Differenze tra le versioni di "Agamennone"

m (Annullate le modifiche di 5.135.165.126 (discussione), riportata alla versione precedente di Ilcrepuscolo)
m (Sostituzione testo - '|specificità=Sovrani' con '|specificità=Sovrani |sub=-')
(7 versioni intermedie di 2 utenti non mostrate)
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Umani
 +
|sottotipologia=Nobili
 +
|specificità=Sovrani
 +
|sub=-
 +
|indole=Benevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=-
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=[[Elenchi:Esilio|Esilio]], [[Elenchi:Vendetta|Vendetta]]
 +
}}
 +
 +
 
Leggendario re di [[Argo]] e [[Micene]], figlio di [[Atreo]] (re di Micene) e di [[Erope]], fratello di [[Menelao]], spodestato del trono da [[Egisto]] si rifugiò insieme col fratello [[Menelao]] a [[Sparta]] presso la corte di [[Tindaro]], e ne sposò la figlia [[Clitennestra]]. Con l'aiuto del suocero scacciò l'usurpatore dal trono di [[Micene]]. Quando scoppiò la guerra contro [[Troia]] per il rapimento di [[Elena]] una grande flotta greca si raccolse nel porto di [[Aulide]]. Agamennone fu nominato capo della spedizione (o meglio Primus inter pares che doveva sentire il parere degli altri capi). Per aver ucciso inavvertitamente una cerva consacrata a [[Artemide]], la dea impedì con dei venti contrari che la flotta partisse. Per calmare la dea, consigliato dall'indovino Calcante, egli non esitò a sacrificarle la figlia [[Ifigenia]], che [[Artemide]] impietosita trasse in salvo sostituendola nel momento del sacrificio con una cerva. Placati così i venti la flotta potè partire ed approdare a Tenedo vicino [[Troia]]. Dove nel decimo anno dell'assedio a [[Troia]] iniziò la celebre contesa tra Agamennone e [[Achille]].  
 
Leggendario re di [[Argo]] e [[Micene]], figlio di [[Atreo]] (re di Micene) e di [[Erope]], fratello di [[Menelao]], spodestato del trono da [[Egisto]] si rifugiò insieme col fratello [[Menelao]] a [[Sparta]] presso la corte di [[Tindaro]], e ne sposò la figlia [[Clitennestra]]. Con l'aiuto del suocero scacciò l'usurpatore dal trono di [[Micene]]. Quando scoppiò la guerra contro [[Troia]] per il rapimento di [[Elena]] una grande flotta greca si raccolse nel porto di [[Aulide]]. Agamennone fu nominato capo della spedizione (o meglio Primus inter pares che doveva sentire il parere degli altri capi). Per aver ucciso inavvertitamente una cerva consacrata a [[Artemide]], la dea impedì con dei venti contrari che la flotta partisse. Per calmare la dea, consigliato dall'indovino Calcante, egli non esitò a sacrificarle la figlia [[Ifigenia]], che [[Artemide]] impietosita trasse in salvo sostituendola nel momento del sacrificio con una cerva. Placati così i venti la flotta potè partire ed approdare a Tenedo vicino [[Troia]]. Dove nel decimo anno dell'assedio a [[Troia]] iniziò la celebre contesa tra Agamennone e [[Achille]].  
  
 
== La morte ==
 
== La morte ==
Dopo la caduta di [[Troia]] Agamennone portò con sè come schiava [[Cassandra]] (una delle figlie di [[Priamo]]), giunto nella sua reggia fu ucciso da [[Egisto]], che durante la lunghissima guerra contro Troia era diventato l'amante di [[Clitennestra]], la quale lo aiutò perché non aveva mai perdonato al marito il sacrificio (anche se non avvenuto) di [[Ifigenia]] (secondo alcuni autori la relazione adulterina fu ispirata da [[Afrodite]], desiderosa di punire il condottiero acheo per la distruzione di Troia). Agamennone aveva avuto da [[Clitennestra]] quattro figli: [[Elettra]], [[Crisotemi (2)|Crisotemi]], [[Ifigenia]] ed [[Oreste]] che per placare l'ombra del padre uccise la madre.
+
Dopo la caduta di [[Troia]] Agamennone portò con sè come schiava [[Cassandra]] (una delle figlie di [[Priamo]]): giunto nella sua reggia fu ucciso da [[Egisto]], che durante la lunghissima guerra contro Troia era diventato l'amante di [[Clitennestra]], la quale lo aiutò perché non aveva mai perdonato al marito il sacrificio (anche se non avvenuto) di [[Ifigenia]] (secondo alcuni autori la relazione adulterina fu ispirata da [[Afrodite]], desiderosa di punire il condottiero acheo per la distruzione di Troia). Agamennone aveva avuto da [[Clitennestra]] quattro figli: [[Elettra]], [[Crisotemi (2)|Crisotemi]], [[Ifigenia]] ed [[Oreste]] che per placare l'ombra del padre commise il matricidio.
  
