Anfotero



				

				

Figlio di Alcmeone e della naiade Calliroe. Insieme al fratello Acarnano, per intercessione della madre, ottenne da Zeus il prodigio di diventare subito adulto per vendicare la morte del padre, ucciso dai fratelli di Alfesibea. Alcmeone aveva tolto ad Alfesibea un monile, rubato da costui alla propria madre Erifile dopo averla uccisa, per farne dono a Calliroe. Acarnano ed Anfotero uccisero i fratelli di Alfesibea e consacrarono ad Apollo il fatale monile.