Ares

Versione del 2 lug 2020 alle 21:34 di Ilcrepuscolo (discussione | contributi) (Sostituzione testo - "==Personaggi simili==" con "==PERSONAGGI SIMILI==")
SCHEDA
-
IDENTITÀ
Nome orig.: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
Genitori: [[{{{padre1}}}]] e [[{{{madre1}}}]]
oppure [[{{{padre2}}}]] e [[{{{madre2}}}]]
oppure [[{{{padre3}}}]] e {{{madre3}}}
oppure {{{padre4}}} e {{{madre4}}}
Fratelli/Sorelle:
Fratellastri e/o
Sorellastre:
{{{consorte}}} {{{figlio}}}
[[{{{consorte1}}}]]
[[{{{consorte2}}}]]
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Regione: [[{{{regione}}}]]
Provincia: [[{{{provincia}}}]]
Città: [[{{{citta}}}]]
Origine: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Sottotipologia: Divinità delle Attività
Specificità: Divinità della Guerra
Subspecifica: -
CARATTERI
Aspetto: Antropomorfo
Indole: Malevola
Elemento: Non specificato
Habitat: Cielo
ATTRIBUTI
Fisici
Animali
Vegetali
Minerali
Alimenti
Colori
Numeri
Armi
Abbigliamento
Altri
Personaggi
TEMATICHE

Figlio di Zeus e di Era. Dio della guerra, turbolento e litigioso, rappresentava più la violenza che l'eroismo ed il coraggio. Nella guerra tra Greci e Troiani egli partecipò a fianco di quest'ultimi senza un motivo ben preciso. Ares è l'unico dio che, in una lotta con altri dèi, viene atterrato e giusto ad Atena spetta questo compito, anch'essa dea della guerra (ma ne incarna l'eroismo intelligente). Anche i compagni di Ares sono piuttosto antipatici: Eris la discordia, Deimos il terrore e Fobos la Paura, gli ultimi due sono addirittura figli suoi e di Afrodite. Ebbe da Afrodite altri figli più simpatici: Eros, Anteros ed Armonia. In unione con donne mortali generò semidei perlopiù violenti, come Cicno e Diomede.

Il culto

Il culto di Ares era originario della Tracia, si diffuse pure in Grecia senza però diventare molto popolare tranne che a Sparta e a Tebe, i Greci erano abbastanza raffinati per gradire un dio così irrazionale e demoniaco. Ad Atene aveva consacrato soltanto l'Areopago (vedi Euripide, Ifigenia in Tauride 945 ss) che era il tribunale supremo.

ATTRIBUTI

Gli animali a lui sacri erano il cane e l'avvoltoio e i suoi attributi la fiaccola e la lancia.

PERSONAGGI SIMILI

I Romani lo identificarono, anche se non totalmente, col loro dio Marte.

EPITETI

BIBLIOGRAFIA

Fonti Antiche


Fonti Moderne


Titolo Autore Anno
Dizionario di Mitologia Ferrari, Anna 1999
Dizionario di Mitologia Classica. Dèi, eroi, feste Biondetti, Luisa 1997

MUSEO