra]] e ne nascessero discordie, su consiglio di Ulisse li vincolò con un giuramento e diede a Elena la facoltà di incoronare con una ghirlanda il pretendente che voleva sposare. Elena incoronò [[Menelao]]; [[Tindaro]] gliela assegnò in sposa e quando morì gli lasciò il suo regno.  
+
[[Tindaro]], figlio di Ebalo, ebbe [[Elena]] e [[Clitennestra]] da Leda, figlia di Testio; diede poi [[Clitennestra]] in moglie ad [[Agamennone]], figlio di [[Atreo]]. Molti pretendenti che provenivano da diverse città chiesero la mano di [[Elena]], per la sua straordinaria bellezza; e [[Tindaro]], che temeva che [[Agamennone]] ripudiasse [[Clitennestra]] e ne nascessero discordie, su consiglio di Ulisse li vincolò con un giuramento e diede a [[Elena]] la facoltà di incoronare con una ghirlanda il pretendente che voleva sposare. [[Elena]] incoronò [[Menelao]]; [[Tindaro]] gliela assegnò in sposa e quando morì gli lasciò il suo regno.  
-
=== Elena===   
+
=== [[Elena]]===   
-
[[Teseo]], figlio di Egeo e di Etra, figlia di Pitteo, insieme a [[Piritoo]], figlio di Issione, rapirono Elena, la figlia vergine di [[Tindaro]] e Leda, dal tempio di [[Artemide]] dove stava sacrificando e la portarono in un distretto dell’Attica. Quando [[Zeus]] vide che erano stati tanto audaci da esporsi personalmente al pericolo, comparve loro in sogno e ordinò di andare entrambi da [[Ade]] a chiedere la mano di [[Persefone]] per [[Piritoo]]; ma dopo essere scesi agli Inferi attraverso la penisola del Tenaro e avere spiegato a [[Ade]] per quale motivo si erano spinti fin lì, furono gettati a terra e torturati a lungo dalle [[Erinni]]. Quando [[Eracle]] passò da quel luogo conducendo via il cane a tre teste, i due invocarono il suo aiuto; [[Eracle]] ottenne la grazia da [[Ade]] e li portò via incolumi. I fratelli di Elena, Castore e Polluce, combatterono per lei; catturarono Etra, la madre di [[Teseo]], e Fisadie, la sorella di [[Piritoo]], e le diedero come schiave alla sorella.  
+
[[Teseo]], figlio di Egeo e di Etra, figlia di Pitteo, insieme a [[Piritoo]], figlio di Issione, rapirono [[Elena]], la figlia vergine di [[Tindaro]] e Leda, dal tempio di [[Artemide]] dove stava sacrificando e la portarono in un distretto dell’Attica. Quando [[Zeus]] vide che erano stati tanto audaci da esporsi personalmente al pericolo, comparve loro in sogno e ordinò di andare entrambi da [[Ade]] a chiedere la mano di [[Persefone]] per [[Piritoo]]; ma dopo essere scesi agli Inferi attraverso la penisola del Tenaro e avere spiegato a [[Ade]] per quale motivo si erano spinti fin lì, furono gettati a terra e torturati a lungo dalle [[Erinni]]. Quando [[Eracle]] passò da quel luogo conducendo via il cane a tre teste, i due invocarono il suo aiuto; [[Eracle]] ottenne la grazia da [[Ade]] e li portò via incolumi. I fratelli di [[Elena]], Castore e Polluce, combatterono per lei; catturarono Etra, la madre di [[Teseo]], e Fisadie, la sorella di [[Piritoo]], e le diedero come schiave alla sorella.  
