Artemide

Versione del 2 lug 2020 alle 19:32 di Ilcrepuscolo (discussione | contributi) (Sostituzione testo - "==Epiteti==" con "==EPITETI==")
SCHEDA
Artemide01.png
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Femmina
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Greca
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Sottotipologia: Divinità delle Attività
Specificità: Divinità della Caccia
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: Cerva, Cane, Cinghiale, Lupo
Piante: Alloro, Cedro, Ulivo
Altri attributi: Arco, Faretra, Corona
CARATTERI
Indole: Neutrale
Elemento: Terra
Habitat: Bosco
Tematiche: Caccia

Figlia di Zeus e di Leto, sorella gemella di Apollo, dea della caccia. Vergine cacciatrice, inseguiva, cone le sue ninfe, le fiere nei boschi. Fu identificata con Ecate, dea lunare.

Amori

Artemide, pur essendo refrattaria ai legami stabili, si innamorò di un pastore bellissimo, Endimione, che pascolava le greggi sul monte Latmo: ella scendeva ogni notte nella caverna dove il pastore dormiva, per sorvegliarlo e le bastava guardarlo e stargli vicino in silenzio.

Iconografia

Artemide era rappresentata come una giovane dal viso delicato e bellissimo, con l'arco e la faretra e con la veste corta; per la sua qualità di dea della Luna aveva sul capo una corona di stelle o, più spesso, una falce di luna.

EPITETI

Attributi

Le erano sacri tra gli animali, la cerva, il cane, il cinghiale e il lupo; tra le piante, l'alloro, il cedro e l'ulivo.

CULTO

In Tauride si adorava un'Artemide Tauria, che nei tempi antichi pretendeva sacrifici umani. Basti ricordare Agamennone che dovette sacrificare a questa dea sua figlia Ifigenia, perché la sua flotta potesse partire per la Troade. Ebbe particolare culto a Efeso, dove veniva rappresentata con dieci mammelle.

Personaggi simili

Presso i Romani era venerata col nome di Diana.

BIBLIOGRAFIA

Fonti antiche

Per visualizzare le fonti antiche su Artemide vai a FontiAntiche:Artemide

Fonti moderne

Per visualizzare le fonti moderne su Artemide vai a FontiModerne:Artemide

Museo