Modifica di Ao Ping

Attenzione: non hai effettuato l'accesso. Se effettuerai delle modifiche il tuo indirizzo IP sarà visibile pubblicamente. Se accedi o crei un'utenza, le tue modifiche saranno attribuite al tuo nome utente, insieme ad altri benefici.

Questa modifica può essere annullata. Controlla le differenze mostrate sotto fra le due versioni per essere certo che il contenuto corrisponda a quanto desiderato, e quindi salvare le modifiche per completare la procedura di annullamento.
Versione attuale Il tuo testo
Riga 1: Riga 1:
{{Voce
+
Figlio del re-drago [[Ao kuang]], abitante del mare Orientale. Verso il XII secolo fu ucciso in un duello dal figlio di un generale dell'ultimo degli imperatori della Dinastia Yìn. Questo eroe, [[No-cha]], felice di aver ucciso il drago, con i suoi tendini si fece una cinghia. Allora il padre [[Ao-kuang]], offeso per l'affronto fatto ad un appartenente alla razza degli esseri superiori, sfidò [[No-cha]] alla lotta. Tuttavia anch'egli dovette soccombere, e fu costretto, per aver salva la vita, a trasformarsi in un serpentello azzurro che in seguito Nocha teneva sempre nascosto nelle sue larghe maniche.
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 
|nome originale=-
 
|altri nomi=-
 
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 
|etimo=-
 
|sesso=Maschio
 
|sezione=Mitologia Orientale
 
|continente=Asia
 
|area=Estremo Oriente
 
|paese=Cina
 
|origine=Cinesi
 
|tipologia=Creature Fantastiche
 
|sottotipologia=Animali
 
|specificità=Rettili
 
|sub=Draghi
 
|indole=Malevola
 
|aspetto=Animale
 
|animali=-
 
|piante=-
 
|attributi=-
 
|elemento=Terra
 
|habitat=-
 
|ambiti=-
 
}}
 
  
Figlio del re-drago [[Ao-kuang]], abitante del mare Orientale. Verso il XII secolo fu ucciso in un duello dal figlio di un generale dell'ultimo degli imperatori della Dinastia Yìn. Questo eroe, [[No-cha]], felice di aver ucciso il drago, con i suoi tendini si fece una cinghia. Allora il padre [[Ao-kuang]], offeso per l'affronto fatto ad un appartenente alla razza degli esseri superiori, sfidò [[No-cha]] alla lotta. Tuttavia anch'egli dovette soccombere, e fu costretto, per aver salva la vita, a trasformarsi in un serpentello azzurro che in seguito No-cha teneva sempre nascosto nelle sue larghe maniche.
 
 
[[Categoria:Mitologia Orientale]]
 
 
[[Categoria:Mitologia Cinese]]
 
[[Categoria:Mitologia Cinese]]
[[Categoria:Asia]]
 
[[Categoria:Estremo Oriente]]
 
[[Categoria:Cina]]
 
[[Categoria:Creature Fantastiche]]
 
[[Categoria:Animali]]
 
[[Categoria:Rettili]]
 
[[Categoria:Draghi]]
 
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 
[[Categoria:Aspetto: Animale]]
 
[[Categoria:Indole: Malevola]]
 
[[Categoria:Elemento: Terra]]
 
[[Categoria:Habitat: Non specificato]]
 
[[Categoria:Mostri]]
 

Per favore tieni presente che tutti i contributi a Il Crepuscolo degli Dèi possono essere modificati, stravolti o cancellati da altri contributori. Se non vuoi che i tuoi testi possano essere alterati, allora non inserirli.
Inviando il testo dichiari inoltre, sotto tua responsabilità, che è stato scritto da te personalmente oppure è stato copiato da una fonte di pubblico dominio o similarmente libera (vedi Il Crepuscolo degli Dèi:Copyright per maggiori dettagli). Non inviare materiale protetto da copyright senza autorizzazione!

Annulla Guida (si apre in una nuova finestra)

Template utilizzato in questa pagina: