Biblioteca:Apollonio Rodio, Argonautiche, Libro III



				

				

Vai al Libro II - Vai al Libro IV - Torna all'Indice

Orsù, stammi vicino, Erato, e cantami come
Giasone portò il vello a Iolco da quelle terre lontane
grazie all'amore di Medea. Tu pure hai avuto in sorte
il dominio di Cipride e incanti nell'ansia le giovani vergini,
tu pure hai un nome che dentro di sé contiene l'amore.
Gli eroi stavano nascosti in mezzo ai folti canneti,
ma li videro Era ed Atena, e, in disparte
da Zeus stesso e dagli altri immortali, andarono
in una stanza e tennero ivi consiglio.
Era per prima tentò in questo modo il cuore di Atena:
"Dimmi tu prima, figlia di Zeus, qual è il tuo pensiero.
Che fare? Mediti forse un inganno per prendere
il vello d'oro ad Eete e riportarlo
in terra di Grecia? Giacché persuaderlo con dolci
parole non possono: è terribilmente superbo;
eppure nulla si deve lasciare intentato".
Così disse, e subito Atena le diede questa risposta:
"Era, anch'io tra me e me volgevo questi pensieri,
quando mi hai interrogata. Ma ancora purtroppo
non possiedo l'inganno che aiuti il loro coraggio:
e su tanti disegni ho già dubitato".
Disse e fissarono gli occhi a terra ai loro piedi,
assorte nei pensieri, poi Era per prima
disse il suo proposito: "Andiamo dunque da Cipride;
chiediamole di parlare a suo figlio
e di persuaderlo a colpire con le sue frecce
la figlia di Eete, la maga, e ammaliarla
d'amore per Giasone. Credo che con le astuzie di lei
Giasone riporterà il vello in terra di Grecia".
Così parlò, e l'astuto progetto piacque ad Atena,
e allora di nuovo rispose ad Era con dolci parole:
"Era, mio padre mi ha generata ignara dei dardi d'amore,
non conosco il bisogno, l'incanto del desiderio.
Se a te piace questo disegno, ti verrò dietro,
ma sarai tu a parlare, quando andremo da lei".
Disse, e alzatesi andarono alla grande casa di Cipride,
costruita per lei dallo zoppo Efesto, suo sposo,
quando un tempo la ricevette in moglie da Zeus.
Entrarono nel cortile e si fermarono sotto il portico
della stanza dove la dea preparava il letto di Efesto.
Questi era andato di buon mattino nell'officina,
nel vasto recesso segreto dell'isola errante,
dove alla fiamma del fuoco forgiava le opere splendide,
e lei sola in casa sedeva su di un trono adorno, davanti alla porta.
Lasciando cadere da ambo le parti i capelli
sopra le candide spalle, li ravviava col pettine d'oro,
e ne faceva lunghissime trecce. Vedendole,
smise e le chiamò dentro, e si levò dal suo trono,
le fece sedere e sedette di nuovo anche lei,
raccogliendo con le mani le chiome non curate dal pettine.
Poi sorridendo rivolse loro queste sottili parole:
"Mie care, quale pensiero, quale necessità vi guida
da me dopo tanto tempo? Perché venite? Non certo
[spesso in passato
siete venute da me, voi due che siete le dee più grandi".
Ed in risposta Era le disse queste parole:
"Tu ci schernisci, ma il nostro cuore è sconvolto d'affanno.
Già sul fiume Fasi il figlio di Esone ferma
la nave, e con lui gli eroi venuti alla conquista del vello.
Per tutti loro, adesso che incombe vicina l'impresa,
grande è il nostro timore, ma più di tutti per Giasone.
Quest'uomo, anche se dovesse navigare laggiù nel regno dei morti,
per sciogliere Issione dalle catene di bronzo,
io lo proteggerò sempre con ogni mia forza,
perché non rida di me, sfuggendo alla morte funesta,
Pelia, che con arroganza mi tolse l'onore dei sacrifici.
E inoltre già prima mi era carissimo Giasone,
dal giorno che, presso le acque in piena del fiume Anauro,
l'ho incontrato, quando volevo provare la giustizia degli uomini;
lui tornava dalla sua caccia: le cime dei monti erano piene di neve,
e da esse i torrenti rotolavano giù rimbombando.
Io m'ero trasformata in una povera vecchia, e il figlio di Esone
ebbe pietà di me, mi prese sulle sue spalle
e mi portò al di là dell'acqua impetuosa.
Perciò io non cesserò di stimarlo; del resto neppure il re Pelia
potrà scontare la pena, se tu non gli doni il ritorno".
Così disse; e Afrodite fu presa da muto stupore,
turbata a vedersi davanti Era che la supplicava,
e finalmente rispose con dolci parole:
"Dea veneranda, che nulla al mondo sia cosa più vile di Cipride
se non mi prendo cura del tuo desiderio
con parole o atti che possano compiere le mie deboli mani.
E da te non vorrò ricompensa in cambio di questo".
Così disse, ed Era le diede questa accorta risposta:
"Non di forza o di braccia abbiamo bisogno, non per
[questo siamo venute:
resta tranquilla e chiedi soltanto a tuo figlio
che ammalii la giovane figlia di Eete di desiderio per Giasone.
Se, benigna verso di lui, gli farà dono dei suoi consigli,
credo che facilmente conquisterà il vello d'oro
e tornerà a Iolco: essa ha grandissima astuzia".
Così parlò e ad entrambe Afrodite rispose:
"Era ed Atena, mio figlio ubbidirebbe piuttosto
a voi, non a me, giacché, per quanto sfrontato,
un qualche ritegno per voi lo avrà pure negli occhi,
ma di me non si cura, non ha riguardo e mi provoca sempre.
Ho pensato addirittura, non potendone più della sua cattiveria,
di fargli a pezzi, in sua presenza, l'arco e le frecce,
tali minacce mi ha scagliato nella sua collera:
se non tenevo ferme le mani, quando era ancora capace
di dominare la rabbia, poi avrei avuto a pentirmene".
Così disse, e le due dee sorrisero, guardandosi l'una con l'altra,
ed Afrodite, afflitta, così riprese a parlare:
"I miei dolori fanno ridere gli altri; e io non devo
più raccontarli a tutti: basta che sia io a saperli.
Ora, poiché questa cosa a voi due sta tanto a cuore,
proverò a persuaderlo, e non si tirerà indietro".
Così disse, ed Era le prese la mano gentile,
e le sorrise soavemente e a sua volta le disse:
"Questo che dici, Afrodite, compilo subito,
e non arrabbiarti: non vale la pena di litigare
con tuo figlio; la smetterà, prima o poi".
Così disse, e lasciò il suo seggio, accompagnata da Atena,
e tornarono indietro mentre Afrodite andava
per le valli d'Olimpo in cerca del figlio.
Lo trovò in disparte, nel giardino fiorito di Zeus,
non solo, ma con Ganimede, quello che un tempo
Zeus collocò in cielo, a convivere con gli immortali,
preso dalla sua bellezza. I ragazzi giocavano
coi dadi d'oro, come buoni compagni.
Ma l'insaziabile Eros stringeva la mano sinistra
piena dei dadi sul petto, in piedi; e un dolce rossore
gli coloriva le guance. Ganimede gli stava accanto,
inginocchiato in silenzio, a testa bassa: aveva ancora due dadi
e li lanciò, l'uno di seguito all'altro, ma invano,
furibondo, con Eros che sghignazzava. Li perse
anche quei due, come aveva perso gli altri,
e se ne andò sconsolato a mani vuote, senza avvedersi
dell'arrivo di Cipride, che si fermò davanti a suo figlio,
gli accarezzò il viso e gli parlò in questo modo:
"Di che cosa sorridi, sciagurato, canaglia? Hai ingannato
quel povero sciocco e l'hai sconfitto coi tuoi imbrogli?
Orsù, sii buono, e fammi il favore che ti domando:
ti darò in dono il balocco stupendo di Zeus,
quello che fece per lui la nutrice Adrastea
nell'antro dell'Ida, quand'era ancora bambino,
una palla veloce; niente potresti avere più bello
dalle mani di Efesto. È fatta di cerchi dorati,
e attorno a ogni cerchia, dall'una parte e dall'altra,
girano intorno gli anelli, ma le giunture
sono nascoste; sopra di loro corre un'azzurra voluta.
Se tu l'avrai nelle mani, e la lanci,
lascia per l'aria un solco splendente, come una stella.
Io te la dono, ma tu dovrai colpire con le tue frecce
e incantare la figlia di Eete d'amore per Giasone,
e senza indugio, oppure più scarso sarà il mio compenso".
Così disse, ed egli si rallegrò ad udire questo discorso.
Gettò via i suoi giochi, e aggrappato con ambo le mani
alla veste di lei, di qua e di là, la teneva
con insistenza, e la pregava di dargliela subito.
Però Afrodite lo trasse a sé con dolci parole
e lo baciò sulle guance e sorridendo rispose:
"Lo giuro sul tuo caro capo e sul mio,
che ti darò il dono - non ti voglio ingannare -
purché tu scagli i tuoi dardi sulla figlia di Eete".
Così disse, e lui raccolse gli astragali, e dopo averli contati,
li depose nello splendido seno della dea sua madre.
E subito si mise addosso, con una fascia dorata, la sua faretra,
che era appoggiata a un albero, e prese l'arco ricurvo.
Attraversò il ricco giardino del grande Zeus,
e varcò poi le porte aeree d'Olimpo.
Là una strada scende dal cielo alla terra:
reggono la volta due cime d'altissimi monti,
sommità della terra, là dove il sole si leva
rosseggiante al mattino dei suoi primi raggi.
Sotto di lui, si vedevano il suolo fertile e le città
degli uomini, le acque sacre dei fiumi,
i monti e attorno il mare, mentre passava nell'aria.
Gli eroi, nascosti, appostati in un canneto del fiume,
tenevano l'assemblea sopra i banchi di Argo.
