Differenze tra le versioni di "Antenore"

Riga 1: Riga 1:
Troiano tra i più saggi. Accolse in casa sua [[Menelao]] e [[Ulisse]] quando vennero ambasciatori a Troia e consigliò la restituzione di [[Elena]]. Ebbe un gran numero di figli (almeno venti), tutti maschi, che presero parte alla difesa di Troia, battendosi con passione; parecchi furono quelli che vi trovarono la morte. Si narrava che Antenore si fosse messo d'accordo con [[Agamennone]] per tradire la patria, e perciò la sua casa sarebbe stata risparmiata nell'incendio della città. In ogni caso egli riuscì a metersi in salvo con la moglie Teano e i pochi figli superstiti. Dopo la distruzione di [[Troia]], sarebbe andato in Libia, secondo altri avrebbe invece fondato Padova.
+
Troiano tra i più saggi. Accolse in casa sua [[Menelao]] e [[Ulisse]] quando vennero ambasciatori a Troia e consigliò la restituzione di [[Elena]]. Ebbe un gran numero di figli (almeno venti), tutti maschi, che presero parte alla difesa di Troia, battendosi con passione; parecchi furono quelli che vi trovarono la morte. Si narrava che Antenore si fosse messo d'accordo con [[Agamennone]] per tradire la patria, e perciò la sua casa sarebbe stata risparmiata nell'incendio della città. In ogni caso egli riuscì a mettersi in salvo con la moglie Teano e i pochi figli superstiti. Dopo la distruzione di [[Troia]], sarebbe andato in Libia, secondo altri avrebbe invece fondato Padova.
  
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]

Versione delle 21:21, 17 set 2010

Troiano tra i più saggi. Accolse in casa sua Menelao e Ulisse quando vennero ambasciatori a Troia e consigliò la restituzione di Elena. Ebbe un gran numero di figli (almeno venti), tutti maschi, che presero parte alla difesa di Troia, battendosi con passione; parecchi furono quelli che vi trovarono la morte. Si narrava che Antenore si fosse messo d'accordo con Agamennone per tradire la patria, e perciò la sua casa sarebbe stata risparmiata nell'incendio della città. In ogni caso egli riuscì a mettersi in salvo con la moglie Teano e i pochi figli superstiti. Dopo la distruzione di Troia, sarebbe andato in Libia, secondo altri avrebbe invece fondato Padova.