Biblioteca:Apollodoro, Biblioteca, Libro I, Capo 05



				

				

Ade si innamorò di Persefone, e con la complicità di Zeus la rapì di nascosto. Ma la madre Demetra, con le fiaccole in mano, la cercò notte e giorno, peregrinando per la terra intera, finche venne a sapere dalla gente di Ermione che Ade l'aveva rapita. Allora, piena d'ira verso tutti gli Dèi, abbandonò il cielo, si travestì da donna comune e andò a Eleusi. Appena giunta, si sedette su quella pietra che venne poi chiamata «senza sorriso» - proprio in ricordo della sua storia -vicino al pozzo Callicoro. Poi andò da Celeo, che allora era il re di Eleusi. C'erano molte donne nella sua casa: la invitarono a sedere insieme a loro, e una vecchia, che si chiamava Iambe, con i suoi scherzi riuscì a far sorridere la Dea. È questa l'origine, si dice, di tutte quelle burle irriverenti delle donne nella festa delle Tesmoforie.
Metanira, la sposa di Celeo, aveva un bambino, e lo diede da allevare a Demetra. La Dea voleva renderlo immortale; così, di notte, lo gettava nel fuoco, per spogliarlo dal suo corpo mortale. Di giorno, poi, Demofonte - così si chiamava il bambino - cresceva in maniera prodigiosa: ma Metanira spiò tutta la scena, vide che il bambino stava bruciando nel fuoco e si mise a gridare. Così Demofonte fu consumato dal fuoco, e la Dea si rivelò. E a Trittolemo, il figlio maggiore di Metanira, essa diede un carro guidato da draghi alati, e gli affidò il frumento, perché dall'alto del cielo lo spargesse su tutta la terra abitata. Paniassi sostiene che Trittolemo fosse figlio di Eleusi, e che proprio presso quest'ultimo la Dea avesse alloggiato. Ferecide, invece, dice che era figlio di Oceano e Gea.
Zeus ordinò ad Ade di rimandare Core sulla terra. Ma Ade, perché la fanciulla non restasse troppo tempo presso la madre, le diede da mangiare un chicco di melagrana. Core, del tutto ignara delle conseguenze, lo inghiottì. Ascalafo, il figlio di Acheronte e Gorgira, la vide, e fece la spia: e Demetra gli gettò sopra un masso pesantissimo, là nell'Ade. Ma da allora Persefone deve rimanere con Ade un terzo dell'anno, e il resto può stare insieme agli altri Dèi. Questa è la storia di Demetra.