 
== Vittime di Agamennone nella guerra di Troia ==
 
== Vittime di Agamennone nella guerra di Troia ==
Riga 23: Riga 50:
  
  
==Bibliografia==
+
{{Bibliografia}}
===Fonti Antiche===
 
*Omero, ''[[Iliade]]''
 
*Euripide, ''[[Ecuba (Euripide)|Ecuba]]''
 
  
 
== Riferimenti letterari ==
 
== Riferimenti letterari ==
Riga 35: Riga 59:
  
  
 +
[[Categoria:Mitologia Classica]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Europa]]
 
[[Categoria:Europa]]
 
[[Categoria:Mediterraneo]]
 
[[Categoria:Mediterraneo]]
 
[[Categoria:Grecia]]
 
[[Categoria:Grecia]]
 +
[[Categoria:Nobili]]
 
[[Categoria:Sovrani]]
 
[[Categoria:Sovrani]]
 
[[Categoria:Umani]]
 
[[Categoria:Umani]]
 
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
 
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
[[Categoria:Indole: Neutrale]]
+
[[Categoria:Indole: Benevola]]
 
[[Categoria:Guerrieri]]
 
[[Categoria:Guerrieri]]
 +
[[Categoria:Condottieri]]
 
[[Categoria:Vendetta]]
 
[[Categoria:Vendetta]]
[[Categoria:Punizione Divina]]
+
[[Categoria:Esilio]]

Versione delle 13:45, 22 mar 2020

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Nobili
Specificità: Sovrani
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: Esilio, Vendetta


Leggendario re di Argo e Micene, figlio di Atreo (re di Micene) e di Erope, fratello di Menelao, spodestato del trono da Egisto si rifugiò insieme col fratello Menelao a Sparta presso la corte di Tindaro, e ne sposò la figlia Clitennestra. Con l'aiuto del suocero scacciò l'usurpatore dal trono di Micene. Quando scoppiò la guerra contro Troia per il rapimento di Elena una grande flotta greca si raccolse nel porto di Aulide. Agamennone fu nominato capo della spedizione (o meglio Primus inter pares che doveva sentire il parere degli altri capi). Per aver ucciso inavvertitamente una cerva consacrata a Artemide, la dea impedì con dei venti contrari che la flotta partisse. Per calmare la dea, consigliato dall'indovino Calcante, egli non esitò a sacrificarle la figlia Ifigenia, che Artemide impietosita trasse in salvo sostituendola nel momento del sacrificio con una cerva. Placati così i venti la flotta potè partire ed approdare a Tenedo vicino Troia. Dove nel decimo anno dell'assedio a Troia iniziò la celebre contesa tra Agamennone e Achille.

La morte

Dopo la caduta di Troia Agamennone portò con sè come schiava Cassandra (una delle figlie di Priamo): giunto nella sua reggia fu ucciso da Egisto, che durante la lunghissima guerra contro Troia era diventato l'amante di Clitennestra, la quale lo aiutò perché non aveva mai perdonato al marito il sacrificio (anche se non avvenuto) di Ifigenia (secondo alcuni autori la relazione adulterina fu ispirata da Afrodite, desiderosa di punire il condottiero acheo per la distruzione di Troia). Agamennone aveva avuto da Clitennestra quattro figli: Elettra, Crisotemi, Ifigenia ed Oreste che per placare l'ombra del padre commise il matricidio.

Vittime di Agamennone nella guerra di Troia

Aurighi di Agamennone nella guerra di Troia


BIBLIOGRAFIA

Fonti antiche

Per visualizzare le fonti antiche su Agamennone vai a FontiAntiche:Agamennone

Fonti moderne

Per visualizzare le fonti moderne su Agamennone vai a FontiModerne:Agamennone

Riferimenti letterari

La figura di Agamennone nella letteratura postclassica

  • William Shakespeare, Troilo e Cressida, tragedia.