Bagiennik

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Alkonost01.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Femmina
 +
|sezione=Mitologia Slava
 +
|continente=Europa
 +
|area=Europa dell'Est
 +
|paese=Polonia
 +
|origine=Slavi occidentali
 +
|tipologia=Creature Fantastiche
 +
|sottotipologia=Esseri Intermediari
 +
|specificità=Elementali
 +
|indole=Malevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=Acqua
 +
|habitat=Fiumi
 +
|ambiti=-
 +
}}
 +
Bagiennik è il nome dato ai demoni dell'acqua nella mitologia slava.  
Bagiennik è il nome dato ai demoni dell'acqua nella mitologia slava.  
<br>Erano in grado di schizzare una sostanza viscida e oleosa dalle narici poste in mezzo agli occhi o sulla fronte. Questa sostanza era talmente calda da bruciare chi ne veniva colpito, ma si diceva anche che possedesse delle incredibii proprietà guaritrici per reumatismi, ferite profonde, indigestione, malattie del cuore e persino infertilità. La presenza dei bagiennik poteva essere riconosciuta dalle bolle sulla superficie dell'acqua o dal fatto che questa diventava improvvisamente scura e melmosa per poi ritornare subito limpida e tranquilla. Il dio dei bagiennik è [[Wada]], Signora dei laghi e dei corsi d'acqua torbidi e poco profondi, conosciuta anche come la Regina dei prati subacquei.
<br>Erano in grado di schizzare una sostanza viscida e oleosa dalle narici poste in mezzo agli occhi o sulla fronte. Questa sostanza era talmente calda da bruciare chi ne veniva colpito, ma si diceva anche che possedesse delle incredibii proprietà guaritrici per reumatismi, ferite profonde, indigestione, malattie del cuore e persino infertilità. La presenza dei bagiennik poteva essere riconosciuta dalle bolle sulla superficie dell'acqua o dal fatto che questa diventava improvvisamente scura e melmosa per poi ritornare subito limpida e tranquilla. Il dio dei bagiennik è [[Wada]], Signora dei laghi e dei corsi d'acqua torbidi e poco profondi, conosciuta anche come la Regina dei prati subacquei.
Riga 8: Riga 33:
[[Categoria:Europa]]
[[Categoria:Europa]]
[[Categoria:Europa dell'Est]]
[[Categoria:Europa dell'Est]]
-
[[Categoria:Esseri Intermediari]]
 
[[Categoria:Demoni]]
[[Categoria:Demoni]]
[[Categoria:Creature Fantastiche]]
[[Categoria:Creature Fantastiche]]
[[Categoria:Esseri Intermediari]]
[[Categoria:Esseri Intermediari]]
[[Categoria:Elementali]]
[[Categoria:Elementali]]
-
[[Categoria:Elemento: Acqua]]
 
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
[[Categoria:Indole: Malevola]]
[[Categoria:Indole: Malevola]]

Versione del 16:40, 7 dic 2019

SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Femmina
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Slava
Continente: Europa
Area: Europa dell'Est
Paese: Polonia
Popolo/Regione: Slavi occidentali
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Creature Fantastiche
Sottotipologia: Esseri Intermediari
Specificità: Elementali
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Malevola
Elemento: Acqua
Habitat: Fiumi
Tematiche: -

Bagiennik è il nome dato ai demoni dell'acqua nella mitologia slava.
Erano in grado di schizzare una sostanza viscida e oleosa dalle narici poste in mezzo agli occhi o sulla fronte. Questa sostanza era talmente calda da bruciare chi ne veniva colpito, ma si diceva anche che possedesse delle incredibii proprietà guaritrici per reumatismi, ferite profonde, indigestione, malattie del cuore e persino infertilità. La presenza dei bagiennik poteva essere riconosciuta dalle bolle sulla superficie dell'acqua o dal fatto che questa diventava improvvisamente scura e melmosa per poi ritornare subito limpida e tranquilla. Il dio dei bagiennik è Wada, Signora dei laghi e dei corsi d'acqua torbidi e poco profondi, conosciuta anche come la Regina dei prati subacquei.

Habitat

Queste creature vivevano rintanate nelle profondità di laghi e fiumi. Talvolta potevano essere scorte in stagni e paludi, quando mettevano la testa fuori della superficie dell'acqua per respirare e per vedere cosa succedeva nei dintorni.