Parlava il figlio di Esone, e gli altri ascoltavano muti,
sedendo ciascuno in ordine al proprio posto.
"Amici miei, voglio dirvi ciò che mi pare opportuno,
a voi spetterà di far sì che venga compiuto.
Comune è l'impresa, e comune a tutti il diritto a parlare;
chi tace, e tiene per sé pensieri e progetti,
sappia che toglie a tutti - lui solo - la via del ritorno.
Voi altri restate tranquilli; in armi, presso la nave,
io andrò alla reggia di Eete, portando con me i figli di Frisso
e due altri compagni. M'incontrerò col sovrano
e proverò se posso convincerlo con le parole a darci il vello
d'oro in amicizia, o se invece, fidando nella sua forza,
disprezzerà la richiesta. In questo caso sapremo
prima, da lui stesso, la nostra disgrazia, e potremo pensare
se affrontarlo in battaglia, o se vi sia qualche altro disegno efficace
rinunciando alla guerra. Non usiamo la forza per togliergli
il suo possesso, prima d'avere provato con la parola;
meglio andare da lui e compiacerlo con un discorso.
Spesso il discorso ottiene, senza fatica, addolcendo gli animi,
come si conviene e secondo il bisogno, ciò che a fatica
potrebbe giungere a conquistare il coraggio.
Eete ha pure accolto presso di sé l'incolpevole Frisso,
che fuggiva dall'inganno della matrigna, dal sacrificio del padre,
poiché dappertutto e tutti, anche l'uomo più cane,
rispettano e osservano la legge di Zeus protettore degli ospiti".
Così disse, e i giovani, tutti insieme, approvarono
la parola di Giasone: nessuno aveva altre proposte.
Ordinò allora ai figli di Frisso, a Telamone e ad Augia
che lo seguissero, e prese lo scettro di Ermes.
Tosto balzarono giù dalla nave, oltre l'acqua e le canne,
e misero piede a terra sopra un rialzo della pianura.
Il suo nome è Circeo, e qui fioriscono molti
filari di salici e tamarischi, e alle cime di questi
sono appesi cadaveri, legati con delle corde.
Ancor oggi infatti è sacrilegio per i Colchi
bruciare gli uomini, e neanche è lecito loro
sotterrarli e innalzare sui loro corpi il sepolcro;
li avvolgono dentro pelli di bue, non conciate
e li appendono agli alberi, fuori città: così l'aria
ha parte uguale alla terra, giacché sottoterra ripongono
le donne, e questa è la norma del loro costume.
E mentre procedevano, Era, sollecita verso di loro,
sparse per la città una fittissima nebbia, così da nasconderli
alla folla dei Colchi nel loro cammino verso la reggia di Eete.
Quand'ebbero percorso la piana e giunsero presso il palazzo,
allora la dea disperse di nuovo la nube.
Si fermarono sull'entrata, stupiti a vedere il cortile
del sovrano, e le vaste porte, ed i colonnati
che cingevano tutt'intorno le mura, e in alto un fregio di pietra
correva al di sopra dei capitelli di bronzo.
Passarono tranquillamente la soglia. Accanto ad essa,
fiorivano rigogliose, levandosi alte,
viti incoronate di pampini. Sotto le viti,
scorrevano quattro fontane perenni, lavoro
del dio Efesto: la prima versava latte,
la seconda vino, la terza olio fragrante
e l'ultima acqua, calda verso il tramonto
delle Pleiadi, e al loro sorgere invece
usciva dalla roccia cava gelida come il ghiaccio.
Queste opere illustri aveva compiuto l'abile Efesto
nel palazzo di Eete; e aveva anche forgiato
per lui dei tori dai piedi di bronzo, e con le bocche
di bronzo da cui soffiavano un fuoco terribile;
fabbricò inoltre un aratro, tutto d'un pezzo, di solido acciaio,
in segno di riconoscenza per il Sole, che l'aveva accolto
sul suo carro, quand'era sfinito dalla battaglia di Flegra.
Anche la porta centrale era lavorata in metallo,
e accanto c'erano molte porte doppie, ben costruite,
e stanze dall'una parte e dall'altra, e, per tutta
la lunghezza un ricchissimo portico. E di traverso,
a destra e a sinistra, c'erano costruzioni più alte,
e nella più alta di tutte abitava con la sua sposa il grande Eete,
in un'altra abitava Assirto, il figlio di Eete:
lo partorì Asterodea, una ninfa del Caucaso,
prima che il re prendesse come sposa legittima
Idea, la figlia più giovane di Oceano e di Teti.
I giovani Colchi usavano chiamarlo Fetonte,
e cioè "splendido", perché brillava tra i suoi coetanei.
Nelle altre stanze stavano le ancelle e le due figlie di Eete,
Calciope e Medea. E fu Medea che essi videro uscire
<...............................................................>
dalla sua camera per entrare nella camera della sorella.
Era l'aveva tenuta a casa; prima non era solita
restare a palazzo, anzi per tutto il giorno si prendeva cura
del tempio di Ecate: ne era la sacerdotessa.
Come li vide vicini, gridò. Chiaramente
l'intese Calciope; le ancelle, lasciando cadere
il filo ed i fusi, corsero fuori tutte, affollandosi.
Calciope, uscita con loro, vide i suoi figli
e con grande gioia levò in alto le mani;
essi abbracciarono e salutarono a loro volta la madre,
felici; piangendo, Calciope disse queste parole:
"Dunque non era destino che vagaste lontano,
lasciandomi nell'abbandono: la sorte vi ha fatto tornare.
Ahimè infelice, quale desiderio vi ha preso della terra di Grecia,
per qualche sciagurata follia, seguendo il comando di Frisso,
vostro padre, che in punto di morte vi diede ordini
penosi al mio cuore? Perché andare alla città di Orcomeno,
quale che sia, per le ricchezze del re Atamante,
lasciando qui vostra madre in preda al dolore?".
Così disse, e intanto il re Eete uscì per ultimo,
e anche Idea, la sua sposa, che aveva sentito
Calciope. Subito tutto il recinto fu pieno
di folla: alcuni servi preparavano un grande toro,
altri con la scure tagliavano legna secca,
altri mettevano l'acqua a bollire; e nessuno
si sottraeva a lavorare per il suo sovrano.
Intanto giunse Eros per l'aria chiara, invisibile,
violento, come si scaglia sulle giovani vacche
l'assillo che i mandriani usano chiamare tafano.
Rapidamente nel vestibolo, accanto allo stipite,
tese il suo arco e prese una freccia intatta,
apportatrice di pene. Poi, senza farsi vedere,
varcò la soglia con passo veloce e ammiccando,
e facendosi piccolo scivolò ai piedi di Giasone;
adattò la cocca in mezzo alla corda, tese l'arco con ambo le braccia,
e scagliò il dardo contro Medea: un muto stupore le prese l'anima.
Lui corse fuori, ridendo, dall'altissima sala,
ma la freccia ardeva profonda nel cuore della fanciulla
come una fiamma; e lei sempre gettava il lampo degli occhi
in fronte al figlio di Esone, e il cuore, pur saggio,
le usciva per l'affanno dal petto; non ricordava nient'altro
e consumava il suo animo nel dolore dolcissimo.
Come una filatrice, che vive lavorando la lana,
getta fuscelli sopra il tizzone ardente, e nella notte
brilla la luce sotto il suo tetto - si è alzata prestissimo -
la fiamma si leva immensa dal piccolo legno,
e riduce in cenere tutti i fuscelli; così a questo modo
terribile Eros, insinuatosi dentro il cuore,
ardeva in segreto; e, smarrita la mente,
le morbide guance diventavano pallide e rosse.
Quando i servi ebbero imbandita la mensa per gli ospiti,
ed essi si furono lavati nell'acqua calda,
si saziarono lieti di cibo e di bevande.
Poi Eete interrogò benevolmente i nipoti,
rivolgendosi a loro con queste parole:
"Figli di mia figlia e di Frisso; l'ospite che ho onorato
più di ogni altro nel mio palazzo, come siete tornati
alla terra di Eea? Forse qualche disgrazia
ha interrotto il vostro cammino? Non mi deste ascolto
quand'io vi dicevo l'enorme lunghezza del viaggio.
Ben lo sapevo, avendo percorso il ciclo del Sole mio padre
sul suo carro quando condusse all'Occidente
mia sorella Circe, e giungemmo alla costa
tirrenica, là dove essa vive ancor oggi
molto, molto lontano dalla terra di Colchide, Eea.
Ma a che tante parole? Ditemi chiaramente quale
[ostacolo avete trovato,
chi sono questi uomini che vi vengono dietro,
e dove siete sbarcati dalla concava nave".
A queste domande Argo, pensando con terrore all'impresa
di Giasone, diede una risposta cortese
prima dei suoi fratelli, giacché era lui il più anziano;
"Quella nave, Eete, ben presto l'hanno distrutta tempeste
violente: noi, aggrappati a una trave, nella notte scura,
le onde ci hanno gettato sulle spiagge dell'isola
sacra ad Ares Enialio. Un dio ci ha salvato:
gli uccelli di Ares che prima avevano il loro nido
nell'isola disabitata, non li trovammo
più: questi uomini, che il giorno avanti erano scesi
dalla loro nave, li avevano tutti cacciati.
E li trattenne in quel luogo il volere di Zeus
che ebbe pietà di noi, o una qualche sorte, perché ci diedero
abbondanza di cibo e vesti, udendo il nome illustre di Frisso,
e il tuo; perché venivano alla tua reggia.
E se vuoi saperne il motivo non te lo nascondo.
Quest'uomo che vedi, un re, desiderando cacciarlo
lontano dalla sua patria e dai suoi possessi,
poiché superava in valore tutti gli Eolidi,
lo manda qui senza speranza: e proclama che i nipoti di Eolo
non sfuggiranno all'ira tremenda di Zeus implacabile,
alla sua rabbia, all'insopportabile contaminazione, al castigo
per Frisso, prima che il vello d'oro ritorni in terra di Grecia.
