Akh



				

				

Per gli antichi Egiziani era uno dei più alti princìpi spirituali dell'individuo, dotato delle caratteristiche dell'individuo a cui apparteneva e reso come "anima trasfigurativa del divino nell'umano". Essendo il principio più elevato, originariamente veniva attribuito solo agli dèi e ai faraoni. Oltre che dell'Akh, si credeva che la persona fosse dotata anche del ba e del ka rispettivamente spirito del corpo fisico e doppio immateriale e invisibile dell'Akh. Questa divinità astratta viene raffigurata da un ibis.

[modifica] Bibliografia

[modifica] Fonti moderne