Modifica di Abraxas

Attenzione: non hai effettuato l'accesso. Se effettuerai delle modifiche il tuo indirizzo IP sarà visibile pubblicamente. Se accedi o crei un'utenza, le tue modifiche saranno attribuite al tuo nome utente, insieme ad altri benefici.

Questa modifica può essere annullata. Controlla le differenze mostrate sotto fra le due versioni per essere certo che il contenuto corrisponda a quanto desiderato, e quindi salvare le modifiche per completare la procedura di annullamento.
Versione attuale Il tuo testo
Riga 27: Riga 27:
 
Questo strano essere ibrido sembra essere il simbolo stesso della Gnosi. Generalmente è un personaggio a testa di gallo, vestito di un'armatura da cui escono, al posto delle gambe, due serpenti ricurvi verso l'alto, ciascuno con la sua testa. Spesso ha nella mano sinistra uno scudo sul quale compaiono le lettere IAO o AIO (l'ultima lettera è per lo più un omega greco). Il primo a parlarne sembra essere stato Basileides nel II secolo d.C. Con ogni probabilità deriva da un più antico dio creatore a carattere solare: infatti, un'immagine molto simile attribuibile ad un dio non identificato ma a carattere appunto celeste o solare, compare nella parte superiore di una stele egizia, detta Metternich. Questo probabile antenato di Abraxas ha il corpo di un uomo-uccello, con quattro ali e con due serpenti che fuoriescono dalle ginocchia. È possibile che la complessità simbolica di un simile essere abbia indotto gli gnostici a farne un emblema filosofico.
 
Questo strano essere ibrido sembra essere il simbolo stesso della Gnosi. Generalmente è un personaggio a testa di gallo, vestito di un'armatura da cui escono, al posto delle gambe, due serpenti ricurvi verso l'alto, ciascuno con la sua testa. Spesso ha nella mano sinistra uno scudo sul quale compaiono le lettere IAO o AIO (l'ultima lettera è per lo più un omega greco). Il primo a parlarne sembra essere stato Basileides nel II secolo d.C. Con ogni probabilità deriva da un più antico dio creatore a carattere solare: infatti, un'immagine molto simile attribuibile ad un dio non identificato ma a carattere appunto celeste o solare, compare nella parte superiore di una stele egizia, detta Metternich. Questo probabile antenato di Abraxas ha il corpo di un uomo-uccello, con quattro ali e con due serpenti che fuoriescono dalle ginocchia. È possibile che la complessità simbolica di un simile essere abbia indotto gli gnostici a farne un emblema filosofico.
  
==ETIMOLOGIA==
+
==Etimologia==
 
Un particolare valore viene attribuito al nome Abraxas in sé: infatti, il valore numerico delle lettere che lo compongono è pari a 365, ed inoltre le sue sette lettere sono fatte corrispondere ai sette pianeti; per di più la stessa parola magica per eccellenza, «abracadabra», si ritiene derivi dal nome Abraxas. Varie etimologie, più o meno scientifiche, sono ad esso attribuite: secondo alcuni, deriverebbe da ''abir'', toro, e ''axis'', asse polare, con riferimento al movimento della terra ed all'equinozio primaverile; secondo altri, deriverebbe invece dall'egiziano ''abrak sax'', che significa parola sacra.
 
Un particolare valore viene attribuito al nome Abraxas in sé: infatti, il valore numerico delle lettere che lo compongono è pari a 365, ed inoltre le sue sette lettere sono fatte corrispondere ai sette pianeti; per di più la stessa parola magica per eccellenza, «abracadabra», si ritiene derivi dal nome Abraxas. Varie etimologie, più o meno scientifiche, sono ad esso attribuite: secondo alcuni, deriverebbe da ''abir'', toro, e ''axis'', asse polare, con riferimento al movimento della terra ed all'equinozio primaverile; secondo altri, deriverebbe invece dall'egiziano ''abrak sax'', che significa parola sacra.
  

Per favore tieni presente che tutti i contributi a Il Crepuscolo degli Dèi possono essere modificati, stravolti o cancellati da altri contributori. Se non vuoi che i tuoi testi possano essere alterati, allora non inserirli.
Inviando il testo dichiari inoltre, sotto tua responsabilità, che è stato scritto da te personalmente oppure è stato copiato da una fonte di pubblico dominio o similarmente libera (vedi Il Crepuscolo degli Dèi:Copyright per maggiori dettagli). Non inviare materiale protetto da copyright senza autorizzazione!

Annulla Guida (si apre in una nuova finestra)

Template utilizzato in questa pagina: