Differenze tra le versioni di "Acate (1)"

(Nuova pagina: Fedele amico e scudiero di Enea, la sua lealtà divenne proverbiale: ''Fidus Achates''. Secondo una tradizione sarebbe stato lui a uccidere il primo nemico acheo, Protesilao, n...)
 
m (Sostituzione testo - "gallery perrow=5" con "gallery perrow=8")
 
(11 versioni intermedie di 3 utenti non mostrate)
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|200px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Umani
 +
|sottotipologia=Guerrieri
 +
|specificità=Scudi
 +
|sub=-eri
 +
|sub=-
 +
|indole=Benevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=-
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=[[Elenchi:Amicizia|Amicizia]]
 +
}}
 +
 +
 
Fedele amico e scudiero di [[Enea]], la sua lealtà divenne proverbiale: ''Fidus Achates''. Secondo una tradizione sarebbe stato lui a uccidere il primo nemico acheo, [[Protesilao]], nella decennale [[guerra di Troia]].
 
Fedele amico e scudiero di [[Enea]], la sua lealtà divenne proverbiale: ''Fidus Achates''. Secondo una tradizione sarebbe stato lui a uccidere il primo nemico acheo, [[Protesilao]], nella decennale [[guerra di Troia]].
<br>Fuggì con [[Enea]] da [[Troia]] in fiamme e lo seguì nell'esilio. Giunti nel Lazio, dovettero combattere contro le popolazioni locali. Durante un combattimento rimase lievemente ferito dall'asta del giovane latino [[Numitore (2)|Numitore]]. Nell'ultima battaglia decapitò il [[rutulo]] [[Epulone]].
+
<br>Fuggì con [[Enea]] da [[Troia]] in fiamme e lo seguì nell'esilio. Accompagnò Enea nell'antro della [[Sibilla Cumana]] ed è nominato varie volte. Giunti nel Lazio, dovettero combattere contro le popolazioni locali. Durante un combattimento aiutò Enea passandogli un giavellotto che gli permise di uccidere [[Meone]]. Rimase lievemente ferito dall'asta del giovane latino [[Numitore (2)|Numitore]]. Nell'ultima battaglia decapitò il [[rutulo]] [[Epulone]].
 +
 
 +
==MUSEO==
 +
<DPL>
 +
linksto=Acate (1)
 +
namespace=Immagine
 +
ordermethod=titlewithoutnamespace
 +
order=ascending
 +
format=<gallery perrow=8>,%PAGE%|[[:Immagine:%TITLE%|%TITLE%]]\n,,</gallery>
 +
</DPL>
 +
 
 +
==BIBLIOGRAFIA==
  
== Riferimenti artistici ==
+
''[[Virgilio]], ''[[Eneide]]''
*Dosso Dossi, ''Enea e Acate sulla costa libica'', dipinto.
 
  
==Bibliografia==
 
 
===Fonti moderne===
 
===Fonti moderne===
 
<bibimport/>
 
<bibimport/>
 
*<bib id="GRIMAL 1999"></bib>
 
*<bib id="GRIMAL 1999"></bib>
  
 +
[[Categoria:Mitologia Classica]]
 
[[Categoria:Mitologia Romana]]
 
[[Categoria:Mitologia Romana]]
 
[[Categoria:Europa]]
 
[[Categoria:Europa]]
Riga 16: Riga 54:
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Grecia]]
 
[[Categoria:Grecia]]
[[Categoria:Eroi]]
 
[[Categoria:Umani]]
 
 
[[Categoria:Guerrieri]]
 
[[Categoria:Guerrieri]]
 
[[Categoria:Scudieri]]
 
[[Categoria:Scudieri]]
[[Categoria:Umani]]
 
 
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 
[[Categoria:Indole: Benevola]]
 
[[Categoria:Indole: Benevola]]
 
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
 
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
 +
[[Categoria:Amicizia]]

Versione attuale delle 20:44, 2 lug 2020

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Guerrieri
Specificità: Scudi
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: Amicizia


Fedele amico e scudiero di Enea, la sua lealtà divenne proverbiale: Fidus Achates. Secondo una tradizione sarebbe stato lui a uccidere il primo nemico acheo, Protesilao, nella decennale guerra di Troia.
Fuggì con Enea da Troia in fiamme e lo seguì nell'esilio. Accompagnò Enea nell'antro della Sibilla Cumana ed è nominato varie volte. Giunti nel Lazio, dovettero combattere contro le popolazioni locali. Durante un combattimento aiutò Enea passandogli un giavellotto che gli permise di uccidere Meone. Rimase lievemente ferito dall'asta del giovane latino Numitore. Nell'ultima battaglia decapitò il rutulo Epulone.

MUSEO[modifica]

BIBLIOGRAFIA[modifica]

Virgilio, Eneide

Fonti moderne[modifica]

  • [GRIMAL 1999]