La nave l'ha fabbricata Pallade Atena, e non assomiglia
alle navi dei Colchi, tra cui noi avemmo
in sorte la più sciagurata: l'hanno distrutta
la furia dell'acque ed i venti. La loro nave
è ben inchiodata, se anche le piombassero addosso
tutte le bufere: e corre ugualmente nel vento,
e quando gli uomini, senza tregua, fanno forza sui remi.
Su questa nave ha radunato gli eroi più prodi di tutta la Grecia
e viene alla tua città, dopo avere errato per tante
città e mari terribili, a chiederti il vello.
Ma sarà come a te piace: non viene ad usare
la forza, e vuole darti un compenso degno del dono:
da me ha sentito parlare dei tuoi nemici,
i Sauromati: li piegherà al tuo potere.
E poiché certo vuoi sapere anche il nome e la stirpe
di questi uomini, ti dirò tutto. Colui per il quale
gli altri si sono raccolti da tutte le parti dell'Ellade
ha nome Giasone, figlio di Esone, figlio di Creteo;
e se veramente discende da Creteo,
allora è nostro parente per parte di padre:
entrambi, Creteo e Atamante, erano figli di Eolo,
e nostro padre era figlio di Atamante, figlio di Eolo.
Quest'altro che vedi è Augia, figlio del Sole,
se mai ne hai sentito parlare, e questi è Telamone,
figlio del nobilissimo Eaco, nato da Zeus.
E anche tutti gli altri compagni che seguono
sono figli o nipoti degli dei immortali".
Così parlò Argo; ma il re fu preso da furia
al suo discorso, e il petto gli si gonfiò per la rabbia.
Disse con sdegno (soprattutto era adirato coi figli
di Calciope; per opera loro, pensava, erano giunti quegli altri,
e gli brillavano gli occhi turbati sotto le ciglia):
"Andatevene via lontano, subito, via dai miei occhi,
fuori da questa terra, canaglie, voi e i vostri inganni,
prima che a qualcuno di voi costi caro Frisso ed il vello.
Tutti d'accordo, non per il vello siete venuti qui dalla Grecia,
ma tramando di togliermi lo scettro e l'onore regale.
Se non vi foste prima accostati alla mia tavola,
vi avrei tagliata la lingua e troncate entrambe le mani
e mandati via coi piedi soltanto, perché in futuro
non osiate più tentare simili imprese:
tali menzogne avete detto anche sugli dei beati".
Così disse, furioso, e si gonfiava in profondo
il cuore di Telamone. Dentro di sé voleva rispondergli
in faccia parole di morte; ma il figlio di Esone
lo trattenne e rispose lui prima in tono cortese:
"Non t'irritare, Eete, per il nostro viaggio. Non al modo che dici
veniamo alla tua città ed alla tua reggia,
e neanche per nostro volere. Chi mai avrebbe l'audacia
di attraversare tanto spazio di mare per prendere le cose d'altri?
Mi manda un dio, e il feroce comando di un re superbo
Ti supplichiamo, concedici il tuo favore;
ed io per tutta la Grecia diffonderò la tua fama
illustre. Noi siamo pronti a compensarti
subito, combattendo per te, se tu desideri
sottomettere al tuo scettro i Sauromati, o qualche altro popolo".
Così disse con voce soave, adulandolo;
il cuore di Eete era diviso nel petto
tra due diversi pensieri, se prenderli subito
e ucciderli, oppure provare il loro valore:
riflettendo, questo gli parve il meglio, e così gli rispose:
"Straniero, perché parlare di tutto ciò, punto per punto?
Se veramente siete figli di dei, o in ogni caso
non mi siete inferiori, voi che venite per prendere le cose d'altri,
io ti darò il vello da portar via, se lo desideri -
ma dopo una prova. Non sono invidioso degli uomini prodi
come voi dite che è il sovrano di Grecia.
La prova del tuo coraggio e della tua forza sarà una fatica,
di cui, per quanto tremenda, io vengo a capo con le mie braccia.
Due miei tori pascolano nella piana di Ares:
hanno piedi di bronzo e dalla bocca spirano fuoco;
io li aggiogo e li conduco attraverso il duro campo di Ares,
di quattro iugeri, e dopo averlo arato fino in fondo rapidamente,
getto nei solchi non il seme del grano, sacro a Demetra,
mai i denti di un serpente feroce che, una volta cresciuti,
prendono forma di uomini armati. E io li falcio,
li uccido con la mia lancia quando mi vengono addosso da tutte le
[parti.
Di buon mattino aggiogo i buoi e compio la mietitura
al tramonto. Se tu sei capace di compiere questo,
lo stesso giorno potrai portare al tuo re il vello d'oro;
ma prima non te lo darò, non sperarlo. Non sarebbe giusto
che un valoroso ceda a chi vale meno di lui".
Così disse, e Giasone fissava gli occhi per terra,
restava muto, disperato di fronte alla sua disgrazia.
Per lungo tempo rivoltava dentro di sé la decisione da prendere
e non riusciva ad affrontare arditamente l'impresa;
gli sembrava grandissima. Alla fine rispose con accortezza:
"Eete, è nel tuo pieno diritto impormi questa durissima prova.
Ed io l'affronterò, per quanto terribile,
anche se il mio destino sarà di morirvi. Per gli uomini
nulla è più duro della necessità spietata,
che mi conduce qui per comando di Pelia".
Così disse nella sua angoscia; e a lui, costernato,
Eete rispose con queste parole tremende:
"Va' dunque dai tuoi compagni, poiché sei disposto
ad affrontare l'impresa, ma se tu temi
di aggiogare i buoi o fuggi di fronte al raccolto mortale,
allora farò di tutto perché ogni altro uomo in futuro
non s'arrischi più a presentarsi a uno più forte di lui".
Disse così, apertamente: Giasone si alzò dal suo seggio
e con lui Augia e Telamone; Argo li seguì, solo,
facendo segno ai fratelli di restare là nel frattempo.
Uscirono dalla stanza e fra tutti splendeva
il figlio di Esone per la bellezza e la grazia;
e addosso a lui la fanciulla fissava lo sguardo
obliquo, scostando lo splendido velo e struggendosi
il cuore di pena; come in sogno, la mente
volava, trascinandosi sulle tracce di lui che partiva.
Gli eroi uscirono dalla reggia in preda all'angoscia;
Calciope, stando in guardia dall'ira di Eete,
corse nella sua stanza assieme ai figli
e Medea fece lo stesso, ma nel suo animo
si agitavano tutti gli impulsi d'amore:
davanti ai suoi occhi si formavano ancora le immagini
di ogni cosa: l'aspetto di Giasone e l'abito che indossava,
come parlava, e come sedeva, e come si mosse ad uscire,
e nel pensarvi le sembrò che simile a lui non ci fosse
nessun altro uomo; le tornavano sempre alle orecchie
la voce e le dolci parole che aveva sentite.
Tremava per lui, che non lo uccidessero i tori
o lo stesso Eete; e già lo piangeva per morto
senz'altro: scorrevano per le sue guance le lacrime
di tenero affanno e di pietà profondissima.
E sommessamente piangendo disse queste parole:
"Perché il dolore mi prende, infelice? Vada alla malora
costui che sta per morire, grande eroe o uomo
dappoco... Oh potesse sfuggire illeso alla morte!
Sì, questo possa avvenire, divina signora
Ecate, e ritorni salvo alla patria; ma se è il suo destino
perire sotto le fiere, prima almeno lo sappia,
che io non mi rallegro della sua sorte funesta".
Così la mente della fanciulla era sconvolta e turbata.
Quando furono fuori dalla città e dalla gente,
per la strada che avevano fatto prima, venendo dalla pianura,
allora Argo si rivolse a Giasone con queste parole:
"Figlio di Esone, tu disprezzerai l'idea che sto per dirti,
ma nessun tentativo va trascurato nella disgrazia.
C'è una fanciulla - te l'ho già detto - che pratica incanti
sotto la guida della dea Ecate, figlia di Perse.
Se riuscissimo a persuaderla, non ci sarebbe pericolo
che tu soccomba alla prova: ma temo, ahimè, fortemente,
che nostra madre rifiuti di darci il suo aiuto.
E tuttavia tornerò là per pregarla:
poiché la morte incombe, comune a noi tutti".
Disse così, saggiamente, e il figlio di Esone
rispose: "Mio caro, se a te così piace, io non te lo impedisco.
Va', e con parole accorte prega, muovi tua madre
ad agire. Ma veramente è una vana speranza
se il nostro ritorno viene affidato alle donne".
Così disse, e presto arrivarono alla palude. I compagni,
lieti, facevano molte domande, vedendoli giungere,
ma il figlio di Esone parlò così, tristemente:
"Amici miei, il cuore del terribile Eete
è adirato contro di noi, ma non servirebbe
dirvi ogni cosa, né servirebbe a voi chiedere.
Dice che pascolano nella piana di Ares
due tori con i piedi di bronzo, che, dalla bocca, spirano fuoco:
mi ha ordinato di arare con loro un campo di quattro iugeri,
e mi darà per semente i denti di un drago, che fanno nascere
da terra uomini armati, e il giorno stesso
devo ucciderli: questo compito io l'ho accettato
senza esitare; non c'era scelta migliore".
Così disse, e a tutti l'impresa apparve impossibile:
a lungo, muti, senza parole, si guardavano gli uni con gli altri,
abbattuti dalla sventura e dall'impotenza; Peleo alla fine
parlò arditamente, rivolgendosi a tutti i compagni:
"Ora è il momento di riflettere su cosa fare. Ma io non credo
che nessun consiglio ci dia tanto aiuto quanto la forza
[delle nostre braccia.
Se tu pensi di poter aggiogare i tori di Eete,
eroe figlio di Esone, e desideri questa fatica,
allora mantieni la parola che hai dato e preparati.
Ma se il tuo cuore non ha fiducia piena ed intera
nella tua forza, allora tu non esporti,
e non stare a cercare un altro tra questi uomini:
io non mi tirerò indietro: la morte è il peggio che può capitare".
Così disse Peleo: a Telamone si turbò il cuore nel petto
e si alzò di slancio; per terzo, superbamente,
si levò in piedi Ida, e poi i figli di Tindaro,
e poi il figlio di Eneo, pari agli uomini di più maturo vigore,
benché sulle sue guance non fosse ancora la prima peluria;
di tale forza si esaltava il suo animo.
Gli altri si ritirarono, restando in silenzio. Ma subito Argo
tenne questo discorso agli eroi bramosi di lotta:
"Amici miei, sarà questa l'ultima scelta.
Ma penso piuttosto che un utile aiuto vi verrà da mia madre.
Per quanto impazienti, restate perciò nella nave,
dove siete: è sempre meglio aspettare
che per audacia scegliersi una morte terribile.
Vive una fanciulla nel palazzo di Eete,
che la dea Ecate ha più di ogni altra istruita
nell'arte di tutti i filtri, che produce la terra e il mare infinito:
con essi sa domare la forza del fuoco instancabile,
e ferma in un momento le acque scroscianti dei fiumi,
incatena gli astri e le sacre vie della luna.
Venendo qui dal palazzo, durante la strada,
abbiamo pensato se nostra madre, che le è sorella,
potesse persuaderla a venirci in aiuto
in questa prova. Se anche a voi piace, oggi stesso
io sono pronto a tornare alla reggia di Eete:
tenterò e forse, tenterò con l'aiuto di un dio".
Così disse, e gli dei propizi inviarono un segno.
Una colomba tremante, fuggendo dalla violenza di uno sparviero,
cadde dall'alto atterrita nel grembo del figlio di Esone,
e lo sparviero si impalò sull'aplustre. Allora subito Mopso
rivolse a tutti i compagni queste parole profetiche:
"Amici, questo segno ci giunge per volere divino,
non saprei dargli nessun altro senso migliore:
andare dalla fanciulla, e parlarle, con ogni mezzo.
Io non la credo insensibile al nostro destino,
se è vera la profezia di Fineo, che in Afrodite risiede
la speranza del nostro ritorno. Ora il suo dolce uccello
è scampato alla morte, e come il mio cuore prevede
secondo questo prodigio, così possa essere!
Pregate, amici miei, Citerea di venirci in aiuto,
e, senza indugio, seguite il consiglio di Argo".
Disse, e i compagni approvarono, memori delle
[istruzioni di Fineo.
Solo il figlio di Afareo, Ida, si levò in piedi
e infuriato gridò a grandissima voce:
"Ahimè, siamo venuti qui in compagnia di donnette,
che chiamano in loro soccorso Afrodite:
rifiutano il combattimento, e badano alle colombe
e agli sparvieri, non più alla forza di Ares.
Andate alla malora, e non pensate più alle cose di guerra,
ma a sedurre con preghiere le fragili vergini".
Così parlava con rabbia, e molti compagni
mormoravano a bassa voce, ma nessuno lo contraddisse.
Sedette allora, pieno di collera; subito
Giasone li rincuorò ed espose il suo pensiero:
"Argo lasci la nave, poiché così è stato deciso da tutti;
ma noi altri dal fiume approdiamo alla terra,
e apertamente gettiamo le gomene. Non è più tempo
di stare nascosti, evitando il combattimento".
Così disse, e subito impose ad Argo di ritornare in città
velocemente; gli altri, secondo il comando di Giasone,
tirarono a bordo le ancore e, a forza di remi,
uscirono un poco dalla palude e s'accostarono a terra.
Subito Eete convocò l'assemblea dei Colchi,
fuori del suo palazzo, là dove si riunivano anche in passato,
e qui tramava inganni e mali irresistibili contro gli eroi.
Appena i tori avessero fatto a pezzi colui che accettò la
[terribile prova,
bisognava tagliare gli arbusti in cima alla folta collina
e incendiare la nave assieme a tutti gli uomini;
sputassero fuori la loro infausta superbia
coloro che avevano osato un disegno così tracotante.
Neanche Frisso, il nipote di Eolo, benché fosse in
[grande bisogno,
l'avrebbe mai accolto nella sua casa, Frisso che pure
si distingueva tra tutti gli ospiti per la pietà e la mitezza,
se Zeus in persona non mandava Ermes dal cielo,
il suo messaggero, perché le preghiere trovassero buona
[accoglienza:
tanto meno sarebbero a lungo rimasti impuniti
i pirati che erano venuti nella sua terra,
che avevano in animo di mettere le mani sui beni altrui,
e tramare inganni nascosti e saccheggiare
le stalle con scorrerie di ribaldi. E inoltre
gli avrebbero pagato il giusto castigo i figli
di Frisso, che senza scrupolo si erano uniti
a dei malfattori per togliergli il trono e lo scettro
regale, come gli aveva predetto l'oracolo luttuoso
del Sole suo padre: che ben doveva guardarsi
dagli inganni sottili, dai progetti della sua stirpe,
dalla sventura versatile: proprio per questa ragione
li mandò, come loro volevano, in terra di Grecia,
a eseguire i comandi del padre, un lungo viaggio.
Delle sue figlie non aveva timore che concepissero contro di lui
pensieri odiosi, e di suo figlio Assirto neppure:
nei figli di Calciope era per lui la rovina.
Così nell'ira svelava i suoi tremendi progetti
al popolo, e li minacciava: sorvegliassero bene
la nave e gli uomini, e nessuno sfuggisse alla morte.
E intanto Argo, tornato al palazzo di Eete,
pregava con ogni mezzo la madre, che supplicasse
Medea di soccorrerli. E già Calciope stessa
ci aveva pensato, ma la tratteneva il timore
o che le sue preghiere riuscissero inutili e fuori luogo,
se Medea era atterrita dalla collera atroce del padre,
o, se Medea pure cedeva, che tutto venisse alla luce.
Un sonno profondo riposava dai suoi dolori
Medea, distesa sul letto. Ma la turbavano sogni terribili,
ingannatori, come succede a chi è in preda all'angoscia.
Le sembrava che lo straniero affrontasse la prova
non per il desiderio di portar via il vello d'oro,
che non per questo fosse venuto alla reggia
di Eete, ma per portarla nella sua casa
come legittima sposa. E vedeva se stessa
lottare coi tori e sconfiggerli agevolmente;
ma i suoi genitori mancavano alla promessa,
dicendo che non a lei avevano dato l'incarico
di aggiogare i tori, e tra gli stranieri e suo padre
sorgeva una lite insanabile. Entrambe le parti
si rimettevano a lei: sarebbe stato ciò che sceglieva il suo cuore.
E lei sceglieva subito: lasciava i suoi genitori
per lo straniero. Loro, li prese un immenso
dolore e diedero un grido d'ira furente.
Sparve il sonno a quel grido e balzò su tremando
per la paura e guardò intorno i muri della sua stanza:
a stento riprese fiato nel petto, e gridò:
"Me infelice, quale terrore mi ha dato il sogno angoscioso!
Temo che da questo viaggio sorga un'enorme sciagura.
Palpita per lo straniero il mio cuore. Là, nella sua patria lontana,
sposi una donna greca: io devo darmi pensiero
della mia vita di vergine, della casa dei miei genitori.
Tuttavia voglio crearmi un cuore che sia pronto a tutto
e non restare più sola, ma tentare, se mai mia sorella
mi chieda aiuto in questo frangente, temendo per i suoi figli.
Sì, questo potrebbe spegnere dentro il mio cuore la pena".
Disse, e si alzò dal letto, e aprì di colpo la porta,
vestita della sola tunica e a piedi nudi:
voleva vedere Calciope subito, e varcò la soglia
del cortile, ma poi lungo tempo restò nel vestibolo,
trattenuta dalla vergogna, e si volse, e tornò indietro,
e dalla sua camera di nuovo si gettò fuori e di nuovo
rientrò: inutilmente i piedi la portavano avanti e indietro.
Quando avanzava, la vergogna la teneva ferma là dentro;
trattenuta dalla vergogna, la spingeva il desiderio possente.
Per tre volte tentò, e si fermò per tre volte. Alla quarta,
si sentì mancare, e cadde prona sul letto.
Come una giovane sposa piange nella stanza nuziale
lo splendido sposo a cui l'hanno data i genitori e i fratelli,
e per vergogna e riserbo non si mescola alle sue ancelle -
resta seduta in disparte, e soffre il dolore -
lui l'ha ucciso il destino, prima che entrambi godessero
il reciproco amore; piange la donna straziata
in silenzio, e fissa gli occhi sul letto vuoto,
temendo il sarcasmo e le ingiurie delle altre donne:
così piangeva Medea. D'improvviso la vide
una giovane ancella venuta in quel punto,
una sua serva, e lo riferì a Calciope
subito: essa sedeva tra i figli pensando
al modo come poteva persuadere Medea.
Ma diede retta all'ancella quando udì da lei
la parola inattesa. Stupita si slanciò dalla sua camera
nella camera dove, presa d'angoscia, la giovane
s'era buttata sul letto e si straziava le guance.
Come vide gli occhi inondati di pianto, così le disse:
"Ahimè, Medea, perché queste lacrime? Cosa è accaduto?
Quale pena crudele è giunta dentro il tuo cuore?
Forse un male divino ti ha invaso, oppure hai saputo
qualche funesta minaccia di nostro padre su me e sui miei figli?
Oh, vorrei non vedere più la casa dei miei genitori,
né la città, e abitare ai confini del mondo,
dove non esiste neppure il nome dei Colchi!".
Così disse, e le guance di lei arrossirono. Voleva rispondere,
ma la trattenne a lungo il pudore di vergine.
Le parole le fiorivano talvolta alla punta
della lingua, talvolta piombavano in fondo al petto,
e spesse volte correvano alla bocca soave,
ma non diventavano suono. Finalmente parlò, con inganno,
poiché la sconvolgevano gli impulsi arditi d'amore:
"Il mio cuore, Calciope, si turba per i tuoi figli,
che ben presto mio padre non li uccida con gli stranieri.
Poco fa, in un brevissimo sonno, ho veduto
sogni luttuosi; che un dio non li lasci compiersi,
che tu non abbia un dolore terribile per i tuoi figli!"
Disse, e tentava così la sorella, se mai per prima
la supplicasse di venire in aiuto ai suoi figli.
Calciope fu travolta da una pena insopportabile, atroce,
per la paura di ciò che aveva sentito: rispose con queste parole:
"Anch'io pensando a tutto ciò sono venuta da te,
perché tu mi aiutassi a trovare, a preparare un soccorso.
Ma giura sul Cielo e la Terra, che quello che dico
lo terrai nel tuo cuore, e agirai insieme con me.
Per gli dei ti imploro, per te stessa, per i genitori,
fa' che io non veda i miei figli sbranati da un destino funesto,
miseramente, o, morendo assieme con loro,
sarò per te dalla tomba un'Erinni tremenda".
Così disse, e, mentre parlava, scendeva un pianto dirotto,
e, a terra, le abbracciava con le mani i ginocchi.
Chinarono insieme il capo sul petto, ed entrambe intonarono,
l'una accanto all'altra, il lamento. Attraverso la casa
si levò il suono soffocato dei loro dolori.
Poi per prima Medea, angosciata, parlò alla sorella:
"Infelice, quale rimedio posso trovare per te che mi parli
di maledizioni tremende e di Erinni? Oh se fosse
in mio potere di salvare i tuoi figli!
E come mi chiedi, io giuro il giuramento più grande
dei Colchi, per il grande Cielo e la Terra profonda,
madre di tutti gli dei, che quanto è nelle mie forze
non ti verrà a mancare, purché tu mi chieda il possibile".
Disse, e Calciope rispose a lei con queste parole:
"Non puoi tu, per lo straniero, che te lo chiede lui stesso,
pensare un inganno, o un qualche altro espediente
che lo aiuti nella prova, per amore dei miei figli?
Argo viene da lui, e mi prega di chiederti aiuto:
recandomi qui, l'ho lasciato nelle mie stanze".
Così disse, e a lei dentro il petto il cuore balzò dalla gioia;
ma insieme, lo splendido volto arrossì e lo coprì come un'ombra
di piacere, poi finalmente disse queste parole:
"Farò come volete, Calciope, come vi piace.
Possa non risplendere più l'aurora ai miei occhi
e possa tu non vedermi vivere a lungo,
se per me conta qualcosa più della tua vita
e dei tuoi figli, che mi sono cari nipoti
e compagni d'infanzia, perché io sono
tua sorella e anche insieme tua figlia;
a me come a loro hai offerto il tuo seno
quand'ero piccola: così mi diceva mia madre.
Ma tu va', e proteggi col silenzio la mia promessa,
che io possa compierla all'insaputa dei genitori:
domattina andrò al tempio di Ecate e porterò il filtro incantato
allo straniero per il quale è sorta questa contesa".
Così Calciope uscì dalla stanza e disse ai suoi figli
l'aiuto della sorella. Ma lei, rimasta sola,
la prese di nuovo il pudore e una feroce paura:
che cosa aveva pensato, per un uomo, contro suo padre!
La notte portava il buio sopra la terra; nel mare,
i naviganti guardavano all'Orsa e alle stelle di Orione,
desideravano il sonno il viandante e il guardiano,
uno spesso torpore avvolgeva perfino la madre
che ha perduto i suoi figli; non più guaire di cani
per la città, non rumore sonoro: il silenzio
possedeva le tenebre sempre più nere.
Ma il sonno soave non prese Medea: molte ansie
la tenevano sveglia nel desiderio di Giasone.
Temeva la forza brutale dei tori, a cui doveva soccombere
di morte crudele, lottando sul campo di Ares.
Il cuore batteva fitto dentro il suo petto.
Come dentro la casa guizza un raggio di sole
dall'acqua appena versata in una caldaia
o in un vaso, e nel mulinello vibra qua e là veloce,
così s'agitava nel petto il cuore della fanciulla.
Versava dagli occhi lacrime di compassione
e, dentro, la pena la rodeva senza riposo,
insinuandosi sotto la pelle, fino ai nervi sottili,
fino all'estremità della nuca, là dove penetra
il dolore più acuto, quando gli impulsi d'amore, instancabili,
scagliano la sofferenza dentro il petto degli uomini.
E in un momento si diceva di dargli il rimedio fatato,
e poi di non darglielo; anzi, morire anche lei,
e ancora poi di non darglielo, ma neppure morire:
restare ferma, e affrontare la propria sventura.
Poi sedette nel dubbio, e disse queste parole:
"Me infelice, tra quali e quali sventure mi trovo!
Da ogni parte il mio cuore non ha che angoscia e impotenza.
Nessun rimedio alla pena, alla fiamma ferma che brucia.
Come vorrei che mi avessero uccisa le frecce veloci di Artemide,
prima che io lo vedessi, prima che la nave greca
portasse qui i figli di mia sorella Calciope:
un dio o un'Erinni li ha guidati di là per il mio dolore e il mio pianto.
Muoia, se il suo destino è di morire sul campo.
Ma io, come potrei preparare il rimedio,
nascondendolo ai miei genitori? E cosa dire?
Quale il pensiero, l'inganno che mi dia aiuto?
Posso vederlo, rivolgermi a lui solo, senza compagni?
Infelice! Anche quando sia morto non spero di avere
respiro dai mali: allora per me verrà la sventura,
quando avrà perso la vita. Alla malora
il pudore e la fama, e lui, salvo per mio volere,
se ne vada via illeso, dove il suo cuore desidera.
Ma io il giorno stesso, quando avrà compiuta la prova,
morrò appendendo il mio collo al soffitto,
o bevendo il veleno che distrugge la vita.
Eppure anche da morta, lo so, scaglieranno
contro di me le voci maligne; l'intera città
griderà la mia sorte; e le donne di Colchide mi porteranno
con spregio di bocca in bocca, l'una con l'altra:
"colei che amò un uomo straniero, fino a morirne,
e disonorò la sua casa e i suoi genitori,
cedendo alla lussuria". Quale non sarà la vergogna?
Quale la mia sventura! Meglio, meglio sarebbe
in questa notte stessa, in questa stanza, lasciare la vita
per un destino nascosto, sfuggendo a tutti i rimproveri,
prima d'avere compiuto colpe innominabili".
Disse, e cercò il cofanetto dov'erano tutti
i suoi filtri, quelli benefici e quelli mortali.
Gemeva, tenendolo sulle ginocchia, e bagnava
il seno di lacrime, che cadevano fitte,
senza tregua, mentre pensava alla sua terribile sorte.
Desiderava scegliere i filtri mortali
ed inghiottirli, e già nel suo desiderio, infelice,
scioglieva i lacci. Ma d'improvviso le venne nel cuore
una cupa paura del regno odioso dei morti.
Restò a lungo muta, sgomenta. Davanti a lei
passavano tutte le dolcezze dell'esistenza:
ricordava i piaceri che toccano ai vivi,
le gioiose compagnie della sua giovinezza,
e il sole apparve più dolce di prima ai suoi occhi,
quando passò ogni cosa al vaglio della ragione.
Depose dalle ginocchia il cofanetto, mutando pensiero,
secondo il volere di Era, e non dubitava
più tra diversi progetti: ma desiderava
che venisse subito l'alba, per dargli il filtro
che aveva promesso e poterlo vedere nel volto.
E spesso apriva la porta della sua camera
spiando la luce, e finalmente l'aurora
le portò il sole agognato, e tutti si mossero per la città.
Intanto Argo ordinò ai suoi fratelli di restare lì ancora,
cercando di capire l'animo ed i pensieri della fanciulla.
Lui li lasciò invece e li precedette alla nave.
Medea, quando vide la prima luce dell'alba,
raccolse con le mani i biondi capelli
irrequieti, che le cadevano senza cura,
poi lavò le guance secche dal pianto, ed unse la pelle
con un unguento di nettare e indossò uno splendido
peplo, tenuto fermo da fibbie eleganti;
e si mise sul capo bellissimo un velo
bianco. Muovendosi su e giù per la casa,
batteva i piedi, scordando il dolore che era nel suo presente,
e quello più grande che avrebbe avuto in futuro.
Chiamò le dodici ancelle, che tutte dormivano
nel vestibolo della sua stanza fragrante, sue coetanee,
che mai avevano ancora diviso il letto con uomini,
e fece aggiogare in fretta al carro i muli
che la portassero allo splendido tempio di Ecate.
E mentre le ancelle preparavano il carro,
estrasse dal profondo del suo cofanetto
il filtro che, dicono, porta il nome di Prometeo.
Chi, dopo essersi propiziata Daira,
la dea unigenita, con sacrifici notturni,
ne unge il corpo, non è vulnerabile ai colpi
del bronzo, né cede all'ardore del fuoco:
ma per tutto quel giorno è più forte e più grande.
Nacque la prima volta quando l'uccello carnefice
fece colare a terra, sulle montagne del Caucaso,
il sangue divino dell'infelice Prometeo.
Crebbe un fiore alto un cubito, che ha lo stesso colore
del croco coricio, e poggia su un duplice stelo;
dentro la terra, la radice pareva
carne appena tagliata. L'umore, simile al succo nero
delle querce, Medea lo aveva raccolto,
per farne un filtro, in una conchiglia del Caspio,
e si bagnò sette volte nelle acque perenni,
e sette volte invocò la dea Brimo, la grande nutrice,
Brimo notturna, infernale, la regina dei morti,
nella notte nera, coperta da abiti neri.
E quando tagliò la radice nata dal sangue titanico,
la terra scura si scosse con un muggito profondo;
e gemette lo stesso figlio di [[Giapeto]], angosciato dalla sofferenza.
Prese il filtro e lo mise dentro la fascia
fragrante, che le cingeva il seno bellissimo.
Poi, uscita di casa, montò sul carro veloce,
e con lei, a destra e a sinistra, due ancelle.
Lei stessa prese in mano le redini, e nella destra la sferza
ben lavorata. Guidava per la città, e le altre ancelle,
attaccate di dietro al carro, correvano
lungo la vasta strada, e sollevavano
sopra i bianchi ginocchi le tuniche morbide.
Come sulle rive del dolce fiume Partenio,
la figlia di Leto, o dopo il bagno nelle acque dell'Amniso,
avanza per le montagne, in piedi sul carro
dorato, portata dalle veloci cerbiatte,
verso una ricca ecatombe lontana; le vengono
dietro le Ninfe compagne, quali raccolte
alla stessa sorgente dell'Amniso, quali venute dai boschi
e dalle vette ricche di fonti; attorno, le fiere
muovono la coda e ululano, tremando, al suo passaggio;
così correvano per la città, e attorno la folla
cedeva il passo, evitando lo sguardo della fanciulla regale.
Quand'ebbe lasciato le vie ben tracciate della città,
e attraversò la piana, e fu giunta al tempio,
saltò giù senza indugio dal rapido carro,
con slancio, e parlò in questo modo alle ancelle:
"Mie care, ho commesso un errore: non ho capito
che non dovevo andare tra gli stranieri
che si aggirano per la nostra terra; la città tutta
è presa d'angoscia: per questo non è venuta nessuna
delle donne che si radunavano qui tutti i giorni.
Ma poiché noi siamo qui, e non verrà nessun altro,
saziamo il nostro cuore con il piacere del canto,
e poi, colti i fiori dalla tenera terra,
torneremo a casa all'ora consueta.
Ma voi, tornerete con moltissimi doni,
oggi, se mi darete aiuto nel mio proposito.
Argo cerca di persuadermi, e anche Calciope,
(ma voi ascoltate queste parole e serbate il silenzio,
che non giungano mai all'orecchio di Eete),
che accetti dei doni per proteggere questo straniero,
quello che si è impegnato ad affrontare i tori nella terribile prova.
Ho accolto le loro proposte, e l'ho invitato
a venire davanti a me solo, senza compagni,
così che i suoi doni li divideremo tra noi,
e gli daremo un filtro che non gli giovi.
Ma voi, quando arriva, vi prego, state lontane".
Così disse, e a tutte loro piacque il progetto ingannevole.
Intanto Argo prese con sé Giasone, separandolo dai
[suoi compagni,
non appena i fratelli gli ebbero detto che presto, di buon mattino,
Medea si recava al tempio della dea Ecate;
e lo guidava per la pianura; insieme con loro era Mopso,
figlio di Ampico, capace di spiegare le apparizioni
di uccelli, e di dare buoni consigli ai compagni di strada.
Mai nessuno al tempo degli uomini antichi,
nessuno dei semidei, figli di Zeus stesso,
o degli altri immortali, fu quale la sposa
di Zeus rese in quel giorno il figlio di Esone
nell'aspetto e nella parola. Gli stessi compagni
erano stupefatti a vederlo risplendere
di tutte le grazie: l'indovino figlio di Ampico,
che già sapeva ogni cosa, si rallegrava del viaggio.
C'è sulla strada, nella pianura nei pressi del tempio,
un pioppo fiorito di innumerevoli foglie,
dove spesso si rifugiavano le loquaci cornacchie
e una di loro in quel punto, battendo le ali dall'alto di un ramo,
lo schernì in questo modo, dicendo il volere di Era:
"Ecco un indovino incapace: non sa ciò che sanno
anche i bambini, che nessuna parola soave,
nessuna parola d'amore, può dire una giovane
a un giovane, quando altri estranei ci sono di mezzo.
Alla malora, sciocco indovino, né Afrodite propizia
t'ispira, e neanche i dolcissimi impulsi d'amore".
Questo fu il suo rimprovero, e Mopso sorrise a sentire
la parola divina della cornacchia, e così disse a Giasone:
"Va' al tempio di Ecate, e troverai la fanciulla,
Giasone, e la troverai dolce e benevola,
grazie al volere di Cipride, che sta al tuo fianco in quest'impresa,
come ci aveva detto già prima il figlio di Agenore, Fineo.
Ma io e Argo resteremo qui in disparte,
e aspetteremo che torni, perché tu solo devi pregarla,
e persuaderla con parole sapienti".
Parlava accortamente, e gli altri due l'approvarono.
Ma l'animo di Medea non poteva volgersi ad altro,
pure in mezzo ai canti. Quale che ella intonasse
non le piaceva a lungo, l'interrompeva angosciata,
e non riusciva a guardare tranquillamente le ancelle,
ma sempre girava il volto lontano, a fissare
la strada, e più volte il cuore le si spezzava
nel petto, chiedendosi se era il vento
che le correva vicino, o il rumore di un passo.
Non molto tempo dopo egli apparve al suo desiderio,
quale si leva Sirio in alto sopra l'Oceano,
allorché sorge nitido e bello alla vista,
eppure porta infinite sciagure alle greggi;
così bello a vedersi giunse il figlio di Esone
eppure le portava il travaglio di una passione angosciosa.
Il cuore le cadde dal petto, le si annebbiarono
gli occhi, un caldo rossore le invase le guance:
non poté muovere le ginocchia, né avanti
né indietro; i piedi erano come inchiodati.
Intanto le ancelle si erano fatte in disparte lontano.
Erano muti, senza parole, l'uno vicino all'altra,
come le querce e i grandi pini che hanno radici nei monti,
e stanno, senza vento, vicini ed immobili,
ma poi sotto il soffio del vento si agitano
e sussurrano senza fine: così a quel modo
stavano per parlare a lungo, ispirati da Amore.
Il figlio di Esone la vide colpita da un male
divino, e le rivolse parole come carezze:
"Perché, fanciulla, tanto ritegno di fronte a me? Sono solo,
e non sono arrogante come tanti altri,
non lo ero neppure nella mia patria.
Lascia perciò l'eccessivo pudore, chiedimi
o dimmi liberamente ciò che ti piace.
Poiché ci troviamo, amici l'uno dell'altra,
in un luogo sacro, dove non è permessa la frode,
parla, chiedi apertamente; e non m'ingannare
con belle parole, poiché tu per prima hai promesso
a tua sorella di darmi il filtro che mi abbisogna.
Ti imploro in nome di Ecate e dei tuoi genitori,
di Zeus che stende la mano sugli ospiti e i supplici;
e io per te sono insieme supplice ed ospite,
io che per un destino invincibile cado ai tuoi ginocchi.
Senza di te, non posso vincere la durissima prova.
E secondo giustizia ti sarò grato in futuro,
come può esserlo chi vive tanto lontano,
dando gloria al tuo nome: così gli altri eroi,
ritornati in terra di Grecia, ti celebreranno,
e insieme anche le loro spose e le madri,
che già ci piangono, sedute sulla riva del mare:
tu potresti disperdere il loro dolore.
Anche Teseo fu salvato nella durissima prova
da un affetto di vergine, da Arianna, la figlia
che diede a Minosse Pasifae, la figlia del Sole:
quando Minosse placò la sua ira, salì sulla nave
con lui, e lasciò la sua patria: fu cara
anche agli dei, e un segno nel mezzo del cielo,
una corona di stelle che porta il nome di Arianna,
si volge tutta la notte fra le figure celesti.
E così anche a te renderanno grazie gli dei, se tu salvi
un così grande stuolo di eroi. Dal tuo aspetto
sembra che tu possegga la bontà più soave".
Così ne tesseva le lodi, ed ella, abbassando gli occhi,
ebbe un sorriso divino, e le balzò il cuore nel petto;
si sentì come levare in alto, e lo guardò dritto negli occhi.
Non sapeva quale parola dirgli per prima,
perché voleva dirgli tutto insieme, nello stesso tempo.
Poi senza esitare estrasse dalla fascia fragrante
il filtro; ed esultando Giasone l'accolse nelle sue mani.
Tremando, tutto il suo cuore gli avrebbe dato,
se glielo chiedeva, strappandolo al petto;
così dolcemente rifulgeva l'amore
dal biondo capo di Giasone, e le rapiva
gli occhi lucenti, e la gioia scioglieva il suo animo,
come all'aurora la rugiada si scioglie sopra le rose.
Tutti e due nel loro pudore tenevano gli occhi
fissi per terra talora, e talora lanciavano
sguardi l'uno sull'altra, sorridendo d'amore
sotto le ciglia splendenti. Finalmente, a fatica,
Medea parlò al figlio di Esone in questo modo:
"Ascolta bene come ho pensato di venirti in aiuto.
Quando mio padre ti avrà consegnato i denti funesti,
strappati alla bocca del drago, che tu dovrai seminare,
attendi l'ora che divide in due parti la notte,
e bagnati nelle acque perenni del fiume,
solo, senza compagni, vestito di abiti scuri,
poi scava una fossa rotonda; poi sgozza
un'agnella e, senza tagliarla, ponila cruda
su una pira sopra la fossa; e rendi onore
ad Ecate, figlia unigenita della dea Perse,
libando da una coppa l'opera dell'alveare.
Quando ti sarai resa propizia debitamente la dea,
allontanati dalla pira: né rumore di passi,
né latrato di cani ti facciano voltare indietro;
tutto sarebbe distrutto e con un cattivo
auspicio torneresti alla nave tra i tuoi compagni.
Al mattino inumidisci il filtro, poi spogliati
e ungiti il corpo; avrà una forza infinita,
un vigore possente, e lo diresti
simile a quello di un dio, non già degli uomini.
Ma ungine anche la lancia, e inoltre lo scudo
e la spada. Non ti feriranno le armi degli uomini
nati dal suolo, né l'irresistibile fiamma
che spira dai tori. Non sarà a lungo così, ma per tutto
quel giorno. Non temere dunque la prova.
Ancora io voglio darti un altro aiuto.
