Abadir

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
(Nuova pagina: 1. Nome della pietra che Rea fece inghiottire al marito Crono al posto di Zeus neonato. Poichè Crono divorava i propri figli appena nati, per evitare che da adulti lo ...)
Riga 1: Riga 1:
-
1. Nome della pietra che [[Rea]] fece inghiottire al marito [[Crono]] al posto di [[Zeus]] neonato. Poichè [[Crono]] divorava i propri figli appena nati, per evitare che da adulti lo detronizzassero, prima di partorire l'ultimo figlio [[Zeus]], si rifugiò nell'isola di Creta e dopo il parto presentò al marito una pietra ravvolta in fasce come fosse il bambino. La pietra che aveva salvato la vita a [[Zeus]] fu, poi sempre tenuta in grande considerazione. Racconta [[Esiodo]] ([[Teogonia]] 495 ss.) che la pietra vomitata da [[Crono]] fu posta da [[Zeus]] a [[Pito]] (l'antico nome di [[Delfi]]) perché rimanesse per sempre il segno degli antichi avvenimenti. Tale pietra, conservata ancora in età storica era oggetto di particolare venerazione; essa non va confusa con l'altra pietra sacra venerata a Delfi, l'omphalòs, (l'ombelico) che segnava in [[Delfi]] il centro della terra. Più tardi la pietra che aveva salvato la vita a [[Zeus]] fu dai Romani venerata col nome di dio [[Termine]]. Secondo Cicerone e altri la leggenda può considerarsi un'allegoria del tempo che tutto divora.
+
Nome della pietra che [[Rea]] fece inghiottire al marito [[Crono]] al posto di [[Zeus]] neonato. Poichè [[Crono]] divorava i propri figli appena nati, per evitare che da adulti lo detronizzassero, prima di partorire l'ultimo figlio [[Zeus]], si rifugiò nell'isola di Creta e dopo il parto presentò al marito una pietra ravvolta in fasce come fosse il bambino. La pietra che aveva salvato la vita a [[Zeus]] fu, poi sempre tenuta in grande considerazione. Racconta [[Esiodo]] ([[Teogonia]] 495 ss.) che la pietra vomitata da [[Crono]] fu posta da [[Zeus]] a [[Pito]] (l'antico nome di [[Delfi]]) perché rimanesse per sempre il segno degli antichi avvenimenti. Tale pietra, conservata ancora in età storica era oggetto di particolare venerazione; essa non va confusa con l'altra pietra sacra venerata a Delfi, l'omphalòs, (l'ombelico) che segnava in [[Delfi]] il centro della terra. Più tardi la pietra che aveva salvato la vita a [[Zeus]] fu dai Romani venerata col nome di dio [[Termine]]. Secondo Cicerone e altri la leggenda può considerarsi un'allegoria del tempo che tutto divora.
[[Categoria:Mitologia Greca]]
[[Categoria:Mitologia Greca]]

Versione del 17:26, 23 apr 2009

Nome della pietra che Rea fece inghiottire al marito Crono al posto di Zeus neonato. Poichè Crono divorava i propri figli appena nati, per evitare che da adulti lo detronizzassero, prima di partorire l'ultimo figlio Zeus, si rifugiò nell'isola di Creta e dopo il parto presentò al marito una pietra ravvolta in fasce come fosse il bambino. La pietra che aveva salvato la vita a Zeus fu, poi sempre tenuta in grande considerazione. Racconta Esiodo (Teogonia 495 ss.) che la pietra vomitata da Crono fu posta da Zeus a Pito (l'antico nome di Delfi) perché rimanesse per sempre il segno degli antichi avvenimenti. Tale pietra, conservata ancora in età storica era oggetto di particolare venerazione; essa non va confusa con l'altra pietra sacra venerata a Delfi, l'omphalòs, (l'ombelico) che segnava in Delfi il centro della terra. Più tardi la pietra che aveva salvato la vita a Zeus fu dai Romani venerata col nome di dio Termine. Secondo Cicerone e altri la leggenda può considerarsi un'allegoria del tempo che tutto divora.