=== Castore===   
=== Castore===   
-
Ida e Linceo, figli di Mareo di Messene, erano fidanzati con Febe e Ilaira, figlie di Leucippo; ma poiché si trattava di fanciulle bellissime - Febe era sacerdotessa di [[Atena]] e Ilaira di [[Artemide]] - Castore e Polluce se ne innamorarono e le rapirono. Ida e Linceo, avendo perso così le fidanzate, presero le armi per cercare di recuperarle. Castore uccise Linceo in combattimento; alla morte del fratello, Ida rinunciò alla lotta e alla fidanzata e cominciò a dargli sepoltura. Mentre stava collocando le spoglie del fratello sulla pira, Castore intervenne per impedirgli di innalzare il monumento funebre, dicendo che aveva vinto Linceo troppo facilmente, come se fosse stato una donna. A queste parole, Ida montò in collera e trafisse l’inguine di Castore con la spada di cui era cinto. Altri dicono che mentre stava innalzando la pira la fece crollare addosso a Castore, uccidendolo. Quando Polluce fu informato dell’accaduto, accorse e vinse Ida a singolar tenzone; poi recuperò il cadavere del fratello e lo seppellì. Ora, Polluce aveva ricevuto da [[Zeus]] una stella che a Castore non era stata concessa, in quanto [[Zeus]] diceva che quest’ultimo e [[Clitennestra]] erano nati dal seme di [[Tindaro]], mentre Polluce ed Elena erano figli suoi; Polluce allora supplicò che gli venisse concesso di dividere il suo dono con il fratello, e lo ottenne: per questo si dice «redento da alterna morte». Da ciò viene un ‘usanza che anche i Romani mantengono: quando fanno partire un saltatore, questi ha due cavalli e un berretto in testa esalta dall’uno all’altro, alternandosi con il fratello.  
+
Ida e Linceo, figli di Mareo di Messene, erano fidanzati con Febe e Ilaira, figlie di Leucippo; ma poiché si trattava di fanciulle bellissime - Febe era sacerdotessa di [[Atena]] e Ilaira di [[Artemide]] - Castore e Polluce se ne innamorarono e le rapirono. Ida e Linceo, avendo perso così le fidanzate, presero le armi per cercare di recuperarle. Castore uccise Linceo in combattimento; alla morte del fratello, Ida rinunciò alla lotta e alla fidanzata e cominciò a dargli sepoltura. Mentre stava collocando le spoglie del fratello sulla pira, Castore intervenne per impedirgli di innalzare il monumento funebre, dicendo che aveva vinto Linceo troppo facilmente, come se fosse stato una donna. A queste parole, Ida montò in collera e trafisse l’inguine di Castore con la spada di cui era cinto. Altri dicono che mentre stava innalzando la pira la fece crollare addosso a Castore, uccidendolo. Quando Polluce fu informato dell’accaduto, accorse e vinse Ida a singolar tenzone; poi recuperò il cadavere del fratello e lo seppellì. Ora, Polluce aveva ricevuto da [[Zeus]] una stella che a Castore non era stata concessa, in quanto [[Zeus]] diceva che quest’ultimo e [[Clitennestra]] erano nati dal seme di [[Tindaro]], mentre Polluce ed [[Elena]] erano figli suoi; Polluce allora supplicò che gli venisse concesso di dividere il suo dono con il fratello, e lo ottenne: per questo si dice «redento da alterna morte». Da ciò viene un ‘usanza che anche i Romani mantengono: quando fanno partire un saltatore, questi ha due cavalli e un berretto in testa esalta dall’uno all’altro, alternandosi con il fratello.  
-
=== I pretendenti di Elena===   
+
=== I pretendenti di [[Elena]]===   
Antiloco, Ascalafo, Aiace Oileo, Anfimaco, Anceo, Blaniro, Agapenore, Aiace Telamonio, Clizio, Cianeo, [[Menelao]], [[Patroclo]], Diomede, [[Peneleo]], Femio, Polipete, Elefenore, Eumelo, Stenelo, Tlepolemo, Protesilao, Podalirio, Euripilo, [[Idomeneo]], Leonteo, Talpio, Polisseno, Protoo, Menesteo, Macaone, Toante, Ulisse, Fidippo, Merione, Mege, Filottete. Scrittori più antichi ne citano altri.
Antiloco, Ascalafo, Aiace Oileo, Anfimaco, Anceo, Blaniro, Agapenore, Aiace Telamonio, Clizio, Cianeo, [[Menelao]], [[Patroclo]], Diomede, [[Peneleo]], Femio, Polipete, Elefenore, Eumelo, Stenelo, Tlepolemo, Protesilao, Podalirio, Euripilo, [[Idomeneo]], Leonteo, Talpio, Polisseno, Protoo, Menesteo, Macaone, Toante, Ulisse, Fidippo, Merione, Mege, Filottete. Scrittori più antichi ne citano altri.
 
 
=== Il giudizio di [[Paride]]===   
=== Il giudizio di [[Paride]]===   
-
Si dice che [[Zeus]], quando Tetide sposò [[Peleo]], abbia invitato al banchetto tutti gli Dèi tranne [[Eris]], cioè la Discordia; costei, quando poi giunse e non venne fatta entrare, gettò dalla porta una mela, dicendo che era destinata alla più bella. Era, [[Afrodite]] e [[Atena]] subito la pretesero ognuna per se e cominciarono a contendere tra loro, per cui [[Zeus]] ordinò a [[Ermes]] di portarle sul monte Ida, da [[Paride]] [[Alessandro]], e di far giudicare a lui. Era gli promise, se avesse deciso in suo favore, che avrebbe regnato sul mondo intero e sarebbe stato il più ricco di tutti; [[Atena]] gli promise, se fosse uscita vittoriosa, di farlo diventare il più valoroso tra i mortali, oltre che abile in ogni arte; [[Afrodite]], invece, promise di dargli in moglie Elena, figlia di [[Tindaro]], la più bella fra tutte le donne. [[Paride]] preferì quest’ultimo dono ai precedenti e dichiarò che [[Afrodite]] era la più bella; per questo motivo Era e [[Atena]] divennero nemiche dei [[Troia]]ni. [[Alessandro]], istigato da [[Afrodite]], rapì Elena a [[Menelao]], di cui era ospite: la portò da Sparta a [[Troia]] - assieme a Etra e Tisadie, prigioniere, ma un tempo regine, che le erano state assegnate come ancelle da Castore e Polluce - e la sposò.  
+
Si dice che [[Zeus]], quando Tetide sposò [[Peleo]], abbia invitato al banchetto tutti gli Dèi tranne [[Eris]], cioè la Discordia; costei, quando poi giunse e non venne fatta entrare, gettò dalla porta una mela, dicendo che era destinata alla più bella. Era, [[Afrodite]] e [[Atena]] subito la pretesero ognuna per se e cominciarono a contendere tra loro, per cui [[Zeus]] ordinò a [[Ermes]] di portarle sul monte Ida, da [[Paride]] [[Alessandro]], e di far giudicare a lui. Era gli promise, se avesse deciso in suo favore, che avrebbe regnato sul mondo intero e sarebbe stato il più ricco di tutti; [[Atena]] gli promise, se fosse uscita vittoriosa, di farlo diventare il più valoroso tra i mortali, oltre che abile in ogni arte; [[Afrodite]], invece, promise di dargli in moglie [[Elena]], figlia di [[Tindaro]], la più bella fra tutte le donne. [[Paride]] preferì quest’ultimo dono ai precedenti e dichiarò che [[Afrodite]] era la più bella; per questo motivo Era e [[Atena]] divennero nemiche dei [[Troia]]ni. [[Alessandro]], istigato da [[Afrodite]], rapì [[Elena]] a [[Menelao]], di cui era ospite: la portò da Sparta a [[Troia]] - assieme a Etra e Tisadie, prigioniere, ma un tempo regine, che le erano state assegnate come ancelle da Castore e Polluce - e la sposò.  
=== [[Cassandra]]===   
=== [[Cassandra]]===   
=== Ifigenia===   
=== Ifigenia===   
-
[[Agamennone]], suo fratello [[Menelao]] e altri scelti principi della Grecia stavano andando a [[Troia]] a riprendere Elena, moglie di [[Menelao]], che era stata rapita da [[Paride]], ma una tempesta causata dall’ira di [[Artemide]] li tratteneva in [[Aulide]], poiché [[Agamennone]] aveva ferito, cacciando, una cerva della Dea e poi le si era rivolto con grande superbia. [[Agamennone]] aveva pertanto convocato gli indovini e [[Calcante]] aveva risposto che non gli rimaneva altra scelta, per espiare, che sacrificare la sua stessa figlia, Ifigenia. Udito questo responso, [[Agamennone]] dapprima rifiutò, ma poi Ulisse, con i suoi consigli, lo convinse a mettere in atto un piano astuto: lo stesso Ulisse, assieme a Diomede, fu mandato a prendere Ifigenia e quando i due giunsero dalla madre della fanciulla, [[Clitennestra]], Ulisse le disse - mentendo - che Ifigenia era stata destinata in matrimonio ad [[Achille]]. Quando la fanciulla, condotta in [[Aulide]], fu sul punto di essere immolata dal padre, [[Artemide]] ne ebbe pietà, la avvolse in una nebbia e mise al suo posto una cerva; la Dea trasportò poi Ifigenia attraverso le nubi fino in Tauride, e colà ne fece una sacerdotessa del suo tempio.  
+
[[Agamennone]], suo fratello [[Menelao]] e altri scelti principi della Grecia stavano andando a [[Troia]] a riprendere [[Elena]], moglie di [[Menelao]], che era stata rapita da [[Paride]], ma una tempesta causata dall’ira di [[Artemide]] li tratteneva in [[Aulide]], poiché [[Agamennone]] aveva ferito, cacciando, una cerva della Dea e poi le si era rivolto con grande superbia. [[Agamennone]] aveva pertanto convocato gli indovini e [[Calcante]] aveva risposto che non gli rimaneva altra scelta, per espiare, che sacrificare la sua stessa figlia, Ifigenia. Udito questo responso, [[Agamennone]] dapprima rifiutò, ma poi Ulisse, con i suoi consigli, lo convinse a mettere in atto un piano astuto: lo stesso Ulisse, assieme a Diomede, fu mandato a prendere Ifigenia e quando i due giunsero dalla madre della fanciulla, [[Clitennestra]], Ulisse le disse - mentendo - che Ifigenia era stata destinata in matrimonio ad [[Achille]]. Quando la fanciulla, condotta in [[Aulide]], fu sul punto di essere immolata dal padre, [[Artemide]] ne ebbe pietà, la avvolse in una nebbia e mise al suo posto una cerva; la Dea trasportò poi Ifigenia attraverso le nubi fino in Tauride, e colà ne fece una sacerdotessa del suo tempio.  
=== Auge===   
=== Auge===   
===Coloro che uccisero personaggi illustri===  
===Coloro che uccisero personaggi illustri===  
-
[[Apollo]], assunto l’aspetto di [[Alessandro]], uccise [[Achille]]; [[Ettore]] uccise Protesilao e Antiloco. Agenore uccise Elefenore e Clonio. [[Deifobo (1)|Deifobo]] uccise Ascalafo e Autonoo. Aiace uccise Ippodamo e Cromio; [[Agamennone]] uccise Ifidamante e Glauco. Aiace di Locri uccise Gargaso e anche Gavio. Diomede uccise [[Dolone]] e [[Reso]]; Euripilo, Nireo e Macaone. Sarpedonte uccise Tlepolemo e Antifo; [[Achille]] uccise [[Troilo]], [[Menelao]] uccise [[Deifobo (1)|Deifobo]]. [[Achille]] uccise Astinomo e Pilemene, Neottolemo infine uccise [[Priamo]].  
+
[[Apollo]], assunto l’aspetto di [[Alessandro]], uccise [[Achille]]; [[Ettore]] uccise Protesilao e Antiloco. Agenore uccise Elefenore e Clonio. [[Deifobo (1)|Deifobo]] uccise Ascalafo e Autonoo. [[Glauco]] uccise Protoo. Aiace uccise Ippodamo e Cromio; [[Agamennone]] uccise Ifidamante e Glauco. Aiace di Locri uccise Gargaso e anche Gavio. Diomede uccise [[Dolone]] e [[Reso]]; Euripilo, Nireo e Macaone. Sarpedonte uccise Tlepolemo e Antifo; [[Achille]] uccise [[Troilo]], [[Menelao]] uccise [[Deifobo (1)|Deifobo]]. [[Achille]] uccise Astinomo e Pilemene, Neottolemo infine uccise [[Priamo]].
===Numero dei nemici uccisi dagli [[Achei]] e nome degli uccisori===  
===Numero dei nemici uccisi dagli [[Achei]] e nome degli uccisori===  
===Numero dei nemici uccisi dai [[Troia]]ni e nome degli uccisori===  
===Numero dei nemici uccisi dai [[Troia]]ni e nome degli uccisori===  
-
[[Ettore]] ne uccise trentuno; [[Alessandro]] tre; Sarpedonte due; [[Pantoo]] quattro; Gargaso due; Glauco quattro; Polidamante tre; [[Enea]] ventotto; [[Deifobo (1)|Deifobo]] quattro; Clito tre; Acamante uno; Agenore due. In totale ottantotto.  
+
[[Ettore]] ne uccise trentuno; [[Alessandro]] tre; Sarpedonte due; [[Pantoo]] quattro; Gargaso due; Glauco quattro; Polidamante tre; [[Enea]] ventotto; [[Deifobo (1)|Deifobo]] quattro; Clito tre; Acamante uno; Agenore due; [[Memnone]] tre; [[Piroo]] uno; [[Euripilo figlio di Telefo]] otto. In totale cento.
===Nauplio===  
===Nauplio===  
===Proteo===  
===Proteo===  
-
Dicono che Proteo, il vecchio indovino del mare che era solito assumere tutte le forme, vivesse in Egitto. Su consiglio di sua figlia Idotea, [[Menelao]] lo legò con una catena, perché gli dicesse quando sarebbe tornato a casa. Proteo gli spiegò che gli Dèi erano in collera perché [[Troia]] era stata espugnata e che perciò bisognava compiere quello che i Greci chiamano ecatombe, cioè il sacrificio di cento animali; e così [[Menelao]] offrì agli Dèi un’ecatombe e finalmente, sette anni dopo la sua partenza da [[Troia]], ritornò in patria con Elena.  
+
Dicono che Proteo, il vecchio indovino del mare che era solito assumere tutte le forme, vivesse in Egitto. Su consiglio di sua figlia Idotea, [[Menelao]] lo legò con una catena, perché gli dicesse quando sarebbe tornato a casa. Proteo gli spiegò che gli Dèi erano in collera perché [[Troia]] era stata espugnata e che perciò bisognava compiere quello che i Greci chiamano ecatombe, cioè il sacrificio di cento animali; e così [[Menelao]] offrì agli Dèi un’ecatombe e finalmente, sette anni dopo la sua partenza da [[Troia]], ritornò in patria con [[Elena]].  
===Oreste===  
===Oreste===  
===Alete===  
===Alete===  
-
Elettra, figlia di [[Agamennone]] e [[Clitennestra]] e sorella di Oreste, ricevette la falsa notizia che il fratello insieme a Pilade era stato immolato a [[Artemide]] da parte dei Tauri. Quando Alete, figlio di [[Egisto]], venne a sapere che ormai nessuno sopravviveva della famiglia degli [[Atridi]], s’impadronì del regno di Micene. Elettra allora si recò a Delfi per informarsi sulla sorte del fratello; arrivata lì, fu raggiunta nello stesso giorno da Ifigenia e Oreste. Lo stesso messaggero che aveva riferito della morte di Oreste disse che era stata Ifigenia a sacrificarlo: a questa notizia, Elettra, ignara della verità, afferrò un tizzone ardente dall’altare e si precipitò su Ifigenia per bruciarle gli occhi, ma Oreste la fermò. Così si riconobbero; tornarono a Micene dove Oreste uccise Alete, figlio di [[Egisto]], e stava già per uccidere Erigone, figlia di [[Clitennestra]] ed [[Egisto]], quando [[Artemide]] la rapì per farne la sua sacerdotessa in terra Attica. Oreste poi, dopo avere ucciso Neottolemo, sposò Ermione, figlia di [[Menelao]] ed Elena, che gli era stata sottratta. Pilade invece sposò Elettra, figlia di [[Agamennone]] e [[Clitennestra]].  
+
Elettra, figlia di [[Agamennone]] e [[Clitennestra]] e sorella di Oreste, ricevette la falsa notizia che il fratello insieme a Pilade era stato immolato a [[Artemide]] da parte dei Tauri. Quando Alete, figlio di [[Egisto]], venne a sapere che ormai nessuno sopravviveva della famiglia degli [[Atridi]], s’impadronì del regno di Micene. Elettra allora si recò a Delfi per informarsi sulla sorte del fratello; arrivata lì, fu raggiunta nello stesso giorno da Ifigenia e Oreste. Lo stesso messaggero che aveva riferito della morte di Oreste disse che era stata Ifigenia a sacrificarlo: a questa notizia, Elettra, ignara della verità, afferrò un tizzone ardente dall’altare e si precipitò su Ifigenia per bruciarle gli occhi, ma Oreste la fermò. Così si riconobbero; tornarono a Micene dove Oreste uccise Alete, figlio di [[Egisto]], e stava già per uccidere Erigone, figlia di [[Clitennestra]] ed [[Egisto]], quando [[Artemide]] la rapì per farne la sua sacerdotessa in terra Attica. Oreste poi, dopo avere ucciso Neottolemo, sposò Ermione, figlia di [[Menelao]] ed [[Elena]], che gli era stata sottratta. Pilade invece sposò Elettra, figlia di [[Agamennone]] e [[Clitennestra]].  
===Neottolemo===  
===Neottolemo===  
===I mortali che furono resi immortali===
===I mortali che furono resi immortali===
-
[[Eracle]], figlio di [[Zeus]] e di Alcmena; Libero, figlio di [[Zeus]] e di Semele; Castore e Polluce, fratelli di Elena, figli di [[Zeus]] e di Leda. Perseo, figlio di [[Zeus]] e di [[Danae]], che divenne una costellazione; Arcade, figlio di [[Zeus]] e Callisto, anch’egli assunto tra le stelle; [[Arianna]], che Libero chiamò Libera, figlia di [[Minosse]] e di Pasifae; Callisto, figlia di Licaone, che fu messa nell’Orsa Maggiore; Cinosura, nutrice di [[Zeus]], che fu posta nell’altra Orsa; Esculapio, figlio di [[Apollo]] e di Coronide; Fauno, figlio di [[Ermes]] e di [[Penelope]]; Croto, figlio di Fauno e di Eufeme, fratello di latte delle [[Muse]], entrò nella costellazione del Sagittario; Icario ed Erigone, sua figlia, furono pure accolti fra le stelle - l’uno nella costellazione di Arturo e l’altra in quella della Vergine; Ganimede, figlio di Assaraco, entrò nell’Acquario, tra i dodici segni; [[Ino]], figlia di [[Cadmo]], nella costellazione di Leucotea, che noi chiamiamo Madre Matuta; Melicerte, figlio di Atamante, fu trasformato nel Dio Palemone; e Mirtilo, figlio di [[Ermes]] e Teobule, divenne la costellazione dell’Auriga.
+
[[Eracle]], figlio di [[Zeus]] e di Alcmena; Libero, figlio di [[Zeus]] e di Semele; Castore e Polluce, fratelli di [[Elena]], figli di [[Zeus]] e di Leda. Perseo, figlio di [[Zeus]] e di [[Danae]], che divenne una costellazione; Arcade, figlio di [[Zeus]] e Callisto, anch’egli assunto tra le stelle; [[Arianna]], che Libero chiamò Libera, figlia di [[Minosse]] e di Pasifae; Callisto, figlia di Licaone, che fu messa nell’Orsa Maggiore; Cinosura, nutrice di [[Zeus]], che fu posta nell’altra Orsa; Esculapio, figlio di [[Apollo]] e di Coronide; Fauno, figlio di [[Ermes]] e di [[Penelope]]; Croto, figlio di Fauno e di Eufeme, fratello di latte delle [[Muse]], entrò nella costellazione del Sagittario; Icario ed Erigone, sua figlia, furono pure accolti fra le stelle - l’uno nella costellazione di Arturo e l’altra in quella della Vergine; Ganimede, figlio di Assaraco, entrò nell’Acquario, tra i dodici segni; [[Ino]], figlia di [[Cadmo]], nella costellazione di Leucotea, che noi chiamiamo Madre Matuta; Melicerte, figlio di Atamante, fu trasformato nel Dio Palemone; e Mirtilo, figlio di [[Ermes]] e Teobule, divenne la costellazione dell’Auriga.
