Modifica di Aleandra

Attenzione: non hai effettuato l'accesso. Se effettuerai delle modifiche il tuo indirizzo IP sarà visibile pubblicamente. Se accedi o crei un'utenza, le tue modifiche saranno attribuite al tuo nome utente, insieme ad altri benefici.

Questa modifica può essere annullata. Controlla le differenze mostrate sotto fra le due versioni per essere certo che il contenuto corrisponda a quanto desiderato, e quindi salvare le modifiche per completare la procedura di annullamento.
Versione attuale Il tuo testo
Riga 1: Riga 1:
{{Itinerari
 
|anagrafica= SCHEDA
 
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|200px]]
 
|sezione=Itinerari Arcani
 
|tipologia=Luoghi Infestati
 
|origine=Italia
 
|regione=Lazio
 
|ambiti=Fantasmi
 
}}
 
 
 
Una tipica forma di [[succubus]] è il fantasma di Aleandra che appare nel castello abbandonato di Vicalvi (Frosinone). Si tratta d'una giovane donna che vaga discinta per le mura diroccate: se incontra un uomo che le piace lo invita a seguirla con sorrisi e ammiccamenti seducenti fino a portarlo in un recesso scuro dove lo seduce passando con lui ore di piacere, finché il suo corpo comincia a svanire lasciando tra le braccia del malcapitato una voluta evanescente di nebbia gelida che provoca terrore e sgomento.
 
Una tipica forma di [[succubus]] è il fantasma di Aleandra che appare nel castello abbandonato di Vicalvi (Frosinone). Si tratta d'una giovane donna che vaga discinta per le mura diroccate: se incontra un uomo che le piace lo invita a seguirla con sorrisi e ammiccamenti seducenti fino a portarlo in un recesso scuro dove lo seduce passando con lui ore di piacere, finché il suo corpo comincia a svanire lasciando tra le braccia del malcapitato una voluta evanescente di nebbia gelida che provoca terrore e sgomento.
 
<br>Si vuole che sia l'ombra di Aleandra Maddaloni, moglie del signore del luogo, vissuta nel XVIII secolo. Donna straordinariamente bella e viziosa seduceva tutti i giovani che le piacevano invitandoli nel castello quando lo sposo era assente. Ottenuto quanto desiderava li faceva morire in un profondissimo pozzo aiutata da un fidato servitore. Siccome, in assenza del marito i giovani continuavano a sparire, i contadini sospettosi, la denunciarono segretamente al consorte.
 
<br>Si vuole che sia l'ombra di Aleandra Maddaloni, moglie del signore del luogo, vissuta nel XVIII secolo. Donna straordinariamente bella e viziosa seduceva tutti i giovani che le piacevano invitandoli nel castello quando lo sposo era assente. Ottenuto quanto desiderava li faceva morire in un profondissimo pozzo aiutata da un fidato servitore. Siccome, in assenza del marito i giovani continuavano a sparire, i contadini sospettosi, la denunciarono segretamente al consorte.
 
<br>Questi scoprì l'infamia di Aleandra e la fece murare viva in una cella della torre, ma si vede che anche l'orribile castigo non è bastato.
 
<br>Questi scoprì l'infamia di Aleandra e la fece murare viva in una cella della torre, ma si vede che anche l'orribile castigo non è bastato.
 
==BIBLIOGRAFIA==
 
===Fonti moderne===
 
<bibimport/>
 
*<bib id="LAPUCCI 1991"></bib>
 
  
 
[[Categoria:Creature Fantastiche]]
 
[[Categoria:Creature Fantastiche]]
[[Categoria:Non Morti]]
 
 
[[Categoria:Fantasmi]]
 
[[Categoria:Fantasmi]]
 
[[Categoria:Itinerari Arcani]]
 
[[Categoria:Itinerari Arcani]]

Per favore tieni presente che tutti i contributi a Il Crepuscolo degli Dèi possono essere modificati, stravolti o cancellati da altri contributori. Se non vuoi che i tuoi testi possano essere alterati, allora non inserirli.
Inviando il testo dichiari inoltre, sotto tua responsabilità, che è stato scritto da te personalmente oppure è stato copiato da una fonte di pubblico dominio o similarmente libera (vedi Il Crepuscolo degli Dèi:Copyright per maggiori dettagli). Non inviare materiale protetto da copyright senza autorizzazione!

Annulla Guida (si apre in una nuova finestra)

Template utilizzato in questa pagina: