Differenze tra le versioni di "Anfimedonte (1)"

m (Sostituzione testo - "==Bibliografia==" con "==BIBLIOGRAFIA==")
 
(Una versione intermedia di uno stesso utente non è mostrata)
Riga 14: Riga 14:
 
|sottotipologia=Nobili
 
|sottotipologia=Nobili
 
|specificità=-
 
|specificità=-
 +
|sub=-
 
|indole=Malevola
 
|indole=Malevola
 
|aspetto=Antropomorfo
 
|aspetto=Antropomorfo
Riga 26: Riga 27:
 
Uno dei [[Proci]]. Durante la strage dei prentendenti fu uno dei pochissimi che tenne testa a [[Ulisse]] e [[Telemaco]], ferendo lievemente quest'ultimo con una lancia; ma [[Telemaco]], dopo essersi ripreso, lo uccise. Quando la sua anima entrò nell'Ade, incontrò quella di [[Agamennone]], che era stato amico di suo padre, e gli raccontò la propria morte e quella degli altri pretendenti.
 
Uno dei [[Proci]]. Durante la strage dei prentendenti fu uno dei pochissimi che tenne testa a [[Ulisse]] e [[Telemaco]], ferendo lievemente quest'ultimo con una lancia; ma [[Telemaco]], dopo essersi ripreso, lo uccise. Quando la sua anima entrò nell'Ade, incontrò quella di [[Agamennone]], che era stato amico di suo padre, e gli raccontò la propria morte e quella degli altri pretendenti.
  
==Bibliografia==
+
==BIBLIOGRAFIA==
 
===Fonti antiche===
 
===Fonti antiche===
 
*[[Omero]], [[Odissea]]
 
*[[Omero]], [[Odissea]]

Versione attuale delle 20:37, 2 lug 2020

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Nobili
Specificità: -
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Malevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: -

Uno dei Proci. Durante la strage dei prentendenti fu uno dei pochissimi che tenne testa a Ulisse e Telemaco, ferendo lievemente quest'ultimo con una lancia; ma Telemaco, dopo essersi ripreso, lo uccise. Quando la sua anima entrò nell'Ade, incontrò quella di Agamennone, che era stato amico di suo padre, e gli raccontò la propria morte e quella degli altri pretendenti.

BIBLIOGRAFIA[modifica]

Fonti antiche[modifica]