===I primi fondatori di templi agli Dèi===
===I primi fondatori di templi agli Dèi===
===Mogli che uccisero i mariti===
===Mogli che uccisero i mariti===
-
[[Clitennestra]], figlia di Testio, uccise [[Agamennone]], figlio di [[Atreo]]. Elena, figlia di [[Zeus]] e di Leda, uccise [[Deifobo (1)|Deifobo]], figlio di [[Priamo]]. Agave uccise Licoterse in Illiria, per darne il regno al padre [[Cadmo]]. Deianira, figlia di Eneo, uccise [[Eracle]], figlio di [[Zeus]] e Alcmena, su istigazione di Nesso. [[Ilio]]na, figlia di [[Priamo]], uccise Polimestore, re dei Traci. Semiramide uccise il re Nino a Babilonia.
+
[[Clitennestra]], figlia di Testio, uccise [[Agamennone]], figlio di [[Atreo]]. [[Elena]], figlia di [[Zeus]] e di Leda, uccise [[Deifobo (1)|Deifobo]], figlio di [[Priamo]]. Agave uccise Licoterse in Illiria, per darne il regno al padre [[Cadmo]]. Deianira, figlia di Eneo, uccise [[Eracle]], figlio di [[Zeus]] e Alcmena, su istigazione di Nesso. [[Ilio]]na, figlia di [[Priamo]], uccise Polimestore, re dei Traci. Semiramide uccise il re Nino a Babilonia.
===Mariti che uccisero le mogli===
===Mariti che uccisero le mogli===
===Le fiaccole scellerate===
===Le fiaccole scellerate===
-
La fiaccola che apparve in sogno a [[Ecuba]], figlia di Cisseo oppure Dimante. I fuochi che Nauplio accese alle rupi Cafaree, quando gli [[Achei]] naufragarono. La fiaccola che Elena fece brillare dalle mura quando tradì [[Troia]]. Il tizzone di Altea, che uccise [[Meleagro]].
+
La fiaccola che apparve in sogno a [[Ecuba]], figlia di Cisseo oppure Dimante. I fuochi che Nauplio accese alle rupi Cafaree, quando gli [[Achei]] naufragarono. La fiaccola che [[Elena]] fece brillare dalle mura quando tradì [[Troia]]. Il tizzone di Altea, che uccise [[Meleagro]].
===Quadrighe che distrussero i loro guidatori===
===Quadrighe che distrussero i loro guidatori===
===I più belli===
===I più belli===
-
Iasione, figlio di Corito, che si dice sia stato amato da Cerere, come confermano le antiche storie. Cinira, figlio di Pafo, re degli Assiri, [[Anchise]], figlio di Assaraco, che fu amato da [[Afrodite]]. [[Paride]] [[Alessandro]], figlio di [[Priamo]] e di [[Ecuba]], che Elena seguì a [[Troia]]. Nireo, figlio di Caropo. [[Cefalo]], figlio di Pandione, che fu amato da Aurora; [[Titone]], figlio di Laomedonte, sposo di Aurora. Partenopeo, figlio di [[Meleagro]] e [[Atalanta]]. [[Achille]], figlio di [[Peleo]] e Teti. [[Patroclo]], figlio di Menezio. [[Idomeneo]], che amò Elena. [[Teseo]], figlio di Egeo e di Etra, che fu amato da [[Arianna]].
+
Iasione, figlio di Corito, che si dice sia stato amato da Cerere, come confermano le antiche storie. Cinira, figlio di Pafo, re degli Assiri, [[Anchise]], figlio di Assaraco, che fu amato da [[Afrodite]]. [[Paride]] [[Alessandro]], figlio di [[Priamo]] e di [[Ecuba]], che [[Elena]] seguì a [[Troia]]. Nireo, figlio di Caropo. [[Cefalo]], figlio di Pandione, che fu amato da Aurora; [[Titone]], figlio di Laomedonte, sposo di Aurora. Partenopeo, figlio di [[Meleagro]] e [[Atalanta]]. [[Achille]], figlio di [[Peleo]] e Teti. [[Patroclo]], figlio di Menezio. [[Idomeneo]], che amò [[Elena]]. [[Teseo]], figlio di Egeo e di Etra, che fu amato da [[Arianna]].
===Gli efebi più belli===
===Gli efebi più belli===

Versione del 06:32, 18 ott 2019