Atamante (1)

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
m (Sostituzione testo - 'Categoria:Sovrani' con 'Categoria:Nobili Categoria:Sovrani')
Versione corrente (17:07, 12 nov 2019) (modifica) (annulla)
 
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Umani
 +
|sottotipologia=Nobili
 +
|specificità=Sovrani
 +
|indole=Benevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=-
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=[[Elenchi:Infanticidio|Infanticidio]], [[Elenchi:Pazzia|Pazzia]]
 +
}}
 +
Figlio di [[Eolo (2)|Eolo]] e di [[Enarete]], re di [[Orcomeno]], separatosi dalla moglie [[Nefele]], dalla quale aveva avuto due figli, [[Frisso]] ed [[Elle]], sposò [[Ino]] che, con amare calunnie, cercò in tutti i modi di indurre Atamante a sacrificare i figli avuti da [[Nefele]]. Avuto sentore di quanto si tramava ai loro danni, [[Frisso]] e [[Elle]] partirono verso la [[Colchide]], cavalcando il mitico montone dal [[Vello d'oro]], ma lungo il viaggio [[Elle]] cadde ed annegò nel tratto di mare che prese il nome di [[Ellesponto]] in onore della ragazza. Intanto [[Era]], indignata per quanto accaduto, mise Atamante a conoscenza delle trame ordite dalla moglie per renderlo patricida. Il re, che era stato reso folle da [[Era]], spiaccicò il primogenito [[Learco]] contro un muro e rincorse selvaggiamente la moglie e l'altro figlio [[Melicerte]], sino alla riva del mare dove i due precipitarono ed annegarono entrambi. [[Afrodite]], impietositasi, pregò [[Poseidone]] di collocare la donna e il bambino tra gli dèi marini, dando a [[Ino]] il nome di [[Leucotoe]] (dai Romani fu chiamata [[Matuta]]) ed al figlio quello di [[Palemone]] (chiamato [[Portuno]] a Roma).  In seguito Atamante sposò [[Temisto]], dalla quale ebbe due coppie di gemelli. Ad Atamante spettò la sorte di essere mutato in fiume. Secondo una tradizione designò [[Alianto]] a succedergli sul trono.
Figlio di [[Eolo (2)|Eolo]] e di [[Enarete]], re di [[Orcomeno]], separatosi dalla moglie [[Nefele]], dalla quale aveva avuto due figli, [[Frisso]] ed [[Elle]], sposò [[Ino]] che, con amare calunnie, cercò in tutti i modi di indurre Atamante a sacrificare i figli avuti da [[Nefele]]. Avuto sentore di quanto si tramava ai loro danni, [[Frisso]] e [[Elle]] partirono verso la [[Colchide]], cavalcando il mitico montone dal [[Vello d'oro]], ma lungo il viaggio [[Elle]] cadde ed annegò nel tratto di mare che prese il nome di [[Ellesponto]] in onore della ragazza. Intanto [[Era]], indignata per quanto accaduto, mise Atamante a conoscenza delle trame ordite dalla moglie per renderlo patricida. Il re, che era stato reso folle da [[Era]], spiaccicò il primogenito [[Learco]] contro un muro e rincorse selvaggiamente la moglie e l'altro figlio [[Melicerte]], sino alla riva del mare dove i due precipitarono ed annegarono entrambi. [[Afrodite]], impietositasi, pregò [[Poseidone]] di collocare la donna e il bambino tra gli dèi marini, dando a [[Ino]] il nome di [[Leucotoe]] (dai Romani fu chiamata [[Matuta]]) ed al figlio quello di [[Palemone]] (chiamato [[Portuno]] a Roma).  In seguito Atamante sposò [[Temisto]], dalla quale ebbe due coppie di gemelli. Ad Atamante spettò la sorte di essere mutato in fiume. Secondo una tradizione designò [[Alianto]] a succedergli sul trono.
Riga 24: Riga 49:
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
-
[[Categoria:Indole: Non specificato]]
+
[[Categoria:Indole: Benevola]]

Versione corrente

SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Nobili
Specificità: Sovrani
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: Infanticidio, Pazzia

Figlio di Eolo e di Enarete, re di Orcomeno, separatosi dalla moglie Nefele, dalla quale aveva avuto due figli, Frisso ed Elle, sposò Ino che, con amare calunnie, cercò in tutti i modi di indurre Atamante a sacrificare i figli avuti da Nefele. Avuto sentore di quanto si tramava ai loro danni, Frisso e Elle partirono verso la Colchide, cavalcando il mitico montone dal Vello d'oro, ma lungo il viaggio Elle cadde ed annegò nel tratto di mare che prese il nome di Ellesponto in onore della ragazza. Intanto Era, indignata per quanto accaduto, mise Atamante a conoscenza delle trame ordite dalla moglie per renderlo patricida. Il re, che era stato reso folle da Era, spiaccicò il primogenito Learco contro un muro e rincorse selvaggiamente la moglie e l'altro figlio Melicerte, sino alla riva del mare dove i due precipitarono ed annegarono entrambi. Afrodite, impietositasi, pregò Poseidone di collocare la donna e il bambino tra gli dèi marini, dando a Ino il nome di Leucotoe (dai Romani fu chiamata Matuta) ed al figlio quello di Palemone (chiamato Portuno a Roma). In seguito Atamante sposò Temisto, dalla quale ebbe due coppie di gemelli. Ad Atamante spettò la sorte di essere mutato in fiume. Secondo una tradizione designò Alianto a succedergli sul trono.

Indice

[modifica] Bibliografia

[modifica] Fonti Antiche

  • Ovidio, Metamorfosi

[modifica] Riferimenti letterari

[modifica] La figura di Atamante nella letteratura postclassica

  • Dante, Commedia, Inf. XXX, 7-12. Dante ricorda l'uccisione di Learco da parte di Atamante come esempio di pazzia.