Alcmeone (1)

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Riga 6: Riga 6:
[[Categoria:Grecia]]
[[Categoria:Grecia]]
[[Categoria:Umani]]
[[Categoria:Umani]]
 +
[[Categoria:Guerrieri]]
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
-
[[Categoria:Indole: Benevola]]
+
[[Categoria:Indole: Malevola]]
[[Categoria:Vendetta]]
[[Categoria:Vendetta]]
[[Categoria:Pazzia]]
[[Categoria:Pazzia]]
[[Categoria:Matricidio]]
[[Categoria:Matricidio]]

Versione del 20:56, 4 giu 2012

Figlio di Erifile e di Anfiarao. Erifile, per possedere il peplo e il collare di Armonia, che Polinice le aveva promesso se gli avesse rivelato il nascondiglio del marito Anfiarao che si era nascosto per non partecipare alla guerra dei Sette contro Tebe, tradì il marito che trovò la morte a Tebe. Ma Alcmeone vendicò la morte del padre, uccidendo la madre ambiziosa: perseguitato poi dalle Erinni impazzì. Girovagò a lungo finchè fu ospitato da Tegeo, re di Psofi e ne sposò la figlia Alfesibea alla quale donò il monile che egli aveva strappato dal collo della madre. Ma dato che non aveva ancora recuperato il senno continuò a girovagare finchè si fermò da Acheloo dove, finalmente recuperata la ragione, ne sposò la figlia Calliroe che gli diede due figli: Acarnano ed Anfotero. Per accontentare Calliroe, con la scusa di volerlo consacrare ad Apollo nel tempio di Delfi si fece restituire da Alfesibea il triste monile, ma, sparsasi la voce del suo inganno, fu ucciso dai fratelli di Alfesibea. Calliroe, disperata, chiese ed ottenne da Zeus che i suoi figli passassero repentinamente da infanti ad adulti per divenire i vendicatori del padre, Acarnano ed Anfotero riuscirono così ad uccidere i figli di Tegeo, con l'aiuto di Alfesibea, che aveva giurato vendetta contro i fratelli, ritenendo inammissibile la loro condotta.