Amaterasu

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Femmina
 +
|sezione=Mitologia Orientale
 +
|continente=Asia
 +
|area=Estremo Oriente
 +
|paese=Giappone
 +
|origine=Shintoisi
 +
|tipologia=Divinità
 +
|sottotipologia=Divinità Superne
 +
|specificità=Divinità del Sole
 +
|indole=Benevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=Fuoco
 +
|habitat=Cielo
 +
|ambiti=[[Elenchi:Sole|Sole]]
 +
}}
 +
 +
Figlia di [[Izanagi]] e di [[Izanami]], dea del sole e progenitrice degli imperatori Giapponesi. Il nome completo e Amaterasu-o-mi-kami. Si dice che Amaterasu litigò col fratello [[Susano-o]] dio della tempesta. Stando uno da una parte e l'una dall'altra si insultavano, dalla loro rabbia nacquero altre divinità che furono causa di ulteriori liti. Non potendone più della insolenza del fratello, Amaterasu si nascose in una grotta portando con se il sole lasciando così il mondo nell'oscurità. Gli dei cercarono di rabbonirla facendogli dono di uno specchio, una collana e delle stoffe, ma non ottennero nessun risultato. Allora gli mandarono [[Amano-Uzume]], dea del riso e della danza; la dea si mise a ballare allegramente davanti alla grotta, incuriosita la dea uscì e così il sole tornò a splendere sulla terra. [[Susano-o]] fu bandito in esilio a [[Izumo]], dove sposò una fanciulla che stava per essere sacrificata ad un drago. I loro discendenti regnarono in Giappone finché non furono sottomessi dai discendenti di Amaterasu.
Figlia di [[Izanagi]] e di [[Izanami]], dea del sole e progenitrice degli imperatori Giapponesi. Il nome completo e Amaterasu-o-mi-kami. Si dice che Amaterasu litigò col fratello [[Susano-o]] dio della tempesta. Stando uno da una parte e l'una dall'altra si insultavano, dalla loro rabbia nacquero altre divinità che furono causa di ulteriori liti. Non potendone più della insolenza del fratello, Amaterasu si nascose in una grotta portando con se il sole lasciando così il mondo nell'oscurità. Gli dei cercarono di rabbonirla facendogli dono di uno specchio, una collana e delle stoffe, ma non ottennero nessun risultato. Allora gli mandarono [[Amano-Uzume]], dea del riso e della danza; la dea si mise a ballare allegramente davanti alla grotta, incuriosita la dea uscì e così il sole tornò a splendere sulla terra. [[Susano-o]] fu bandito in esilio a [[Izumo]], dove sposò una fanciulla che stava per essere sacrificata ad un drago. I loro discendenti regnarono in Giappone finché non furono sottomessi dai discendenti di Amaterasu.

Versione del 16:47, 30 dic 2019

SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Femmina
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Orientale
Continente: Asia
Area: Estremo Oriente
Paese: Giappone
Popolo/Regione: Shintoisi
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Sottotipologia: Divinità Superne
Specificità: Divinità del Sole
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: Fuoco
Habitat: Cielo
Tematiche: Sole


Figlia di Izanagi e di Izanami, dea del sole e progenitrice degli imperatori Giapponesi. Il nome completo e Amaterasu-o-mi-kami. Si dice che Amaterasu litigò col fratello Susano-o dio della tempesta. Stando uno da una parte e l'una dall'altra si insultavano, dalla loro rabbia nacquero altre divinità che furono causa di ulteriori liti. Non potendone più della insolenza del fratello, Amaterasu si nascose in una grotta portando con se il sole lasciando così il mondo nell'oscurità. Gli dei cercarono di rabbonirla facendogli dono di uno specchio, una collana e delle stoffe, ma non ottennero nessun risultato. Allora gli mandarono Amano-Uzume, dea del riso e della danza; la dea si mise a ballare allegramente davanti alla grotta, incuriosita la dea uscì e così il sole tornò a splendere sulla terra. Susano-o fu bandito in esilio a Izumo, dove sposò una fanciulla che stava per essere sacrificata ad un drago. I loro discendenti regnarono in Giappone finché non furono sottomessi dai discendenti di Amaterasu.