Differenze tra le versioni di "Antimaco (1)"

Riga 1: Riga 1:
Vecchio troiano, di nobile famiglia, e uno dei consiglieri di [[Priamo]]; era caratterizzato da fortissimi sentimenti antiachei che trasmise ai suoi due figli [[Pisandro]] e [[Ippoloco (3)|Ippoloco]], amici di [[Paride]]. Fu proprio Antimaco che insieme al principe troiano si oppose alla restituzione di [[Elena]], e riuscì a convincere il re a resistere in armi contro i Greci, sostenendo anche dopo lo scoppio della guerra la contrarietà ad ogni soluzione pacifica delle ostilità. Per questa ragione [[Agamennone]] gli trucidò i due figli, allorché vennero fatti suoi prigionieri.  
+
Vecchio troiano, di nobile famiglia, e uno dei consiglieri di [[Priamo]]; era caratterizzato da fortissimi sentimenti antiachei che trasmise ai suoi due figli [[Pisandro]] e [[Ippoloco (3)|Ippoloco]], amici di [[Paride]]. Fu proprio Antimaco che insieme al principe troiano si oppose alla restituzione di [[Elena]], e riuscì a convincere il re a resistere in armi contro i Greci, sostenendo anche dopo lo scoppio della guerra la contrarietà ad ogni soluzione pacifica delle ostilità. Per questa ragione [[Agamennone]] gli trucidò i due figli, allorché vennero fatti suoi prigionieri.  
  
 
== Fonti ==
 
== Fonti ==
Riga 11: Riga 11:
 
[[Categoria:Nobili]]
 
[[Categoria:Nobili]]
 
[[Categoria:Cortigiani]]
 
[[Categoria:Cortigiani]]
 +
[[Categoria:Umani]]
 +
[[Categoria:Sesso:Maschio]]
 +
[[Categoria:Indole:Malvagia]]
 +
[[Categoria:Aspetto:Antropomorfo]]

Versione delle 09:13, 2 nov 2011

Vecchio troiano, di nobile famiglia, e uno dei consiglieri di Priamo; era caratterizzato da fortissimi sentimenti antiachei che trasmise ai suoi due figli Pisandro e Ippoloco, amici di Paride. Fu proprio Antimaco che insieme al principe troiano si oppose alla restituzione di Elena, e riuscì a convincere il re a resistere in armi contro i Greci, sostenendo anche dopo lo scoppio della guerra la contrarietà ad ogni soluzione pacifica delle ostilità. Per questa ragione Agamennone gli trucidò i due figli, allorché vennero fatti suoi prigionieri.

Fonti