Differenze tra le versioni di "Aion"

m (Sostituzione testo - "==Personaggi simili==" con "==PERSONAGGI SIMILI==")
 
(Una versione intermedia di uno stesso utente non è mostrata)
Riga 2: Riga 2:
 
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 
|nome originale=-
 
|nome originale=-
|altri nomi=-
+
|altri nomi=Eone
 
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 
|etimo=-
 
|etimo=-
Riga 37: Riga 37:
 
==PERSONAGGI SIMILI==
 
==PERSONAGGI SIMILI==
 
È stato equiparato al dio del tempo persiano [[Zurvan]].
 
È stato equiparato al dio del tempo persiano [[Zurvan]].
 +
 +
==MUSEO==
 +
<DPL>
 +
linksto=Aion
 +
namespace=Immagine
 +
ordermethod=titlewithoutnamespace
 +
order=ascending
 +
format=<gallery perrow=8>,%PAGE%|[[:Immagine:%TITLE%|%TITLE%]]\n,,</gallery>
 +
</DPL>
  
 
[[Categoria:Mitologia Classica]]
 
[[Categoria:Mitologia Classica]]

Versione attuale delle 20:58, 6 lug 2020

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: Eone
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Sottotipologia: Divinità delle Astrazioni
Specificità: Divinità del Tempo
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Uomo-Animale
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Neutrale
Elemento: Terra
Habitat: Cielo
Tematiche: Tempo

Aion (in greco αἰών, dall'arcaico αἰϝών), o Eone, nella tradizione cosmologica greca, era la personificazione del Tempo, insieme a quella più celebre di Crono, corrispondente al Saturno latino. Venerato come "Signore della luce", rappresenta l'eternità, il tempo infinito, nonché il susseguirsi delle ere.
Euripide riporta Aion come figlio di Crono. Eraclito dice: "Lui è un bambino che gioca come un bambino e sposta le figure sul tavoliere. Il regno è di un bambino".

ICONOGRAFIA[modifica]

Iconograficamente lo troviamo raffigurato come un uomo con la testa leonina, con uno scettro, una chiave ed un fulmine tra le mani, avvolto da un serpente che intorno al suo corpo compie 7 giri e mezzo, corrispondenti alle sfere celesti.

CULTO[modifica]

In alcuni culti misterici veniva festeggiata ad Alessandria d'Egitto, il 6 gennaio, la sua nascita in una festa presso il santuario di Core, alla quale era attribuita la maternità. In tale occasione l'immagine di un bambino veniva portata in processione dal tempio al Nilo per raccogliere acqua che poi si sarebbe trasformata in vino.

PERSONAGGI SIMILI[modifica]

È stato equiparato al dio del tempo persiano Zurvan.

MUSEO[modifica]