Amyctyrae

Versione del 22 mar 2020 alle 20:00 di Ilcrepuscolo (discussione | contributi) (Sostituzione testo - '|specificità=Popoli Favolosi' con '|specificità=Popoli Favolosi |sub=-')
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Medievale
Continente: Europa
Area: -
Paese: -
Popolo/Regione: Bestiari
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Creature Fantastiche
Sottotipologia: Umanoidi
Specificità: Popoli Favolosi
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Neutrale
Elemento: Terra
Habitat: -
Tematiche: -

Letteralmente "senza narici". È uno dei meno noti tra i popoli mostruosi, caratterizzato dall'avere un labbro, indifferentemente il superiore o l'inferiore, così sviluppato da poter essere usato come ombrello per il sole. Si tratta inoltre di una popolazione molto primitiva che si nutre solo di alimenti crudi. Non è chiara la ragione del loro nome, ne la cosa diviene più trasparente accettando il suggerimento di Friedman che esso significhi "scontrosi".

Interpretazione[modifica]

Una illustrazione del Liber Chronicarum di Schedel, ci mostra gli amyctirae con una deformazione labiale che ne ricorda certe indotte artificialmente presso alcune tribù africane, tramite l'introduzione nel labbro di un disco di diametro via via più largo. Questa realtà etnologica potrebbe essere all'origine della leggenda.