Aceste



				

				

Figlio del dio fluviale Crimiso e di Egesta, nobile donna troiana (egli stesso viene talora infatti chiamato Egeste), fu re di Sicilia. Accolse con cordiale ospitalità Enea e il veccio padre Anchise, erranti alla faticosa ricerca della patria originaria della loro famiglia. Aceste fece seppellire con grandi onori sul monte Erice, Anchise, morto proprio mentre era suo ospite. Successivamente fondò alcune colonie in Sicilia con Elimo, il fratellastro di Enea, che aveva preferito fermarsi nell'isola (secondo Virgilio però quest'ultimo era un siculo suo suddito).


[modifica] Sudditi noti di Aceste

[modifica] Bibliografia

[modifica] Fonti Antiche