Bherunda

Versione del 22 mar 2020 alle 17:37 di Ilcrepuscolo (discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Indo-Iranica
Continente: Asia
Area: Asia Meridionale
Paese: India
Popolo/Regione: Hindu
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Creature Fantastiche
Sottotipologia: Animali
Specificità: Uccelli
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Animale
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Neutrale
Elemento: Aria
Habitat: Cielo
Tematiche: Policefalia

Figlio di Jatayu, a sua volta figlio di Garuda, è un uccello mostruoso con due teste, di taglia gigantesca come i suoi ascendenti. È così potente da poter volare portando degli elefanti stretti tra le zampe. In un affresco che si trova a Keladi, è raffigurato con un elefante nel becco ed uno in ogni zampa. Si racconta che Vishnu abbia assunto la forma di Bherunda per eliminare Sarabha, che a sua volta era stato incaricato di uccidere una delle incarnazioni dello stesso Vishnu, Narasimha.
Si tratta, dunque, di un circolo vizioso, in cui è necessario pensare ogni volta ad un essere più potente per sconfìggere il precedente. È tuttavia indubbio che questo essere rappresentasse per lo più solo una incarnazione astratta della forza: lo troviamo infatti con una certa frequenza nell'India meridionale, con le funzioni di colonna portante o cariatide. Nel Pancatantra troviamo l'accenno ad un uccello Bherunda, che sembra differenziarsi da quello descritto fin qui. Esso ha sempre due teste, ma le sue due bocche sono una malefica e l'altra benefica; la prima non esita a mangiare frutti velenosi, anche se scongiurata e messa in guardia dall'altra, e quindi l'uccello muore.