Quando avrai aggiogato i fortissimi tori,
e rapidamente arato con le tue braccia il duro campo,
spunteranno già lungo i solchi i giganti dai denti del drago
seminati nell'oscurità della terra: appena li avrai veduti
levarsi dal suolo in gran numero, allora tu di nascosto
getta una grossa pietra, così che su essa i giganti,
come cani voraci attorno a un osso, si uccideranno
gli uni con gli altri. Affrettati allora a combattere.
In questo modo riporterai il vello da Eea
nella lontana terra di Grecia; andrai dove ti piace,
dove ti è caro, quando sarai partito da questo luogo".
Così disse, e in silenzio teneva gli occhi per terra
e bagnava le guance bellissime di calde
lacrime, al pensiero che lui stava per affrontare
il mare e andare lontano. E poi di nuovo,
guardandolo in viso, gli disse parole angosciose,
e gli prese la destra: il pudore aveva lasciato i suoi occhi:
"Ricordati, quando sarai tornato nella tua patria,
il nome di Medea: come io, per quanto lontano,
ti ricorderò. Ma dimmi, ti prego, dov'è la tua casa?
Dove andrai per mare una volta partito?
Andrai forse alla città del ricchissimo Orcomeno,
o vicino all'isola Eea? E parlami della fanciulla
che prima hai nominato, l'illustre figlia
di Pasifae, che fu sorella a mio padre".
Disse, e anche in lui si insinuava, con le lacrime della fanciulla,
il terribile amore, e le diede questa risposta:
"No certamente, né giorno né notte io penso
di potere scordarmi di te, se scampo alla morte,
se davvero riuscirò a fuggire incolume in Grecia,
ed Eete non mi proponga qualche altra prova più dura.
Ma se a te piace avere notizie della mia patria,
te le darò: questo è anche il mio desiderio.
C'è una regione, circondata da altissimi monti,
ricca di greggi e di pascoli, dove Prometeo,
figlio di [[Giapeto]], generò il buon Deucalione,
che per primo fondò una città e innalzò templi
agli dei immortali, e per primo fu re di uomini.
Le genti vicine chiamano questa terra Tessaglia.
Qui è Iolco, la mia città, e molte altre,
dove non si è mai sentito neppure il nome
dell'isola Eea: di qui Minia è partito,
Minia il figlio di Eolo, di cui si dice
che abbia fondato Orcomeno, accanto ai Tebani.
Ma perché dirti parole vane sulla mia casa
e sulla famosissima Arianna, la figlia
di Minosse? Arianna è il fulgido nome
dell'amabile vergine di cui mi hai domandato.
Oh se allo stesso modo, come Minosse con Teseo
per lei, tuo padre accettasse di esserci amico!".
L'accarezzava così con soavi parole. Ma nel suo animo
Medea era scossa dai più crudeli tormenti,
e gli rivolse, afflitta, queste chiare parole:
"Stipulare dei patti è bello in Grecia, capisco,
ma non è uomo Eete quale tu dici che fu Minosse,
lo sposo di Pasifae, e neanch'io sono uguale ad Arianna:
perciò non parlarmi dei vincoli che legano l'ospite all'ospite.
Ma tu di me, quando sarai tornato alla terra di Iolco,
ricordati, e anch'io di te, anche contro i miei genitori
mi ricorderò, e mi verrà una voce, o un uccello
che reca messaggi, se tu mi dimenticherai;
o possano rapirmi le veloci bufere e portarmi
di là del mare, a Iolco, che io ti guardi negli occhi,
ti rimproveri e ti ricordi che fu solo per mio volere
che sei sfuggito alla morte. Oh come vorrei apparire
inattesa al tuo focolare, nella tua casa!".
Così disse, e pietose lacrime le rigavano il volto.
Il figlio di Esone le rispose: "Mia cara,
lascia che le bufere si disperdano, vuote,
lascia l'uccello che reca messaggi; è vano quello che dici.
Se tu verrai in quei luoghi, nella terra di Grecia,
avrai onore e rispetto dagli uomini
e dalle donne: ti venereranno come una dea,
poiché per opera tua faranno ritorno
i loro figli, e i fratelli, e i compagni,
e i giovani sposi scamperanno alla sventura.
Dividerai con me il letto nuziale
legittimo; e niente mai potrà separare
il nostro amore, prima che ci avvolga la morte segnata".
Così disse, e il cuore di lei si sciolse nel petto,
ma insieme si agghiacciò a vedere di fronte a sé l'azione terribile.
Infelice! Non doveva rifiutare ancora per molto
di abitare la Grecia. Così Era aveva voluto,
che la fanciulla di Eea giungesse alla sacra terra di Iolco,
per la rovina di Pelia, lasciando la terra dei padri.
Le ancelle la guardavano stando lontane,
in silenzio, turbate: ormai era l'ora
di ritornare a casa presso la madre.
Ma Medea non pensava al ritorno, l'animo invaso di gioia
per la bellezza e le sapienti parole del figlio di Esone,
se lui stesso, vigile e attento, non le diceva alla fine:
"È ora di andare, prima che ci sorprenda il tramonto del sole,
e qualche estraneo si accorga di tutto; un'altra volta
torneremo in questo luogo, e ancora ci incontreremo".
Così solo fino a quel punto tentarono l'animo l'uno dell'altra
con dolci parole, e si separarono. Il figlio di Esone
si mosse lietamente per tornare alla nave, e ai compagni,
e Medea dalle ancelle: le si fecero incontro
tutte insieme, ma lei non le vide neppure;
poiché l'anima volava alta in mezzo alle nubi.
I suoi piedi da sé la portarono sopra
il carro veloce, e prese in una mano le redini,
nell'altra la frusta: i muli corsero alla città
ed al palazzo. Al suo arrivo, le fece molte domande
Calciope, afflitta per i suoi figli; Medea, nell'angoscia
dei pensieri mutevoli, non sentiva una sola parola,
e non voleva rispondere a quelle domande.
Sedette ai piedi del letto, su un basso sgabello,
appoggiando di lato la guancia alla mano sinistra,
e fissava gli occhi umidi, pensando a quale terribile
fatto aveva deciso di dare il suo aiuto.
Quando il figlio di Esone ebbe raggiunto i compagni
dove li aveva lasciati, si mise in cammino con loro,
per arrivare dagli altri, e raccontava
ogni cosa: giunsero insieme alla nave.
Gli eroi gli fecero festa, come lo videro;
l'interrogarono, e lui a tutti rispose
sul progetto della fanciulla, e mostrò il terribile filtro.
Solo tra i compagni, Ida rimase in disparte,
masticando la bile, ma gli altri erano lieti,
e quando scese la notte scura a fermarli, tranquilli
si presero cura dei loro bisogni: poi, al levarsi del sole,
mandarono ad Eete due uomini a chiedere il seme,
il prode Telamone ed Etalide, il figlio di Ermes.
Andarono, e non fecero inutilmente la strada;
al loro arrivo Eete consegnò per la prova
i terribili denti del drago aonio, che Cadmo,
giunto in Tebe Ogigia alla ricerca di Europa,
uccise quando era a guardia della fonte di Ares;
ivi si stabilì l'eroe, condotto dalla giovenca
che il vaticinio di Apollo gli diede a guida del viaggio;
Atena, la dea Tritonide, strappò i denti dalle mascelle del drago
e li diede in dono ad Eete e all'uccisore.
Cadmo, il figlio di Agenore, li seminò nei campi d'Aonia
e ai figli del suolo (quelli che non aveva mietuto
la lancia di Ares), diede dimora in quella terra.
Gli altri Eete li fece portare ben volentieri alla nave;
non pensava che Giasone avrebbe compiuto l'impresa, neppure
se fosse riuscito a imporre il giogo ai due tori.
Il sole scendeva lontano, sotto la terra scura
ad occidente, al di là delle estreme vette d'Etiopia;
la notte aggiogava i cavalli; gli eroi preparavano
il letto accanto alle gomene. Intanto Giasone,
quando le stelle dell'Orsa fulgente furono tramontate,
e l'aria nel cielo fu tutta serena, andò nel luogo deserto,
di nascosto come un ladro, con tutto ciò che serviva:
durante il giorno aveva disposto ogni cosa.
Argo gli portò dalle greggi un'agnella e del latte,
il resto lo prese dalla nave stessa. Ma quando ebbe visto
un luogo in disparte dalle vie percorse dagli uomini,
in un prato intatto, esposto al cielo sereno,
qui, prima di tutto, lavò piamente il bel corpo
nell'acque del fiume sacro; e quindi indossò il suo mantello
nero, quello che un tempo gli aveva donato Issipile,
la regina di Lemno, in memoria del dolce legame.
Poi scavò nel terreno una fossa di un cubito,
e ammucchiata la legna, tagliò la gola all'agnella
e la distese là sopra, poi diede fuoco alla legna,
mescolò e versò le libagioni, invocando
Ecate Brimo in aiuto alle sue imprese.
Quando l'ebbe invocata, tornò indietro. La dea
tremenda l'udì e dai recessi profondi
venne a ricevere l'offerta. Il capo era cinto
di spaventosi serpenti, intrecciati con rami di quercia:
lampeggiava l'immenso bagliore delle sue fiaccole;
d'intorno ululavano con acuti latrati i cani infernali.
Tremavano tutte le erbe al suo passaggio;
diedero un grido le Ninfe delle paludi,
che danzavano sopra quei prati del Fasi Amaranzio.
Il terrore prese il figlio di Esone, e tuttavia
non si volse indietro, fino a quando fu giunto
in mezzo ai compagni. Sulle nevi del Caucaso
già sorgeva l'aurora, e diffondeva la luce.
Allora Eete si cinse al petto la salda corazza
che gli diede Ares, quando con le sue mani
ebbe ucciso Mimante di Flegra: si mise
sul capo l'elmo dorato con quattro creste,
splendente come il globo di luce del sole,
appena si leva dall'acque d'Oceano.
E poi prese lo scudo, fatto di molte pelli,
e la spada tremenda, invincibile: nessuno poteva resistervi
degli eroi, da quando lasciarono Eracle in terre lontane:
lui, lui soltanto avrebbe potuto combattere da pari a pari.
Fetonte gli portò accanto lo splendido carro
e i cavalli veloci, perché vi salisse,
ed Eete salì e prese in mano le redini.
Sull'ampia strada uscì di città per assistere
alla prova, e assieme a lui si mosse una folla infinita.
Quale, sopra il suo carro, Poseidone si reca
ai giochi dell'Istmo, o al Tenaro, o alla fonte
di Lerna, oppure al bosco di Onchesto Ianzio,
o spesso raggiunge coi suoi cavalli Calauria,
la roccia tessala, o la selvosa Geresto,
tale era l'aspetto di Eete, il signore dei Colchi.
Intanto Giasone inumidì il filtro, secondo i consigli
di Medea, e ne unse lo scudo, la grande lancia e la spada.
Accanto a lui, i compagni saggiarono le sue armi
con tutte le loro forze, ma non riuscirono
a piegare la lancia nemmeno un poco: era infrangibile,
e nelle loro mani restava rigida e ferma.
Sdegnato, Ida percosse l'impugnatura
con la grande spada, ma al colpo si ritrasse la lama,
come il martello sopra l'incudine: allora gli eroi
gridarono lieti, nella speranza della vittoria.
Poi Giasone si unse, e in lui penetrò una forza
terribile, immensa, intrepida; le sue braccia fremevano
sprigionando vigore. Come un cavallo
guerriero, desideroso d'entrare in battaglia,
salta, nitrisce, percuote il terreno, e solleva
il collo superbamente, drizzando le orecchie; così godeva
il figlio di Esone della forza delle sue membra,
e spesso balzava qua e là, brandendolo scudo
di bronzo e la lancia di frassino. L'avresti detto
un fulmine nella tempesta, che guizza nel cielo
avvolto nell'oscurità, piombando giù dalle nuvole
che stanno per rovesciare a terra la pioggia più nera.
Non erano più lontani dall'affrontare la prova;
si misero subito in ordine ai loro banchi
e s'affrettarono verso la piana di Ares.
Era dall'altra parte della città, non lontano,
quanto dista dalla partenza la meta d'una corsa sui carri,
quando alla morte del re i suoi parenti
bandiscono gare a piedi ed a cavallo.
E là trovarono Eete e la folla dei Colchi,
questi a piedi sulle pendici del Caucaso,
il re sulla riva, dove il corso del fiume si piega.
Quando i compagni ebbero attaccate le gomene,
Giasone saltò giù dalla nave e andò alla prova
con la lancia e lo scudo, e prese l'elmo lucente,
pieno dei denti aguzzi, e cinse alle spalle
la spada. Era nudo, e somigliava ad Ares in parte,
in parte ad Apollo, che porta la spada dorata.
Guardò il campo, e vide il giogo di bronzo per i tori
e l'aratro tutto d'un pezzo, fatto d'acciaio durissimo.
Si fece avanti, e piantò nel terreno la lancia possente,
dritta sull'impugnatura: depose l'elmo appoggiandolo ad essa,
e avanzò col solo scudo, cercando le mille
tracce dei tori. Ed ecco che quelli uscirono
da qualche grotta sotterranea, nascosta,
dov'erano le loro stalle, avvolti da tutte le parti
dal fumo fuligginoso, spirando fiamme di fuoco.
A vederli gli eroi tremarono: ma Giasone, ben piantato
sulle gambe, li attendeva, come lo scoglio sul mare
attende i marosi, agitati da infinite bufere.
Davanti a sé teneva lo scudo; e i tori, muggendo,
vi urtarono violentemente con le corna robuste,
ma urtando non lo spostarono nemmeno un poco.
Come i mantici di cuoio talora soffiano
nei crogioli forati, e ne divampa la fiamma
tremenda, talora smettono il soffio, e si leva
un boato, allorché il fuoco si slancia dal fondo;
così muggivano i tori soffiando dalla bocca la rapida fiamma,
e il calore investiva l'eroe come un fulmine
avvolgendolo tutto, ma lo proteggeva il filtro della fanciulla.
Afferrò per la punta del corno il toro di destra,
e tirò con ogni forza, avvicinandolo al giogo:
gli colpì con un rapido calcio lo zoccolo bronzeo,
e lo rovesciò per terra in avanti; poi l'altro,
anch'esso lo stese in ginocchio, con un solo colpo.
Depose a terra, lontano, il vasto scudo, e, ben piantato
sulle gambe, ambedue li tenne piegati
sui ginocchi anteriori e intanto le fiamme lo circondavano.
Eete stupì della forza di Giasone. Ed ecco
i due figli di Tindaro - come era stato deciso con loro -
gli si fecero accanto, presero il giogo e glielo porsero.
Lo mise bene al collo dei tori, e sollevato l'asse di bronzo
in mezzo, lo fissò subito al giogo attraverso l'anello.
Essi fuggirono fuori del fuoco, alla nave:
l'eroe riprese lo scudo e se lo mise alle spalle;
poi prese il solido elmo, pieno dei denti
aguzzi, e la potentissima lancia, e con questa
li percosse ai fianchi, come fa il contadino
col pungolo pelasgo, e saldamente reggeva
il manico dell'aratro, ben costruito in acciaio.
Dapprima i tori s'infuriarono terribilmente;
soffiavano su di lui la fiamma violenta del fuoco,
e sorse un muggito simile all'urlo dei venti,
che i marinai più temono, e ammainano la grande vela.
Ma poco dopo, obbedirono pure alla lancia
e si mossero; dietro di loro, si apriva il duro terreno,
spezzato dalla forza dei buoi e dell'aratore,
e con tremendo frastuono si rompevano lungo
i solchi le zolle, grosse come il peso di un uomo.
L'eroe seguiva, poggiando il piede saldamente all'aratro,
e gettava lontano da sé i denti man mano che arava,
voltandosi indietro, che non gli venisse già addosso la
[massa tremenda
dei nati dal suolo. E i tori avanzavano, facendo forza
sugli zoccoli bronzei, e continuavano il loro lavoro.
Quando il giorno declina, e più non ne resta
che un terzo, nell'ora che i contadini sfiniti
invocano il dolce momento di sciogliere i buoi,
allora il campo, sebbene fosse di quattro iugeri,
tutto era stato arato dall'infaticabile Giasone.
Sciolse i tori, e li spaventò, mettendoli in fuga
per la pianura; e poi, vedendo i solchi
ancora vuoti di uomini, tornò alla nave:
i compagni gli si fecero incontro, e l'incoraggiarono.
Attingendo con l'elmo la limpida acqua del fiume,
spense la sete e piegò le ginocchia per scioglierle,
e fu pieno di forze, simile ad un cinghiale
che affila le zanne contro i suoi cacciatori
e nel furore riversa una schiuma copiosa.
Ma ormai per tutto il campo fiorivano i figli
del suolo; e la piana di Ares, l'uccisore di uomini,
fu irta di solidi scudi, di lance, di elmi
brillanti: dal fondo i bagliori salivano,
attraverso l'aria, all'Olimpo. E come quando
moltissima neve è caduta sopra la terra,
e nella nera notte i venti spazzano via
le nubi invernali, e tutti insieme nel buio
compaiono gli astri lucenti; così splendevano
quelli uscendo su dal terreno. Ma Giasone
si ricordò dei consigli della sapiente Medea:
afferrò dalla pianura una grande pietra rotonda,
un disco di Ares Enialio; neppure quattro uomini forti
l'avrebbero mai sollevata dal suolo, neppure di un poco.
L'eroe la sollevò in mano e, preso lo slancio,
la gettò lontano, in mezzo ai Giganti, poi, senza paura,
si riparò dietro lo scudo. I Colchi diedero un grido,
come il grido del mare contro gli scogli acuti,
ma un muto stupore prese il re Eete al lancio del grande disco.
Quelli balzarono come cani veloci attorno alla pietra,
e urlando si uccidevano gli uni con gli altri; cadevano
sopra la madre terra, colpiti dalle proprie lance,
come i pini e le querce sconvolti dalla bufera dei venti.
E come dal cielo precipita una stella di fuoco
e illumina un solco, prodigio per chi la vede
percorrere il cielo oscuro con un baleno,
così il figlio di Esone balzò addosso ai Giganti
con la spada sguainata, e li colpiva
alla rinfusa, alcuni al ventre o sui fianchi,
<..............................................................>
quelli usciti nell'aria a metà, altri fino alle spalle,
altri levati in piedi da poco, ed altri ancora
che già correvano e s'affrettavano alla battaglia.
E come quando scoppia una lite tra due vicini e il contadino,
temendo che il suo rivale arrivi prima di lui a mietergli il campo,
afferra la falce ricurva, affilata di fresco,
e miete di tutta fretta il raccolto acerbo, e non attende
che sia maturato pienamente ai raggi del sole,
così Giasone falciava i Giganti, ed i solchi
erano pieni di sangue, come canali di acqua sorgiva.
Cadevano, quali in avanti, mordendo l'aspro terreno,
quali all'indietro, quali sui gomiti e i fianchi,
simili nella massa a mostri marini. Ed alcuni di loro,
colpiti prima di alzare il piede sopra la terra,
di quanto erano usciti nell'aria, altrettanto ricaddero,
sotto il peso delle teste ancora non solide.
E come in una vigna i germogli, sotto la pioggia violenta di Zeus,
appena fioriti rovinano a terra, spezzati dalle radici,
e se ne va con loro la fatica del contadino -
uno scoramento e un profondo dolore prende il padrone del campo
che li aveva piantati - così a questo modo
una pena pesante invase il cuore di Eete.
Tornò indietro in città, assieme ai Colchi, pensando
come al più presto poteva colpire gli eroi.
Tramontò il giorno, e Giasone aveva compiuto la prova.

[[Biblioteca:Argonautiche, Libro II|Vai al Libro II]] - [[Biblioteca:Argonautiche, Libro IV|Vai al Libro IV]] - [[Argonautiche|Torna all'Indice]]